Lunedì 27 Maggio 2019 | 01:53

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Monopoli e Corato
Telefonini in cabina: due denunciati nel Barese: «Mi dici come devo votare?»

Telefonini in cabina, due denunce: «Mi dici come devo votare?»

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Inchiesta da Lecce

Trani, magistrati arrestati: «Savasta modificò video per incastrare i cc»

Sui conti dell'ex pm in poco più di 3 anni versamenti sospetti per 235mila euro

Trani, magistrati arrestati: «Savasta modificò video per incastrare i cc»

Una pen-drive contenente il video di una perquisizione effettuata dai carabinieri ai danni di una persona di Corato, finito in un fascicolo che l’allora pm Antonio Savasta si affrettò a far archiviare prima del trasferimento come giudice a Roma. Il contenuto di quella chiavetta è l’elemento più misterioso dell’indagine che la scorsa settimana ha portato in carcere Savasta e il poliziotto Vincenzo Di Chiaro: il video - ha accertato la Procura di Lecce, che per questa storia contesta ai due il reato di calunnia nei confronti dei militari - era infatti stato alterato, aggiungendo alcune voci fuori campo in modo tale da far intendere che i carabinieri stessero cercando di estorcere all’uomo perquisito dichiarazioni contro Flavio D’Introno, l’imprenditore che avrebbe pagato Savasta e il gip Michele Nardi (pure lui arrestato) per manipolare alcune indagini.


La pen-drive, acquisita da Di Chiaro «da una fonte affidabile» il 15 dicembre 2014, finisce in un fascicolo affidato a Savasta che quel giorno era di turno in Procura. Quando a fine marzo scorso il pm lascia Trani per approdare a Roma come giudice, la sua richiesta di archiviazione viene assegnata alla gip Caserta che non se la beve:nel video - scrive - c’è «una voce (che sembra fuori campo) che pare sovrapporsi all’ambiente e alte vod registrate dal filmato», e soprattutto - rileva - il file contenente il video risulta copiato sulla chiavetta il 17 dicembre. Due giorni dopo il (presunto) sequestro.
È per questo che il fascicolo tranese è stato trasmesso a Lecce ed è entrato nell’inchiesta della pm Roberta Licci. E i risultati della perizia disposta sul video sono, a dir poco, stupefacenti. La registrazione è stata «senza ombra di dubbio» manipolata, e le voci aggiunte - scrive il consulente Silverio Greco - non appartengono a nessuno dei militari della Stazione di Corato e del Radiomobile di Trani che avevano partecipato alla perquisizione. «Colabe’ dicci il nome di Flavio D’Introno che ce ne andiamo Colabe’», «Capito Colabella, centrano flavio o no?», «Ah Colabe’, Tommaso Nuzzi, Flavio D’lntrono e tu, ci state in mezzo», sono le tre frasi aggiunte: dall’analisi della traccia audio, il consulente ha stabilito che «e non può essere stata ripresa dallo stesso trasduttore» (il microfono integrato in una telecamera di sicurezza, ndr) con cui era stato registrato il video della perquisizione.


Ma perché tutto questo? «Se è vero che non resta chiarita la finalità dell'azione delittuosa, che deve ritenersi diretta a favorire una qualche utilità al D’Introno - scrive il gip Giovanni Gallo -, va detto che la descrìtta condotta è idonea ad integrare oltre che un falso in atto pubblico anche una grave calunnia in danno dei Carabinieri». Tuttavia, secondo l’ordinanza, è «altamente probabile l’ipotesi che si sia voluta creare una sorta di arma di ricatto nei confronti dei carabinieri o comunque precostituire una difesa in favore di D’Introno e Nuzzi in ipotesi di effettivo coinvolgimento dei due da parte del Colabella in sue attività illecite».


D’Introno, che ha raccontato di aver pagato 2 milioni di euro ai due giudici arrestati, ha cominciato a collaborare con la Procura. Dai suoi verbali si stanno sviluppando altre indagini che, a quanto sembra, coinvolgerebbero anche alcuni altri magistrati. I pm salentini hanno seguito anche la traccia dei soldi. E, valorizzando una attività compiuta dalla Finanza di Firenze, hanno evidenziato che dal 2015 a marzo 2018 Savasta ha versato sui propri conti 235mila euro in aggiunta allo stipendio di magistrato, di cui 150mila con assegni, 43mila attraverso bonifici e 41mila in contanti. Nelle sue confessioni, D’Introno ha detto di avergli dato 300mila euro. Domani il Csm stabilirà se Savasta e Nardi (che ha chiesto i domiciliari o il trasferimento in un carcere diverso da quello di Lecce) meritino di essere sospesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400