Venerdì 05 Marzo 2021 | 15:32

NEWS DALLA SEZIONE

L'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 
II fatti un mese fa
Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

Margherita di Savoia, 24enne morto mentre getta spazzatura: c'è l'inchiesta

 
Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

 
Il caso
Covid 19 ad Andria, dà testata a un carabiniere per evitare la multa: arrestato

Covid 19 ad Andria, dà testata a un carabiniere per evitare la multa: arrestato

 
La curiosità
Barletta, il parto-record di Gabriella nel parcheggio dell'ospedale

Barletta, il parto-record di Gabriella nel parcheggio dell'ospedale

 
Nella Bat
Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

Trani, attentato al sindaco, la visita di Piemontese: «Non c'è spazio per la violenza»

 
degrado
Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

 
L'emergenza
Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

 
L'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Nella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

Il Biancorosso

Serie C
Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

Gioco gol punti se l’«effetto Carrera» cambia il Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl gesto
Vico del Gargano, bandiera Lega bruciata a ede partito: rafforzata viilanza

Vico del Gargano, bandiera Lega bruciata alla sede partito: rafforzata vigilanza

 
Lecceil festival
Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

Sangiorgi canta a Sanremo: «4 marzo ‘43 mi ricorda mio padre»

 
PotenzaL'emergenza
Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

Potenza, inaugurazione anno giudiziario Corte dei Conti: creato ufficio «Servizio Covid-19»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 10 ordinanze

 
TarantoOperazione Taros
Taranto, operazione «Taros» dei carabinieri contro la Scu: 16 arresti

Mafia, droga e voto di scambio: blitz dei Cc a Taranto, 16 arresti.
Leporano, soldi per le elezioni 2019 /Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Il personaggio

Barletta, Bastiano cuore biancorosso

Le parole e i consigli sull’emergenza Covid-19 del noto e storico massaggiatore del Barletta, Sebastiano Lavecchia

Barletta - Sebastiano Lavecchia

BARLETTA - Quello di Sebastiano Lavecchia, da sempre «Bastiano» e massaggiatore per trent’anni del Barletta, è uno dei romanzi del calcio da raccontare. Da tramandare nel tempo quale esempio di vita non solo calcistica, ma sociale, impegnata nell’altrui sostegno e nel diffondere i valori della vita all’insegna della solidarietà. Bastiano è la figura storica del Barletta Calcio di diversi decenni. Di epoche vissute da generazioni di calciatori e persone che si sono distinte tra vicende di ogni genere. Di Bastiano si può raccontare non solo la vita di massaggiatore nel Barletta tra successi, dolori e gioie fra cui gli anni ruggenti della Serie B, ma ricordare quando nel 1980 lasciò tutto e, da volontario, andò in Irpinia a soccorrere le vittime del terremoto. E ancora: indimenticabili le sue iniziative nel sociale come l’Operazione Sorriso a favore dei ragazzi disabili. E poi la promozione di donazioni a sostegno dei deboli.

Inoltre in virtù dell’impegno nel sociale nel 1987 il Presidente Cossiga gli concesse l’onorificenza di «Cavaliere Omri». E nel 2017 è stato insignito dal Presidente Mattarella del titolo di «Ufficiale Omri». E proprio in questi giorni dalla Fondazione Internazionale Papa Clemente XI e per mano del presidente ambasciatore Zef Bushati, gli è stata concessa la carica di Membro d'Onore della Fondazione.

La carriera di Bastiano cominciò nella lontana stagione 1964/65 quando fu chiamato dal Barletta a fare il massaggiatore del settore giovanile diretto da mister Lao Chiapulin. Successivamente, dopo qualche esperienza fuori Barletta, è entrato a pieno titolo nel club biancorosso. È stato testimone di quel Barletta in cui negli anni hanno militato leggendari tecnici e giocatori (di cui non elenchiamo i nomi per timore di dimenticare qualcuno). E soprattutto condotto da personaggi che hanno fatto la gloria del Barletta, fra questi il compianto Franco Dicosola, presidente della storica promozione nella cadetteria nazionale. Purtroppo, Bastiano ha conosciuto anche gli anni bui e drammatici del Barletta che, tuttavia, non hanno mai scalfito il suo senso di appartenenza ai colori, rimanendo comunque un punto di riferimento.

Oggi Bastiano, seppur fuori dal calcio agonistico, resta la memoria storica del Barletta. E, su tutto, non ha dismesso di essere per tanti la fonte di suggerimenti e consigli. E anche lui vive questo momento di emergenza sanitaria. «Si è fermato il mondo - afferma Bastiano - il nostro modo di vivere e tra le tante assurdità che stiamo assistendo, si è fermato anche il mondo dello sport. Quel magico mondo in cui ho coniugato tutto il mio periodo lavorativo e nello specifico in quello del Calcio. Quello fatto di grandi Campioni, di volti e nomi meno noti e di illustri sconosciuti. Come tutti, oggi, mi sento impotente e privo di quel calcio che tra vittorie, ricorsi al Var con discussioni da bar. Faccio leva sulla fiducia e sopratutto sulla speranza affinchè ognuno di noi deve guardare con ritrovata certezza per poter dire tutti insieme “è andato tutto bene” e continuare a dare la giusta continuità a tutti coloro che, senza un contratto da favola ma, semplicemente con un contratto gravitano nella immensità dell'universo del lavoro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie