Martedì 23 Aprile 2019 | 00:38

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

I fatti dal 2012 al 2014

«Commissioni fantasma» a Trani: in sei a giudizio

Alla sbarra siederanno il presidente della ex quinta commissione consiliare, Francesco De Noia, e i componenti Nicola Damascelli, Mimmo Cognetti, Bartolo Maiullari e Andrea Ferri.

Trani, inchiesta fotovoltaico: chiesti 15 rinvii a giudizio

Il Tribunale di Trani

TRANI - Il giudice dell’udienza preliminare presso il Tribunale di Trani, Lucia Altamura, ha disposto il rinvio a giudizio davanti al giudice monocratico, Sara Pedone, per il prossimo 12 aprile 2019, dei sei imputati nel procedimento penale relativo al caso della ex quinta commissione consiliare del Comune di Trani. Il provvedimento ha evitato l’imminente prescrizione del procedimento.
Il sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani, Silvia Curione, ipotizza a carico degli imputati il falso ideologico pluriaggravato e continuato, nonché la truffa aggravata. Ipotesi condivise dalla collega Altamura, il cui decreto di rinvio a giudizio è legato alla necessità di procedere al vaglio dibattimentale per accertare la fondatezza, o meno, della prospettazione accusatoria.

E, così alla sbarra siederanno il presidente di quello organismo, Francesco De Noia, e i componenti Nicola Damascelli, Mimmo Cognetti, Bartolo Maiullari e Andrea Ferri. Un sesto rinvio a giudizio è a carico di un medico tranese, Giuseppe Peluso, che avrebbe falsamente attestato un malessere per cui De Noia, in una circostanza, non si era recato al lavoro.
Le indagini partirono da quelle del Tribunale militare di Napoli intorno alla figura di Francesco De Noia, in organico alla Capitaneria di porto di Bari, e che avrebbe giustificato le sue assenze dal lavoro per attività istituzionale, salvo poi ipotizzarne la sua indebita presenza in altre sedi, per altre mansioni lavorative.
Infatti, la Procura militare gli contesta la simulata infermità pluriaggravata, disobbedienza aggravata, omessa presentazione in servizio e ricettazione di certificato medico falso.
Da lì si accesero riflettori anche sugli altri componenti della commissione, che non sarebbero andati alle sedute o non vi sarebbero rimasti per l’intera durata: da qui l’ipotesi di un presunto danno erariale, di 33.000 euro, per fatti contestati da novembre 2012 alla prima metà del 2014.

Secondo il pubblico ministero, le celle dei gestori di telefonia dimostrerebbero come, all’ora risultante dai verbali delle riunioni contestate, i consiglieri si sarebbero trovati in altri luoghi e neanche tutti insieme. Le indagini sul caso, per la cronaca, si conclusero a maggio 2015, in piena campagna elettorale, probabilmente scoraggiando tutti gli ex indagati a ricandidarsi per le elezioni amministrative che si tennero quello stesso mese.
I legali degli imputati hanno tutti, a vario titolo, posto in risalto il fatto che i loro clienti non solo non si erano mai allontanati da Palazzo di città, ma non avrebbero neanche avuto interesse a farlo gonfiando artatamente la durata delle commissioni: infatti, il gettone di presenza scattava già con l’apertura delle stesse.
Peraltro, nel caso del consigliere Bartolo Maiullari, inoltre, il suo legale, Mario Malcangi, ha cercato di dimostrare che in alcune circostanze il cellulare era sì altrove, ma non Maiullari, che lo cedeva spesso a parenti. Inoltre, le celle agganciano i cellulari a chilometri di distanza, e così avrebbero potuto indurre in errore l’organo di polizia giudiziaria deputato alle indagini.
Oltre Maiullari, Malcangi difende il presidente De Noia. Andrea Ferri è assistito da Antonio Florio, Nicola Damascelli da Giovanni Stella, Domenico Cognetti da Maurizio Sasso, Giuseppe Peluso da Luigi Mastromauro. Nessuno di loro ha chiesto il rito abbreviato, certi della correttezza del loro operato e del fatto che le ipotesi accusatorie cadranno nel corso del dibattimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400