Giovedì 21 Febbraio 2019 | 08:18

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
Dopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
Tutti bitontini
Inseguiti dai cc, arrestati tre ladri seriali d'auto nel Nordbarese

Inseguiti dai cc, arrestati tre ladri seriali d'auto nel Nordbarese

 
La protesta
A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

A Trani un sit-in dei cittadini contro la chiusura dell’ospedale

 
La protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
Davanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
Sanità
Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

 
giustizia
Trani, il Csm conferma: per procuratore Di Maio investitura bis

Trani, il Csm conferma procuratore Di Maio 

 
L'operazione della Gdf
Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo

Andria, «zuccheraggio» del vino: sequestrati migliaia di ettolitri e stabilimento abusivo VD

 
Trend positivo nella BAT
Donazioni di organi, tra le eccellenze adesso c'è anche Andria

Donazioni di organi, tra le eccellenze adesso c'è anche Andria

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Per le attività commerciali

Andria, caso gazebo: manca il parere della Sovrintendenza

I dehors al momento sono irregolari

Andria, caso gazebo: manca il parere della Sovrintendenza

Nel consiglio comunale convocato per oggi 22 gennaio l’assise si sarebbe dovuta occupare della discussione, approvazione e adozione del regolamento dei dehors relativi alle attività commerciali della città, provvedimento molto atteso dagli esercenti a rischio continuo di sanzioni perché al momento irregolari.
Ebbene, tale regolamento non consta di un parere emesso dalla Sovrintendenza. Lo fa sapere il capogruppo M5S Michele Coratella con una nota: «Dopo anni di inerzia di questa amministrazione e dopo per avere aspettato anni per un regolamento comunale che avrebbe messo fine alle incertezze sul come e dove installare le strutture esterne ai bar, pizzerie, ristoranti, abbiamo un’unica certezza: nessun parere dalla Soprintendenza di Foggia, in quanto nessun regolamento è stato inviato dal comune di Andria. Una risposta che arriva a ridosso del consiglio comunale, quindi tardiva, e che arriva grazie anche alle sollecitazioni della nostra consigliera regionale Grazia Di Bari, poiché – spiega Coratella - non riuscivamo a comprendere i motivi della mancanza di tale fondamentale parere, soprattutto per dare certezze agli operatori del settore».


«Capite bene che adottare un regolamento senza il parere della Soprintendenza non risolverà i problemi delle nostre attività produttive. Purtroppo, ancora una volta questa amministrazione non ha inteso risolvere definitivamente i problemi. Infatti, la delibera presentata per il consiglio comunale riporta, nelle premesse, che il regolamento ha ricevuto il parere favorevole preventivo. Siamo di fronte a strani modi di fare di questa amministrazione, perché oggi la Soprintendenza ha detto, nero su bianco (nota del 18 gennaio inviata alla Prefettura Bat, a Unimpresa Bat che aveva chiesto l’intervento della Sovrintendenza, e per conoscenza inviata al sindaco n.d.r.), di “non aver rilasciato alcuna autorizzazione per il regolamento dehors del comune di Andria”. Agire per tempo, in trasparenza e in nome del bene comune avrebbe risolto questo annoso problema – conclude Coratella - ma in cima alle priorità dell’amministrazione evidentemente c’è altro. Prova ne sia, che nella stessa nota inviata dalla Soprintendenza si precisa che i regolamenti condivisi attualmente sono solo quelli di Barletta e Canosa ma non Andria. Con queste premesse a farne le spese saranno i nostri imprenditori andriesi». Stasera si capirà qualcosa di più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400