Martedì 26 Maggio 2020 | 22:50

NEWS DALLA SEZIONE

il grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 
Ambiente
La discarica di Trani verso la bonifica

La discarica di Trani verso la bonifica: ora inquina di meno

 
nella bat
Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

Bisceglie, la polizia lo pizzica mentre nasconde tre kg di marijuana in garage: arrestato 26enne

 
Allarme sociale
Andria, grido d'allarme della diocesi sulle scuole paritarie

Andria, grido d'allarme della diocesi sulle scuole paritarie

 
Su Amica 9 tv
Puglia, 25 maggio Giornata internazionale dei bimbi scomparsi: la diretta della Gazzetta

Puglia, 25 maggio Giornata internazionale dei bimbi scomparsi: la diretta della Gazzetta

 
La protesta
mercato di via Rossini

Mercato settimanale a Barletta, tra proteste e controlli

 
Incidente mortale
Barletta, operaio si schianta al suolo dopo volo di 3 metri: morto a 54 anni

Barletta, operaio si schianta al suolo dopo volo di 3 metri: morto a 54 anni

 
La Nave della legalità
L’impegno per la legalità nel videoclip del piccolo Cosimo Fiotta

L’impegno per la legalità nel videoclip del piccolo Cosimo Fiotta

 
Il caso
Carcere di Trani

Emergenza strutture penitenziarie: «C’era una volta il carcere di Trani...»

 
Un guasto elettrico
Canosa, l'auto prende fuoco mentre il conducente è alla guida: salvo per miracolo

Canosa, l'auto prende fuoco mentre il conducente è alla guida: salvo per miracolo

 
Voglia di normalità
Lele Sgherza, promotore di “Let’s live all – on stage”

A Biceglie si balla in disco, ma solo sui social: il popolo della notte scende in «rete»

 

Il Biancorosso

Calcio
L’ultima incornata dello Zar Maiellaro. «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

L’ultima incornata dello Zar Maiellaro: «De Laurentiis, spingi il Bari in serie A»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barimobilità sostenibile
Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

Bari, presentato il piano «Open Space» con piste ciclabili e piste per show

 
TarantoLa tragedia
Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

Taranto, si ribalta Apecar muore 80enne, ferita la moglie

 
LecceLa decisione
Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

 
Foggiafase 2
Più controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: la richiesta del prefetto

Controlli anti-movida e stop a sagre e feste nel Foggiano: le richieste del prefetto

 
Materadalla polizia
Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

Matera, in auto con la marijuana: 25enne ai domiciliari

 
Potenzanel Potentino
Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

Venosa, nell’ex ghetto di Boreano sorgerà un moderno centro di accoglienza migranti

 
Batil grande accusatore
Sistema Trani, chiesto il giudizio per D’Introno

Trani, giustizia svenduta: «D'Introno non è una vittima, deve essere processato»

 
BrindisiAmbiente
Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

Ostuni, volontari scoprono amianto nascosto in campagna

 

i più letti

In Cassazione

Savasta, l'ex pm ora pentito assolto da un'accusa di corruzione

La vicenda dell’acquisto del terreno confinante con la sua masseria in località 'San Felicè a Biscegl

pm Antonio Savasta

Il pm Antonio Savasta

Si chiude definitivamente con l'assoluzione il processo a carico dell’ex pm di Trani Antonio Savasta relativo all’acquisto del terreno confinante con la sua masseria in località 'San Felicè a Bisceglie. Il suolo era di proprietà di Donato Cosmai, il 71enne biscegliese sul quale l'allora magistrato aveva in precedenza indagato e dal quale - secondo l’ipotesi accusatoria - Savasta sarebbe riuscito a farsi vendere il pezzo di terra ad un prezzo conveniente usando il potere legato al ruolo che ricopriva in magistratura. In primo e in secondo grado Savasta era stato assolto dall’accusa di corruzione 'perché il fatto non sussistè.

I giudici della VI sezione penale della Cassazione, dinanzi ai quali la vicenda era approdata dopo l’impugnazione di Cosmai (parte civile) contro la sentenza di appello, hanno accolto la tesi dell’avvocato Massimo Manfredi, difensore di Savasta, dichiarando inammissibile il ricorso e rendendo così irrevocabile l’assoluzione. Il pg aveva chiesto l’annullamento con rinvio della sentenza. Savasta era accusato di corruzione per aver, in qualità di sostituto procuratore a Trani, indotto Cosmai a trasferire in favore di suo fratello Francesco Paolo Savasta, la proprietà del fondo rustico ad un prezzo di 33mila euro, ritenuto nel corso del procedimento penale un prezzo congruo. Nella sua denuncia Cosmai aveva invece sostenuto che la proprietà ceduta aveva un valore di 100mila euro.

Savasta è stato arrestato il 14 gennaio scorso assieme al collega Michele Nardi (all’epoca dei fatti entrambi erano in servizio presso il Tribunale di Roma) e all’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e al falso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie