Venerdì 26 Aprile 2019 | 12:29

NEWS DALLA SEZIONE

Nessun ferito
Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: preso ucraino

 
L'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiA francavilla fontana
In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

In casa merce rubata e 2 pincher denutriti: denunciata coppia

 
GdM.TVNel barese
Scarafaggi in mulino ad Altamura, sequestrate 16 tonnellate di prodotti

Scarafaggi in mulino ad Altamura, sequestrate 16 tonnellate di prodotti

 
BatNessun ferito
Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: fermato

Bisceglie, spara contro carabinieri durante un controllo: preso ucraino

 
PotenzaÈ ancora minorenne
Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

Violentata per 9 anni dal papà e dal nonno: orrore nel Potentino

 
LecceIl provvedimento
Lecce, prime multe per rifiuti organici nei sacchi di plastica

Lecce, prime multe per rifiuti organici nei sacchi di plastica

 
FoggiaNel foggiano
Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: muore carbonizzato 26enne gambiano
Salvini: «Via grandi insediamenti»

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

Tribunale salva da Equitalia comune di S. Ferdinando Stop a ingiunzione da 1 mln

BARI - La sopravvivenza di un Comune merita maggiore tutela rispetto a un credito vantato (e non ancora accertato) dallo Stato nei confronti dello stesso ente locale. C’è un provvedimento del Tribunale civile di Bari che potrebbe fare da apripista nelle numerose controversie tra Stato e Comuni in cui il primo esercita un diritto di rivalsa sui secondi. A tirare un sospiro di sollievo, in questo caso, è di San Ferdinando di Puglia
Tribunale salva da Equitalia comune di S. Ferdinando Stop a ingiunzione da 1 mln
BARI - La sopravvivenza di un Comune merita maggiore tutela rispetto a un credito vantato (e non ancora accertato) dallo Stato nei confronti dello stesso ente locale. C’è un provvedimento del Tribunale civile di Bari che potrebbe fare da apripista nelle numerose controversie tra Stato e Comuni in cui il primo esercita un diritto di rivalsa sui secondi. A tirare un sospiro di sollievo, in questo caso, è di San Ferdinando di Puglia. L’ingiunzione di pagamento della Presidenza del Consiglio e la relativa cartella esattoriale emessa da Equitalia per circa un milione di euro sono infatti state sospese.

Non sussistono i presupposti, almeno sotto il profilo cautelare, perché lo Stato possa esercitare il diritto di rivalsa nei confronti del Comune della Bat. Anche perché la sentenza con la quale la Corte Europea dei diritti dell’Uomo ha con dannato l’Italia (e non San Ferdinando) a pagare un indennizzo per un esproprio di un terreno è precedente di un anno rispetto alla legge che attribuisce allo Stato di potersi rivalere sui Comuni. Un’arma terribile, quest’ultima, che può portare gli enti locali al dissesto.

La presidenza del Consiglio dei Ministri aveva ingiunto al Comune di San Ferdinando il pagamento di una somma che sfiora il milione di euro. Equitalia, nonostante la pendenza del giudizio di merito, ha premuto sull’aceleratore emettendo la cartella di pagamento. A San Ferdinando si è creato il panico. Il rischio dissesto era dietro l’angolo. Ma il Comune, con il sindaco Michele Lamacchia non si è arreso. Il Tribunale civile (presidente Riccardo Greco) ha accolto l’istanza dei difensori del Comune, disponendo la sospensione dell’efficacia esecutiva dell’ingiunzione di pagamento. Su un piatto della bilancia c’è un credito vantato dallo Stato verso il Comune. Sull’altro la stessa sopravvivenza dell’ente locale che sfiora i 15mila abitanti.

«L’efficacia esecutiva del titolo - scrive il Tribunale di Bari - ne consente l’immediata eseguibilità, con una ricaduta sull’operatività dell’ente comunale in ragione dell’elevato importo del credito azionato, così da concretizzarsi un periculum immediato per il Comune, la cui tutela, nella comparizione degli interessi fra le parti, appare più meritevole».
Il pagamento della somma avrebbe peraltro comportato il superamento dei limiti del Patto di stabilità. Con una serie di sanzioni che avrebbero determinato il blocco finanziario. Dietro l’angolo, tra l’altro, riduzione dei servizi sociali erogati dal Comune e blocco delle assunzioni. Per gli avvocati Michele Cascione e Marco Sabino Loiodice che assistono il Comune sempre più spesso gli enti locali «vengono aggrediti dalle Amministrazioni Statali e da Equitalia, messi in ginocchio e costretti a non potere più amministrare». [g. l.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400