Domenica 17 Gennaio 2021 | 13:30

NEWS DALLA SEZIONE

Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 

Il Biancorosso

L'intervista
Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaNel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Foggianel foggiano
San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

 
BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

«Tesoro» 27 milioni Divina Provvidenza sequestrata contabilità

TRANI - Nel fascicolo d’inchiesta sulla bancarotta di Casa Divina Provvidenza finisce altro carteggio contabile. Quello sequestrato nello studio dell’avvocato Patrizia Carobello dopo che la professionista tranese ha rinunciato al mandato professionale conferito da Suor Assunta Puzzello, la legale rappresentante di Casa di Procura
«Tesoro» 27 milioni Divina Provvidenza sequestrata contabilità
ANTONELLO NORSCIA
TRANI - Nel fascicolo d’inchiesta sulla bancarotta di Casa Divina Provvidenza finisce altro carteggio contabile. Quello sequestrato nello studio dell’avvocato Patrizia Carobello dopo che la professionista tranese ha rinunciato al mandato professionale conferito da Suor Assunta Puzzello, la legale rappresentante di Casa di Procura. Struttura apparentemente autonoma ma che per il procuratore aggiunto di Trani Francesco Giannella rappresentata il “simulacro” di Casa Divina Provvidenza per distrarre ed occultare ingenti somme ai propri creditori.

Nelle scorse settimane Giannella ha chiesto ed ottenuto dal giudice per le indagini preliminari Rossella Volpe il decreto per acquisire dalla professionista documentazione tenuta nel suo studio in attesa di restituirla all’ormai ex cliente Casa Procura. Nelle mani della polizia giudiziaria sono finiti alcuni documenti che, evidentemente secondo gli investigatori, potrebbero portar linfa all’ipotesi secondo cui il tesoretto di 27 milioni e mezzo di euro sequestrato a Casa di Procura sia, in realtà, di Casa Divina Provvidenza. Fiumi di danaro che la CDP avrebbe dirottato con una serie di operazioni bancarie che avrebbero visto anche la partecipazione dello Ior, in pratica la Banca Vaticana.

Documenti che l’ufficio inquirente tranese riterrebbe interessanti per coltivare e/o addirittura confortare la propria ipotesi di lavoro. Un carteggio acquisito dallo studio dell’avvocato Patrizia Carobello prima che potesse tornare nella disponibilità di Casa di Procura o di quello che di lì a poco sarebbe stato il nuovo difensore, l’avvocato-parlamentare barese Francesco Paolo Sisto. Non è certo frequente che vengano sequestrati documenti ad un avvocato che non ha nulla a che fare coi temi d’indagine del proprio assistito (l’avvocato Carobello – è bene evidenziarlo – non è indagata e non ha alcun ruolo nella vicenda) ma questo la dice lunga sull’impronta dell’inchiesta. Che non risparmia alcun elemento. Nemmeno gli atti di un precedente procedimento penale (come riferito ieri da La Gazzetta) finito in archivio dieci anni fa senza nessuna condanna ma comunque acquisito all’attuale fascicolo.

Al secondo piano di Palazzo Torres si è meditato sul sequestro quando l’avvocato Carobello, per corretta prassi, ha inviato per conoscenza all’ufficio inquirente copia della missiva di rinuncia al mandato inoltrata a Casa di Procura. Nella lettera, così come sempre avviene da parte di un legale a fine del mandato professionale, si invitava Casa Procura a ritirare la documentazione detenuta in studio per il mandato conferito.

E’ stato allora che nella mente degli investigatori è balzata l’idea di chiedere al gip di sequestrare quella documentazione nel caso potesse dar ulteriore linfa all’indagine.

Sta di fatto che a distanza di alcune settimane dalla missiva della Carobello, nessuno da Casa Procura ha inteso affrettarsi a ritirare quella documentazione. Condotta che potrebbe far ritenere che, ad avviso di Casa Procura, il carteggio non contenesse nulla di rilevante e di diverso di quanto già non fosse conoscenza di Giannella e della Guardia di Finanza.

Ma, d’altro canto, nel fascicolo d’inchiesta potrebbe esser finito anche un importante documento che costituirebbe una sorta di ricognizione di cassa che la Congregazione delle Ancelle della Divina Provvidenza avrebbe fatto una volta ripresa la diretta gestione dell’Opera voluta da Don Uva. Cioè a fine 1998. E dunque dopo che erano culminati il regno del plenipotenziario Lorenzo Leone, le funzioni del commissario ecclesiastico Mons. Riccardo Ruotolo ed il ruolo nel consiglio di amministrazione della CDP di Fra’ Marco Fabello.

Sarebbe stato allora che il Capitolo, che poi avrebbe nominato al vertice Suor Rita Cesa per tre mandati (uno in più dei quelli previsti dallo statuto), avrebbe fatto la conta dei propri averi, ricostruendoli nero su bianco con segno positivo.

E’ questo uno snodo cruciale dell’inchiesta per capire se quell’attivo non sia il dna del tesoretto di 27 milioni e mezzo sequestrato a Casa di Procura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie