Domenica 21 Aprile 2019 | 22:30

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Falsi certificati qualità alle aziende:23 indagati 

BAT - Finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Bari hanno notificato la misura cautelare dell’obbligo di dimora nei confronti di 5 persone: il legale rappresentante, il direttore generale e tre dipendenti di una società, la Cdq Italia di Canosa, abilitata al rilascio di certificazioni di qualità e di conformità alle norme ISO operante in tutto il territorio dello Stato e all’estero (Albania – Spagna) riconosciuta dall’Ente nazionale di accreditamento “Accredia”
Falsi certificati qualità alle aziende:23 indagati 
CANOSA - Finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Bari stanno notificando un avviso di conclusione delle indagini preliminari a 23 persone, indagate a vario titolo per associazione per delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, falso in atto pubblico e istigazione alla corruzione in relazione al rilascio di false certificazioni di qualità e di conformità alle norme Iso ad aziende di Puglia, Lazio e Campania.

L'avviso è stato firmato dal pm della Procura di Trani Silvia Curione. Su richiesta dello stesso pm, il gip del tribunale di Trani Francesco Zecchillo ha disposto l’obbligo di dimora per cinque dei 23 indagati. Si tratta del legale rappresentante, del direttore generale e di tre dipendenti di una società con sede a Canosa di Puglia, la Cdq Italia srl, abilitata al rilascio delle certificazioni e operante in Italia e all’estero (Albania - Spagna), riconosciuta dall’Ente nazionale di accreditamento 'Accredià.

Tutti sono indagati a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, falso in atto pubblico ed istigazione alla corruzione. E’ in corso, altresì, per tutti gli indagati la notifica dell’avviso di conclusione delle indagini.

In particolare, i destinatari dell’ordinanza rilasciavano certificazioni di qualità ISO 9000, 9001 e 22000 senza effettuare i regolari controlli ed audit previsti per queste procedure. In molti casi attestavano fittiziamente la presenza di auditor qualificati. Per consentire la partecipazione di alcune aziende loro clienti, garantivano l’efficacia della certificazione ponendo date antecedenti alla presentazione delle offerte pubbliche.

Tra gli indagati sono ricompresi i legali rappresentanti delle aziende certificate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400