Martedì 23 Aprile 2019 | 01:01

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

Fucilazione tedesca

Mancato massacro del '43 a Trani, morto l'ultimo superstite

Luigi Di Filippo aveva 93 anni

Mancato massacro del '43 a Trani, morto l'ultimo superstite

Sono trascorsi settantacinque anni da quel 18 settembre 1943 in cui i militari tedeschi avrebbero dovuto fucilare in piazza della Repubblica, per rappresaglia, cinquanta innocenti cittadini. L’umanità di Giuseppe Pappolla (podestà), Mons. Francesco Patronelli (arcivescovo), Antonio Bassi (segretario politico), nonché il nobile gesto del comandante tedesco Friedrich Kurtz, che rinunciò ad impartire l’ordine, scongiurarono l’eccidio.


Ieri, mercoledì 12 dicembre, si sono celebrate le esequie Luigi Di Filippo, l’ultimo dei superstiti di quel rastrellamento, morto all’età di 93 anni. Nella sua vita lavorò come agricoltore, ma sarebbe diventato famoso insieme con Giuseppe Amorese, Ugo Moscatelli e Giuseppe Scandamarro, per essere stato fra gli ultimi testimoni di quella drammatica pagina di storia locale. Progressivamente sarebbero morti lo storico tranese, cui oggi è intitolata una via nell’ex area Lapietra, poi Moscatelli e Scandamarro. «Mi ricordo, con le lacrime agli occhi, quando mi hanno arrestato - aveva raccontato Di Filippo in un documentario -. Venne subito un padre e disse: “Va via, vado io al posto tuo.” E io gli risposi “No, io devo morire, non tu.” E lui: “No, va do io, perché tu hai ancora figli che hanno bisogno del loro padre». Il dialogo è tra Luigi e mons. Petronelli: la dichiarata volontà di sacrificio del sacerdote, l’intermediazione degli altri tranesi citati e, soprattutto, la rinuncia dell’ufficiale tedesco Friedrich Kurtz a dare corso alla fucilazione, resero quei drammatici momenti una indelebile pagina di storia locale.
La rappresaglia sarebbe dovuta avvenire a seguito dell’uccisione, avvenuta il giorno precedente, di cinque soldati tedeschi per mano di militari canadesi. Ne furono erroneamente incolpati i cittadini di Trani, cinquanta dei quali furono rastrellati e portati in piazza, per la pubblica esecuzione.


Ma il massacro, alla fine, non avvenne: quel progetto criminale si tramutò, secondo quanto la storia locale tramanda, in un umano gesto di coscienza e responsabilità che risparmiò la città da una carneficina che pareva ormai sicura.
La fonte principale di dettagli e i protagonisti di quella frenetica trattativa è stato, in particolare, Raffaello Piracci nel suo libro “Accadde a Trani nel ‘43”. Fu lui a porre in risalto che l’ufficiale tedesco, a capo di quello che doveva essere il plotone di esecuzione, fu indotto a più miti consigli e poi mosso a compassione dai suoi interlocutori, Pappolla, Petronelli e Bassi. Ma l’ultimo tassello, che avrebbe chiuso questa pagina di storia, sarebbe arrivato dall’associazione Obiettivo Trani” e, segnatamente, da Francesco Pagano, che da una lunga ed accurata ricerca risalì anche al nome dell’ufficiale tedesco: Friedrich Kurtz. Nel 2005 si tenne una cerimonia pubblica in cui furono presenti un soldato superstite, Heino Niehaus, grazie al cui racconto si apprese il nome dell’ufficiale, del quale fu possibile ospitare a Trani il figlio ed il nipote. Erano lì anche Moscatelli, Scandamarro e Di Filippo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400