Lunedì 01 Marzo 2021 | 13:34

NEWS DALLA SEZIONE

degrado
Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

 
L'emergenza
Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

Andria, vigile scrive alla sindaca: «Non ce la faccio più contro gli assembramenti»

 
L'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Nella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
Il caso
Barletta, marito cancella l'identità della moglie per 20 anni: condannato

Barletta, marito cancella l'identità della moglie per 20 anni: condannato

 
la polemica
Bisceglie, lavori in corso sulla costa: «Sembra la muraglia biscegliese»

Bisceglie, lavori in corso sulla costa: «Sembra la muraglia biscegliese»

 
Nella Bat
Canosa, rapina a portavalori vicino alla posta: ferita guardia giurata

Canosa, rapina a portavalori vicino alla posta: ferite una guardia giurata

 
La sentenza d'appello
Barletta, Di Leo ucciso dopo lite per leadership sui frutti di mare: confermato ergastolo per sicario

Barletta, Di Leo ucciso dopo lite per leadership sui frutti di mare: confermato ergastolo per sicario

 
La fiction
Lolita Lobosco, parla Bianca Nappi: «Accanto alla Ranieri ho ritrovato Trani»

Lolita Lobosco, parla Bianca Nappi: «Accanto alla Ranieri ho ritrovato Trani»

 
sicurezza urbana
Barletta, ripristinata viabilità in via Buonarroti: nessun intralcio più per i Vigili del fuoco

Barletta, ripristinata viabilità in via Buonarroti: nessun intralcio più per i Vigili del fuoco

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl gesto
Potenza, mamma Laura morta a 100 anni, i figli donano tablet a ospedale San Carlo

Potenza, mamma Laura morta a 100 anni, i figli donano tablet a ospedale San Carlo

 
Batdegrado
Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

Trani, l’area del vecchio mattatoio trasformata in discarica a cielo aperto

 
Foggianel Foggiano
Bovino, rissa in un bar per mascherina non indossata: 2 feriti

Bovino, rissa in un bar per mascherina non indossata: 2 feriti

 
Tarantoil fatto
Taranto, a Paolo VI lavori fermi e ponteggi «eterni»: 20 famiglie da tempo vivono «ingabbiate»

Taranto, a Paolo VI lavori fermi e ponteggi eterni: 20 famiglie vivono «ingabbiate»

 
Brindisiintervento tempestivo
Fasano, scopre il marito a letto con l'amante: scoppia la zuffa e i vicini chiamano i CC

Fasano, scopre il marito a letto con l'amante: scoppia la zuffa e i vicini chiamano i CC

 

i più letti

la decisione

Barletta, morì di parto nel '98, Asl Bari condannata a risarcire la famiglia per oltre 1mln di euro

La vicenda destò clamore per un balletto di responsabilità legate a una trasfusione di sangue

Barletta, morì di parto nel '98, Asl Bari condannata a risarcire la famiglia per oltre 1mln di euro

Con una sentenza corposa il giudice monocratico del Tribunale Civile di Trani Luigi Mancini ha condannato l’Asl/Bari al pagamento di oltre 1 milione e 800mila euro a vario titolo risarcitorio in favore del marito e delle 2 figlie di Santa Ricatti, la 34enne deceduta all’ospedale Umberto I di Barletta il 29 dicembre 1998 poco dopo aver partorito un feto privo di vita: il bimbo si sarebbe dovuto chiamare Giuseppe.
La vicenda del drammatico parto destò clamore per un balletto di responsabilità su una trasfusione di sangue che contrastava con la confessione religiosa della Ricatti, testimone di Geova.

In sede penale il ginecologo Antonio Luzzi fu condannato per l’omicidio colposo della donna mentre l’analoga accusa per il decesso del feto fu dichiarata prescritta a seguito di un più lungo iter processuale. Infatti, la Cassazione cassò con rinvio il capo della sentenza della Corte d’Appello di Bari sulla morte del feto; dunque si celebrò un nuovo processo di secondo grado, terminato, per l’appunto, con la pronuncia di prescrizione.
Nel 2012 prese il via il processo civile il cui primo grado si è concluso con la pesante condanna nei confronti dell’Asl/Ba di cui all’epoca faceva parte il nosocomio barlettano. I parenti della Bizzoca avevano citato in giudizio l’Asl/Bat che, però, ha eccepito il “difetto di legittimazione passiva”, sostenendo, in pratica, che qualsiasi pretesa andava rivolta nei confronti dell’Asl/Ba perchè il fatto era antecedente l’1 gennaio 2007.

Tesi accolta dal Tribunale; dunque le domande risarcitorie formulate nei suoi confronti sono state ritenute estese all’Asl/Ba. A differenza di quest’ultima l’Asl/Bat aveva chiamato in causa anche le compagnie di assicurazioni a titolo di garanzia. Nessuna è stata condannata proprio perché il Tribunale non ha ritenuto responsabile l’assicurata l’Asl/Bat, bensì l’Asl/Ba.
Nella sentenza si dà atto della transazione fatto che nel corso del processo i parenti della Bizzoca hanno transatto una parte del danno ricevendo il pagamento di una somma (ulteriore a quella della sentenza) dall’assicurazione del ginecologo.
Le sentenze penali a carico di Luzzi per la morte di Bizzoca “hanno ampiamente accertato la responsabilità nell’aver provocato il decesso della donna” – scrive il dr. Mancini.

Seppur prescritta in sede penale l’ulteriore accusa di omicidio colposo per la morte del feto, il giudice civile scrive che “Luzzi dev’esser riconosciuto responsabile anche per il suo decesso” in quanto “alla luce del materiale probatorio utilizzabile deve del tutto escludersi che l’evento in questione possa qualificarsi – come invece sostenuto da Luzzi – quale evento imprevedibile ed eccezionale, il cui verificarsi esclude ogni responsabilità del medico convenuto. I consulenti nominati nel corso del procedimento penale ed ascoltati nel corso della istruttoria hanno ampiamente chiarito come Luzzi avrebbe potuto e dovuto individuare i segni della sofferenza fetale ed attivarsi tempestivamente. L’Asl Ba risponde delle conseguenze dell’operato di Luzzi, attribuibili all’azienda sanitaria come frutto di attività alla stessa imputabile”.
L’Asl/Ba aveva eccepito la prescrizione del diritto al risarcimento dei danni vantato dai parenti della Bizzoca e del figlioletto che portava in grembo ma per il giudice: “il diritto degli attori non è prescritto, atteso che l’eccezione di prescrizione sollevata dalla Asl/Ba è inammissibile” perché tardiva.
Passando alle causali di risarcimento, il Tribunale ha riconosciuto il diritto di marito e figlie della Bizzoca al risarcimento del danno non patrimoniale derivato dalla recisione del rapporto parentale “L’Asl/Ba – scrive il giudice Mancini - non ha mai contestato l’esistenza delle conseguenze pregiudizievoli, né sono mai stati dedotti elementi che potessero far presumere l’inesistenza di una sofferenza.”
Il risarcimento “tiene conto dell’età dei danneggiati (il marito della Ricatti all’epoca aveva 37 anni mentre le figlie 8 e 10) e del modo assai traumatico nel quale è avvenuto il decesso, nonché del comportamento gravemente colposo imputabile al Luzzi”. In entità minore il risarcimento liquidato per il danno conseguito alla morte di Giuseppe. “Non può trascurarsi che, per quanto certamente dolorosa possa essere stata la perdita di un nascituro, con lui non si era ancora instaurato un rapporto emotivo consolidato, fondato su interazioni, eventi comuni e ricordi condivisi. In altri termini, non può compararsi la perdita di un figlio (o fratello) appena nato con la perdita di un figlio (o fratello) con il quale si sia già condivisa parte della vita in comune ed al quale si è legati da ricordi ed emozioni comuni”. Liquidato anche il danno derivante dal fatto che “il decesso della Ricatti ha comportato in capo ai parenti una perdita economica, consistente nella privazione delle prestazioni di lavoro domestico da lei offerte”. Riconosciuto anche il risarcimento per le spese funerarie.
“L’Asl – chiosa la sentenza - risponde per fatto proprio, per cui nei confronti di questa possono essere accertati i fatti compiuti dal medico. La transazione con Luzzi ha avuto l’unico effetto di ridurre l’ammontare del risarcimento che l’obbligato solidale Asl deve ai danneggiati in proporzione a quanto il medico ha già corrisposto, atteso che il danno da far valere nei confronti di tutti gli obbligati rimane unico”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie