Sabato 16 Gennaio 2021 | 19:14

NEWS DALLA SEZIONE

Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
NewsweekLa novità
Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

 
LecceIl caso
L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

i più letti

La vita dopo il virus

Barletta, «La didattica a distanza non crei danni in casa»

Carmine Gissi, dirigente scolastico: è un effetto collaterale del coronavirus

Coronavirus, Emiliano: lezioni a distanza a scuola. Forza Italia: fai ridere, ordinanza strampalata

BARLETTA - «C’è un contagio, oltre al coronavirus, che rischia di lasciare segni incancellabili nella nostra società: la didattica a distanza». Scherza, ma non troppo, Carmine Gissi dirigente scolastico di lungo corso ora al comprensivo «Giovanni XXIII» di San Ferdinando.

E poi: «La sospensione delle attività didattiche per un tempo così prolungato come mai era avvenuto dagli anni del dopoguerra, testimonia la gravità del momento. Milioni di studenti a casa e nuova organizzazione della vita quotidiana in famiglia. Il Governo ed il Ministero dell’Istruzione hanno fronteggiato tale inedita situazione invitando, con diversi provvedimenti normativi, i dirigenti scolastici ad “attuare modalità di didattica a distanza”, per non lasciare gli studenti e le loro famiglie nel disorientamento e senza punti di riferimento».
Gissi precisa: «L’organizzazione delle lezioni a distanza è stata lasciata all’autonomia delle scuole che hanno messo in campo moltissime esperienze di didattica digitale con l’obiettivo di dare continuità, seppure a distanza, ai percorsi formativi ed educativi e quindi alle relazioni con i ragazzi. Ma nonostante la dedizione e la disponibilità della maggior parte dei docenti, degli studenti e delle loro famiglie non poche perplessità ed incertezze sono sorte attorno a questo necessario ed encomiabile tentativo di fronteggiare le conseguenze dell’emergenza sanitaria».

Il preside Gissi provando a riassumerle «senza pretesa di completezza: la cosiddetta» si chiede: «ma la “didattica a distanza” ha un fondamento normativo nella legislazione scolastica? Si può obbligare i docenti ad attuarla, se le attività didattiche sono sospese? E con quali modalità organizzative? E con quali strumenti, se non tutti gli studenti e le loro famiglie dispongono di computer, tablet o dispositivi adeguati? Non c’è il rischio di nuove povertà e disuguaglianze educative? E poi: tutti i docenti hanno le necessarie competenze per l’utilizzo di piattaforme e-learning che ormai il mercato digitale mette abbondantemente a disposizione? Quanti di essi l’hanno sperimentato con i loro studenti? Può la didattica a distanza essere assimilata alla didattica digitale? E nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria come si interviene? C’è la possibilità di un feedback sugli interventi a distanza o addirittura di una valutazione degli argomenti trattati? Si può andare avanti col programma o bisogna limitarsi al consolidamento di contenuti già svolti?».

Ancora: «Infine la domanda delle domande: può la didattica a distanza (che alcuni ritengono essere una contraddizione in termini) pensare di poter sostituire la relazione d’aula fra docenti e studenti?».
«Tale groviglio di problemi è stato nei giorni scorsi ancor più complicato dall’atteggiamento di taluni dirigenti scolastici e docenti con atteggiamenti prescrittivi e burocratici (si usano obbligatoriamente alcune piattaforme digitali e non altre, si firma obbligatoriamente il registro elettronico, si conteggia il tempo dedicato alla didattica a distanza, si indicano procedure di verifica e valutazione non concordate con Organi collegiali impossibilitati a riunirsi, etc.) che non hanno certo contribuito a creare quel clima di cooperazione, responsabilità ed impegno necessario - ha puntualizzato -. Non è difficile immaginare, come sta avvenendo in molte Scuole, che i risultati migliori e le pratiche più interessanti provengono da quei docenti che già avevano sperimentato con i loro studenti segmenti di didattica a distanza, complementari alla didattica ordinaria, normale, di tutti i giorni, dove docenti e studenti dialogano, si confrontano e sperimentano nuove modalità di apprendimento».
La conclusione: «Un ripensamento della didattica tradizionale e la necessità di un serio piano di aggiornamento di tutti i docenti sulle competenze digitali è certamente il lascito dell’emergenza coronavirus, la cui lezione speriamo sappia essere adeguatamente tenuta in considerazione quando l’epidemia sarà passata.
Intanto è opportuno tralasciare ogni forma di fanatismo pedagogico, dettato più da “ansie di prestazioni” che da valutazioni serie e ponderate delle nuove necessità che la scuola deve fronteggiare al tempo del coronavirus, senza mai dimenticare che insegnare è sempre costruire una relazione, sia nella didattica in presenza che in quella a distanza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie