Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 08:00

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
viabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

viabilità

Canosa, ampliamento della SS93: l’appello: «Fate presto»

Una lettera aperta al presidente Emiliano, all’Anas e al sindaco

Canosa, ampliamento della SS93: l’appello: «Fate presto»

CANOSA -  «Fate presto»: questa è l’accorata esortazione che Damiano Baldassare, genitore privato, circa quattro anni fa, del figlio Michele a seguito di un tragico incidente sulla Ss 93, rivolge, a nome dell’associazione “Amici di Giuseppe e Michele” al presidente Michele Emiliano, al sindaco Roberto Morra e al responsabile dell’Anas, Matteo Castiglioni.
«Fate presto –scrive Baldassarre nella nota- a sottoscrivere la convenzione per il progetto di ampliamento e messa in sicurezza della Ss 93 nel tratto che va da Canosa a Loconia. I tempi per la definizione degli accordi e avviare il progetto, sono ormai maturi da tanto, troppo tempo. Sono passati tre anni dal dicembre 2015, quando la Regione Puglia con relativa determina concedeva l’importo di 500mila euro per l’elaborazione del progetto».

E ancora: «E’ difficile spiegare alle persone, ai nostri figli superstiti, perché sono passati tre anni, trentasei mesi e non è stato formalizzato neanche il primo atto. Fate presto: è la richiesta che si alza unanime al mondo politico e istituzionale, per non restare ancora immobili e bloccati da quella burocrazia che tutti avete dichiarato di voler combattere. Perché nessuno dovrà essere considerato vittima dell’ennesimo tragico incidente su quella strada. Perché troppe persone anche questo Natale non saranno con i loro figli, con Michele, Giuseppe, Antonio, che si sono addormentati e abitano ora nella Casa del Padre. Vittime incolpevoli. Vittime non a seguito del loro comportamento, ma per colpa di una strada senza manutenzione, stretta, insicura. Per loro e per gli altri che li hanno preceduti, per tutti quelli che sono rimasti, verso i quali abbiamo l’obbligo di assicurare la vita, la sicurezza, quando dovranno percorrere quella strada».
Conclusione: «Per tutti, vi chiediamo: Fate presto!».

Gli fa eco il consigliere comunale del “Gruppo misto”, Enzo Princigalli: «Siamo di fronte all’ennesimo esempio italiano di una burocrazia ottusa, inefficiente e inconcludente. L’appello accorato a “fare presto“, proveniente ancora una volta dall’associazione “Amici di Michele e Giuseppe”, dovrebbe scuotere le coscienze dei vertici degli Enti coinvolti: Comune, Anas e Regione. Invece dopo tre anni siamo ancora costretti ad ascoltare dal sindaco Roberto Morra in Consiglio comunale, con tono dimesso e rassegnato, il racconto surreale di un indecente palleggiamento di competenze sulla pelle della prossima vittima e sulle tasche degli operatori economici del nostro territorio, costretti a fare i conti con infrastrutture da terzo mondo».
Sono poco più di dieci chilometri di strada, quelli che, sulla Ss 93, uniscono Canosa alla sua borgata di Loconia.
Oltre dieci chilometri di insidie trasformatesi, in più occasioni, in teatri di morte e in tragedie familiari. Due sole corsie di marcia, anche strette in molti tratti, sulle quali circola un imponente traffico automobilistico, soprattutto tir.
L’ampliamento e la messa in sicurezza di questo pezzo di strada della statale 93 (Canosa, Loconia e la confinante Basilicata) non possono attendere ancora. L’amministrazione comunale pentastellata ha riferito, mesi fa, che la questione «è sempre alla sua attenzione. Lo dimostrano le sollecitazioni fatte al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti affinché fosse riscontrata la bozza di convenzione inviata all’Anas». Ma l’opinione pubblica questa attenzione non l’avverte per niente. Si è, inspiegabilmente, fermi alle dichiarazioni. E queste non bastano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie