Mercoledì 24 Aprile 2019 | 20:29

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

La denuncia

Emergenza cinghiali nelle campagne della Bat

Il sovrappopolamento sta causando danni ingenti. La denuncia di Lacenere (Confagricoltura)

cinghiali

Vengono avvistati ormai un po’ dovunque, in alcuni casi anche nei nostri centri abitati.
Distruggono raccolti agricoli, provocano danni ed incidenti stradali. I cinghiali, mammiferi simili ai maiali, spaventano il Nord Barese e si moltiplicano alla velocità della luce.

È la Murgia più profonda a essere colpita duramente da questo sovrappopolamento di ungulati. Le masserie più isolate. I campi, gli allevamenti. I cinghiali imperversano padroni per le strade delle nostre campagne e i danni alle coltivazioni e non solo sono incalcolabili. Gli agricoltori, oramai, sono stanchi di dover ogni mattina risistemare i muretti, rimettere in sesto le colture, fare la conta dei capi di bestiame assaltati.
l’allarme A lanciare l’allarme è Confagricoltura Bari-Bat. «Siamo in una situazione estremamente critica - dice il presidente Michele Lacenere - ma la Regione Puglia tarda ad avviare la normativa sul controllo venatorio dei cinghiali e le cifre stanziate per i risarcimenti dei danni, così come i programmi avviati di cattura incruenta, sono decisamente insufficienti e lasciano insoddisfatti gli agricoltori».

Il problema dei danni alle coltivazioni arrecati dagli ungulati sta assumendo una rilevanza notevole soprattutto per l’impatto economico che ne deriva. Il rischio denunciato da Confagricoltura è che, trascurando il problema e procrastinando le soluzioni, si determini da parte degli agricoltori della zona la convinzione che avere cura dell’ambiente sia un’inutile perdita di tempo.
il rischio «In una situazione in cui, ogni intervento di protezione del territorio e della fauna, come della proprietà privata e dei prodotti agricoli, viene vanificato dai continui assalti dei cinghiali - afferma Lacenere - la risposta degli agricoltori rischia di essere quella di abbandonare queste attività, ormai ritenute inutili. Sono i paradossi di un ecologismo privo di logica».
D’altra parte, spesso il ritardo nell’arrivo dei rimborsi finisce con lo scoraggiare gli imprenditori a presentare le richieste di risarcimento.
La necessità di proteggere le coltivazioni e gli armenti, fonte di reddito e di alimento, aveva determinato l’emanazione di normative che portavano alla riduzione delle popolazioni di quegli animali che venivano considerati, fino agli anni ’70 del secolo scorso, “nocivi”.

Legge sulla caccia «Una nuova coscienza ecologica, unitamente alla necessità di salvaguardare alcuni animali oramai in via d’estinzione - spiega il presidente di Confagricoltura Bari-Bat - determinò un repentino cambio nella considerazione di tali problemi e le normative furono aggiornate in tal senso». L’ultima legge sulla caccia, la 157 del 92 («Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio»), mostrava un indubbio favore nei confronti della tutela delle specie selvatiche. Alcune specie più aggressive si erano fortemente ridimensionate: confinati i lupi sugli Appennini e i cinghiali nelle riserve, la gestione dei “nocivi”, termine oramai scomparso dalla cultura venatoria, si limitava al risarcimento dei danni causati dai corvidi o dai carnivori minori.

Gestione allegra Ma la situazione in Puglia e in particolare nella Murgia settentrionale è negli ultimi anni radicalmente cambiata. «Una gestione molto allegra dei ripopolamenti di cinghiali a fini venatori, - afferma Lacenere - effettuati senza controllo e discernimento tecnico con l’utilizzo di soggetti non autoctoni in areali fortemente urbanizzati ha determinato, da subito, una situazione di allarme nelle comunità locali. La situazione è degenerata quando, a seguito dell’istituzione di vaste aree protette, venendo meno la pressione venatoria, i cinghiali sono accresciuti e le scorribande dei branchi senza controllo, in area protetta e non, sono divenute insostenibili».

Il disinteresse A fare il resto ci avrebbe pensato, secondo l’organizzazione, il disinteresse della politica. «Manca - dice il presidente di Confagricoltura Bari-Bat - una legge sul controllo venatorio dei cinghiali. Le sollecitazioni, a concordare una soluzione radicale del problema, inviate dalle Organizzazioni Professionali Agricole alle autorità regionali sono sempre state pressanti ma, ad oggi, nessuna risposta certa è arrivata e, soprattutto, il problema viene affrontato senza la necessaria continuità di lavoro, lasciando che il malessere delle popolazioni locali salga così come l’intolleranza, che oramai è dilagante, verso la fauna selvatica tutta. È veramente necessario portare la società civile ad una posizione così radicale per trovare una soluzione netta a tale situazione? La risposta non può che essere demandata all’autorità che ha l’onere della gestione della fauna e del territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400