Martedì 23 Aprile 2019 | 22:01

NEWS DALLA SEZIONE

Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Si tinge i capelli di blu suore salesiane la cacciano da scuola

BARLETTA - La famiglia della giovane lamenta che l’originario regolamento di disciplina interno ('ogni studente è tenuto con la collaborazione e la supervisione della famiglia a indossare un abbigliamento consono all’ambiente educativo') è stato recentemente modificato con un’integrazione relativa a colore e taglio dei capelli
Si tinge i capelli di blu suore salesiane la cacciano da scuola
BARLETTA – E' stata cacciata dalla sua scuola, un istituto superiore cattolico parificato di Barletta, perchè si era tinta i capelli di blu, ed ora studia per preparare gli esami dell’ultimo anno da privatista. Protagonista una ragazza di 18 anni che ha preferito la libertà di avere una chioma eccentrica piuttosto che adattarsi alle regole di un istituto tenuto dalle suore salesiane.

Tra coloro che sono legati alla vicenda, tutti tengono le bocche cucite, a cominciare dalla madre superiora che è dirigente scolastico, fino alla famiglia della giovane che comunque, ha presentato una denuncia ai carabinieri. Chi la conosce la studentessa dice che quello di tingersi i capelli è un vezzo che dura da tanto e già in passato aveva provocato non pochi attriti a scuola. Fino a quando, il primo giorno di scuola, il 18 settembre, la ragazza si è presentata all’ingresso con i capelli tinti di blu. Sarebbe stata proprio la superiora, suor Gianfranca Petruzzella, ad impedirle di entrare per una questione di decoro e di rispetto delle regole.

Cosa che ha provocando la contrarietà della studentessa e l’ira dei genitori che hanno deciso di denunciare l’accaduto ai carabinieri e di fare causa alla scuola. Il clamore suscitato dalla vicenda ha colto tutti di sorpresa e sia a scuola, sia a casa della ragazza, si preferisce non parlare con i giornalisti. Solo una suora dell’istituto si lascia andare a qualche commento difendendo l’operato della superiora. "Questa è una scuola cattolica e ci sono delle regole – ha detto – e chi si iscrive a questa scuola le conosce, lo sa. Se lasciassimo fare a ciascuno quel che vuole, qui dentro diventerebbe un arcobaleno".

Intanto la giovane, sostenuta dalla famiglia, si è tenuta i capelli blu che mostra orgogliosa su Facebook in compagnia di altre ragazze e, invece di frequentare l’ultimo anno di scuola con i suoi compagni, ha deciso di studiare da privatista. A giugno farà anche lei gli esami finali, ma chissà in quale scuola, e chissà con quale colore di capelli. Di sicuro non con le suore salesiane di Barletta.   Il legale dell’istituto Fabio Mastrorosa, con una nota diffusa in serata, difende la correttezza dell’operato delle suore. "All’istituto – dice – non risulta alcun contenzioso in atto con i familiari della ragazza, al contrario di quanto divulgato in queste ore dai mezzi di informazione". "Sulla questione – ha detto ancora – si ritiene che il rispetto del regolamento, valido per tutti i frequentanti, sia un atto dovuto. Ed è ciò che la superiora ha chiesto. Ma per tutta risposta la studentessa ha invece chiamato i suoi genitori, che immediatamente hanno ritenuto di dover richiedere il nulla osta per trasferire la propria figlia presso un altro istituto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400