Sabato 16 Febbraio 2019 | 21:02

NEWS DALLA SEZIONE

Davanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
Sanità
Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

 
giustizia
Trani, il Csm conferma: per procuratore Di Maio investitura bis

Trani, il Csm conferma procuratore Di Maio 

 
L'operazione della Gdf
Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo

Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo VD

 
Trend positivo nella BAT
Donazioni di organi, tra le eccellenze adesso c'è anche Andria

Donazioni di organi, tra le eccellenze adesso c'è anche Andria

 
La manifestazione
Mezza maratona a Barletta, 2000 podisti non solo dall'Italia

Mezza maratona a Barletta, 2000 podisti non solo dall'Italia

 
Sport
Barletta, nuovi fondi dal Coni per la ristrutturazione dello stadio Puttilli

Barletta, nuovi fondi dal Coni per la ristrutturazione dello stadio

 
L'operazione della polizia
Estorsione e spaccio di stupefacenti, tre arresti a Barletta

Estorsione e spaccio di stupefacenti, tre arresti a Barletta

 
Dai Cc
Andria, chiede il pizzo per restituire auto rubata: preso 40enne

Andria, chiede il pizzo per restituire auto rubata: preso 40enne

 
Il provvedimento
Andria, occupazione abusiva, fruttivendolo sospeso

Andria, occupazione abusiva, fruttivendolo sospeso

 
Colti in flagrante
Andria, cc scoprono base per riciclaggio auto rubate: 2 arresti

Andria, cc scoprono base per riciclaggio auto rubate: 2 arresti

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Inchiesta da Lecce

Trani, magistrati arrestati: «Savasta modificò video per incastrare i cc»

Sui conti dell'ex pm in poco più di 3 anni versamenti sospetti per 235mila euro

Trani, magistrati arrestati: «Savasta modificò video per incastrare i cc»

Una pen-drive contenente il video di una perquisizione effettuata dai carabinieri ai danni di una persona di Corato, finito in un fascicolo che l’allora pm Antonio Savasta si affrettò a far archiviare prima del trasferimento come giudice a Roma. Il contenuto di quella chiavetta è l’elemento più misterioso dell’indagine che la scorsa settimana ha portato in carcere Savasta e il poliziotto Vincenzo Di Chiaro: il video - ha accertato la Procura di Lecce, che per questa storia contesta ai due il reato di calunnia nei confronti dei militari - era infatti stato alterato, aggiungendo alcune voci fuori campo in modo tale da far intendere che i carabinieri stessero cercando di estorcere all’uomo perquisito dichiarazioni contro Flavio D’Introno, l’imprenditore che avrebbe pagato Savasta e il gip Michele Nardi (pure lui arrestato) per manipolare alcune indagini.


La pen-drive, acquisita da Di Chiaro «da una fonte affidabile» il 15 dicembre 2014, finisce in un fascicolo affidato a Savasta che quel giorno era di turno in Procura. Quando a fine marzo scorso il pm lascia Trani per approdare a Roma come giudice, la sua richiesta di archiviazione viene assegnata alla gip Caserta che non se la beve:nel video - scrive - c’è «una voce (che sembra fuori campo) che pare sovrapporsi all’ambiente e alte vod registrate dal filmato», e soprattutto - rileva - il file contenente il video risulta copiato sulla chiavetta il 17 dicembre. Due giorni dopo il (presunto) sequestro.
È per questo che il fascicolo tranese è stato trasmesso a Lecce ed è entrato nell’inchiesta della pm Roberta Licci. E i risultati della perizia disposta sul video sono, a dir poco, stupefacenti. La registrazione è stata «senza ombra di dubbio» manipolata, e le voci aggiunte - scrive il consulente Silverio Greco - non appartengono a nessuno dei militari della Stazione di Corato e del Radiomobile di Trani che avevano partecipato alla perquisizione. «Colabe’ dicci il nome di Flavio D’Introno che ce ne andiamo Colabe’», «Capito Colabella, centrano flavio o no?», «Ah Colabe’, Tommaso Nuzzi, Flavio D’lntrono e tu, ci state in mezzo», sono le tre frasi aggiunte: dall’analisi della traccia audio, il consulente ha stabilito che «e non può essere stata ripresa dallo stesso trasduttore» (il microfono integrato in una telecamera di sicurezza, ndr) con cui era stato registrato il video della perquisizione.


Ma perché tutto questo? «Se è vero che non resta chiarita la finalità dell'azione delittuosa, che deve ritenersi diretta a favorire una qualche utilità al D’Introno - scrive il gip Giovanni Gallo -, va detto che la descrìtta condotta è idonea ad integrare oltre che un falso in atto pubblico anche una grave calunnia in danno dei Carabinieri». Tuttavia, secondo l’ordinanza, è «altamente probabile l’ipotesi che si sia voluta creare una sorta di arma di ricatto nei confronti dei carabinieri o comunque precostituire una difesa in favore di D’Introno e Nuzzi in ipotesi di effettivo coinvolgimento dei due da parte del Colabella in sue attività illecite».


D’Introno, che ha raccontato di aver pagato 2 milioni di euro ai due giudici arrestati, ha cominciato a collaborare con la Procura. Dai suoi verbali si stanno sviluppando altre indagini che, a quanto sembra, coinvolgerebbero anche alcuni altri magistrati. I pm salentini hanno seguito anche la traccia dei soldi. E, valorizzando una attività compiuta dalla Finanza di Firenze, hanno evidenziato che dal 2015 a marzo 2018 Savasta ha versato sui propri conti 235mila euro in aggiunta allo stipendio di magistrato, di cui 150mila con assegni, 43mila attraverso bonifici e 41mila in contanti. Nelle sue confessioni, D’Introno ha detto di avergli dato 300mila euro. Domani il Csm stabilirà se Savasta e Nardi (che ha chiesto i domiciliari o il trasferimento in un carcere diverso da quello di Lecce) meritino di essere sospesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400