Giovedì 25 Aprile 2019 | 20:13

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Sisto: «Decaro senza pudore»

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Disguido burocratico e pergamene di laurea restano bloccate

BISCEGLIE - Dottori in giurisprudenza e in scienze politiche. Proclamati presso l’Università degli studi di Bari, con o senza alloro. Ma, ciò che è certo, rimasti senza “carta”, privi cioè della fatidica pergamena che attesta il conseguimento della laurea. Ora viene alla luce una storia davvero paradossale: un inghippo burocratico ha bloccato il tutto
Disguido burocratico e pergamene di laurea restano bloccate
lBISCEGLIE - Dottori in giurisprudenza e in scienze politiche. Proclamati presso l’Università degli studi di Bari, con o senza alloro. Ma, ciò che è certo, rimasti senza “carta”, privi cioè della fatidica pergamena che attesta il conseguimento della laurea. Ora viene alla luce una storia davvero paradossale. Infatti decine di laureati, molti dei quali residenti nelle città della provincia di Barletta-Andria-Trani, hanno effettuato la seduta di laurea nel lontano anno accademico 2009-2010. Ma della pergamena non hanno visto nemmeno l’ombra. Anzi, all’epoca, versarono una cinquantina di euro di tassa, da integrare poi alla consegna con l’ulteriore balzello della marca da bollo. Si disse loro di attendere il tempo necessario per vergare nome e cognome del laureato. E invece no, sono passati quattro anni, facendo ovviamente slittare anche la consegna delle pergamene degli anni successivi. Se si richiede nel frattempo un certificato di laurea bisogna sborsare altro denaro.

Alla domanda tesa a conoscere quanto altro tempo ci vorrà per poter toccare con mano il “suggello” di anni di studio e di sacrifici economici c’è la solita risposta del personale della segreteria studenti: “Vi manderemo l’avviso per posta”. Insomma una soddisfazione repressa. Punto e basta? No. Approfondendo il caso si scopre che c’è un inghippo burocratico. Dall’anno accademico in questione le diciture sulla pergamena sono cambiate. Cioè vanno aggiunte la denominazione dell’Università ad Aldo Moro, non si scrive più preside di facoltà ma direttore di dipartimento ecc.

Per il personale amministrativo dell’Università che deve rifare ex-novo decine di pergamene sembra un ostacolo insormontabile. Sì, perché bisogna rifare un doppio lavoro, le pergamene erano pronte per la consegna. Poi è sopraggiunta la disposizione di bloccare tutto. Rimaste ad ammuffire in chissà quale armadio nel labirinto degli uffici. Uno spreco di risorse finanziarie, in un’Italia che va a rilento. Anche se non mancano le eccezioni.

Diversamente infatti vanno le cose al Politecnico di Bari, dove i tempi per ricevere l’attestato che testimonia la conclusione dei propri studi universitari sono stati completamente azzerati. Il laureando riceve il certificato nelle proprie mani in tempo reale grazie a un processo di snellimento dell’organizzazione, compresa l’adozione delle firme elettroniche di rettore, direttore generale e docenti. [luca de ceglia]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400