Giovedì 21 Gennaio 2021 | 10:05

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
Barinel Barese
Corato, scovato piromane di dodici anni

Corato, scovato piromane di dodici anni

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 
FoggiaL'operazione
Ricettazione e riciclaggio auto: 10 arresti a Foggia, giro da 100mila euro al mese

Ricettazione e riciclaggio auto: 10 arresti a Foggia, giro da 100mila euro al mese

 
TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Raccolta fondi a Trani una mano tesa per Eleonora

di NICO AURORA
TRANI - Eleonora è il nome di fantasia di una donna di 34 anni, nativa di Milano ma tranese di residenza ed adozione, costretta ad assumere sessanta pillole al giorno, tra farmaci procinetici, che stimolino la mobilità intestinale, antidolorifici ed altri, nell’attesa di un’operazione, l’ennesima, ma che potrebbe essere la risolutiva
Raccolta fondi a Trani una mano tesa per Eleonora
di NICO AURORA

TRANI - Quella che è già partita è una doppia corsa contro il tempo: per la salute di Eleonora e per reperire i fondi per salvarla. Eleonora è il nome di fantasia di una donna di 34 anni, nativa di Milano ma tranese di residenza ed adozione, costretta ad assumere sessanta pillole al giorno, tra farmaci procinetici, che stimolino la mobilità intestinale, antidolorifici ed altri, nell’attesa di un’operazione, l’ennesima, ma che potrebbe essere la risolutiva.

Tuttavia, per effettuarla, servono non meno di 50mila euro, una somma insostenibile nella misura in cui il Servizio sanitario nazionale non coprirebbe tale intervento e, nel frattempo, la famiglia ha già dato fondo a tutte le risorse, giungendo anche a vendersi la casa, per tamponare, già da anni, un male che purtroppo incalza. Eleonora convive con il suo dolore da quando aveva 20 anni: cominciò a soffrire sporadicamente di mal di pancia particolarmente fastidiosi, problemi intestinali e stipsi. «Dicevano che erano cose normali, dovute allo stress, ai ritmi di vita a Milano, alla cattiva alimentazione – racconta suo marito -. Ma il suo calvario è iniziato dopo un’operazione nel 2004 per cisti ovarica. Nel post-operazione Eleonora cominciò ad avere problemi per stati subocclusivi intestinali, ed i dottori pensarono subito che nell’intervento si fosse toccata qualche vena. Tuttavia, quando Eleonora fu rioperata, i dottori si resero conto che non c'erano ostruzioni d’alcun genere e non sapevano dare spiegazioni a questo problema».

La famiglia, allora, si recò a Bologna. Qui Eleonora fu operata da un’equipe specializzata che le asportò parzialmente il colon. «Dopo l’intervento, però – riferisce sempre il consorte -, ebbe un’ischemia all’altra parte del colon e le fu asportato totalmente». Nel 2005, nuova operazione ed applicazione di una «Noble»: Eleonora andò in shock settico, fu sottoposta a nutrizione parenterale. Allora, ritorno a Milano per l’ennesimo intervento, con asportazione del sigma e, parziale, dell’ileo.

«Un problema “funzionale” dell’intestino, le dicevano – riferisce il marito -, un problema inoperabile per cliniche ed ospedali di mezza Italia. Ci siamo spostati ovunque, spendendo una marea di soldi. Abbiamo venduto casa, acceso vari prestiti, che stanno ancora saldando, e, fortunatamente, abbiamo trovato una soluzione per l’abitazione, abbattendo un po' il costo dell’affitto: con quello ci paghiamo medicinali per circa 500 euro al mese». Oggi, però, si profilerebbe la soluzione: è in una clinica milanese, la Capitanio. All’esito di una visita specialistica, un professore ha detto che Eleonora dovrebbe subire un intervento di resezione ileale multipla e adesiolisi. L’operazione ha un costo che varia dai 35mila ai 50mila euro, in base alle ore che sarà in sala operatoria ed ai giorni che vivrà in terapia intensiva.

«Sono cifre che oggi non abbiamo – confessa il marito - e nessuno è in grado di garantirci. Ci siamo rivolti a chiunque, ma non abbiamo avuto risposte». Eleonora ha scritto al Papa, s’è provato anche con Le Iene e Striscia la notizia. Si prega e si ha fede. Noi possiamo darvi, autorizzati dal marito, il seguente numero telefonico di riferimento: 338.1117988. Adesso è il momento in cui ciascuno faccia, secondo possibilità e coscienza, la propria parte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie