Sabato 23 Gennaio 2021 | 10:08

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa situazione in Basilicata
Covid 19, vaccini che scarseggiano: esclusi già 8mila lucani

Covid 19, vaccini che scarseggiano: esclusi già 8mila lucani

 
LecceLotta al virus
Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

 
TarantoLa decisione
Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

 
GdM.TVIl video
L'ospedale Monopoli-Fasano prende forma: ecco il nuovo polo ospedaliero in un parco

L'ospedale Monopoli-Fasano prende forma: ecco il nuovo polo ospedaliero in un parco

 
FoggiaLa fondazione
Famiglie a rischio usura: a Foggia salvate in 186

Famiglie a rischio usura: a Foggia salvate in 186

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
PotenzaIl caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 

i più letti

Tentarono un omicidio ad Andria nel 2007 pregiudicati arrestati La vittima si finse morto

BARI – Sette anni dopo i fatti, due pluripregiudicati di Andria sono stati arrestati dai carabinieri per tentativo di omicidio, detenzione abusiva di armi e munizioni, ricettazione, danneggiamento a seguito di incendio con l’aggravante di aver favorito un clan mafioso. Si tratta di Francesco Nicolamarino, di 43 anni, e di Nicola Sgaramella, di 39, entrambi ritenuti appartenenti al clan mafioso andriese Pastore-Lapenna. Il tentato omicidio si inserisce in una cruenta guerra tra clan che ha minato la tranquillità della città di Andria tra il 1998 e il 2007
Tentarono un omicidio ad Andria nel 2007 pregiudicati arrestati La vittima si finse morto
BARI – Sette anni dopo i fatti, due pluripregiudicati di Andria sono stati arrestati dai carabinieri per tentativo di omicidio, detenzione abusiva di armi e munizioni, ricettazione, danneggiamento a seguito di incendio con l’aggravante di aver favorito un clan mafioso. Si tratta di Francesco Nicolamarino, di 43 anni, e di Nicola Sgaramella, di 39, entrambi ritenuti appartenenti al clan mafioso andriese Pastore-Lapenna.

Il tentato omicidio – secondo la Dda di Bari – si inserisce in una cruenta guerra tra clan che ha minato la tranquillità della città di Andria tra il 1998 e il 2007. A fronteggiarsi due potenti clan mafiosi locali, i Pesce-Pistillo da un lato e i Pastore-Lapenna dall’altro, sullo sfondo il controllo del traffico di sostanze stupefacenti. L’agguato risale al pomeriggio del 29 agosto 2007: due persone a bordo di una potente Audi A8 rubata raggiungono la centralissima piazza Murri di Andria e sparano 32 colpi di mitra contro Pietro Dell’Endice, pregiudicato, all’epoca dei fatti 24/enne. Il giovane viene ferito al torace e agli arti. Il killer si avvicina alla vittima per sparare il colpo di grazia alla testa ma si accorge di aver finito le munizioni. Quindi, si accanisce sul corpo di Dell’Endice, colpendolo ripetutamente e dicendogli "oggi sei morto". In realtà la vittima, fingendosi morta, se la cava con profonde ferite.

L'attività investigativa, avvalorata dalle dichiarazioni di sei collaboratori di giustizia, avrebbe consentito di accertare che il duplice movente del fatto di sangue era da ricondurre, da una parte ad incomprensioni relative alla ripartizione delle piazze di spaccio di sostanze stupefacenti, dall’altra per vendicare un altro tentativo di omicidio verificatosi un anno prima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie