Giovedì 18 Aprile 2019 | 18:52

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Flash mob contro il centro rifiuti

BARLETTA – Circa 300 persone, questa sera, si sono ritrovate in via Degli Ulivi, a Barletta, nel quartiere Barberini, la zona 167 della città, per un flash mob di protesta contro la realizzazione di un centro di raccolta per rifiuti, funzionale al servizio di raccolta differenziata porta a porta, avviato nel comune un mese fa. I residenti contestano la localizzazione dell’ecocentro
Flash mob contro il centro rifiuti
BARLETTA – Circa 300 persone, questa sera, si sono ritrovate in via Degli Ulivi, a Barletta, nel quartiere Barberini, la zona 167 della città, per un flash mob di protesta contro la realizzazione di un centro di raccolta per rifiuti, funzionale al servizio di raccolta differenziata porta a porta, avviato nel comune un mese fa. I residenti contestano la localizzazione dell’ecocentro.

"Con un foglietto fra le mani con su scritto 'presentè abbiamo voluto dimostrare all’amministrazione comunale che noi residenti del quartiere, da una parte siamo capaci di protestare civilmente – spiega un rappresentante del Comitato 'Salviamo le periferiè, Raffaele Patella, che ha organizzato il flash mob - e dall’altra siamo più maturi della classe politica, incapace di prendere decisioni".

All’inizio di giugno scorso, infatti, il consiglio comunale, in seduta monotematica, avrebbe dovuto decidere sulla delocalizzazione del centro di raccolta, ma venne a mancare il numero legale. "Spostare l’ecocentro a cento metri di distanza – spiega Patella – risolverebbe tutti i problemi, basterebbe rivedere il progetto, avere la volontà di farlo, ci aspettiamo che succeda, visto che nelle decisioni, fino ad ora, non siamo stati coinvolti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400