Martedì 23 Aprile 2019 | 00:08

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

l’appello

Barletta si mobilita per aiutare Chiara, studentessa 20enne vittima di un incidente in Spagna

Una vera e propria mobilitazione generale per aiutare economicamente la ragazza che si trova in ospedale

Barletta si mobilita per aiutare Chiara, studentessa 20enne vittima di un incidente in Spagna

BARLETTA - Una vera e propria mobilitazione generale per aiutare Chiara e la sua famiglia. Uno slancio corale e accorato che testimonia quanto e come una comunità possa essere in grado di stringersi accanto a chi soffre. Tutto questo, purtroppo, per Chiara Corcella - barlettana studentessa di 20 anni - iscritta al terzo anno del corso di Ingegneria Gestionale all’Università di Bari. Poco più di un mese fa, è partita per l’Erasmus e ha raggiunto Manresa, centro universitario a pochi chilometri da Barcellona. Un cornicione si sgretola e Chiara cade nel vuoto. La soccorrono gli amici, ma il suo battito cardiaco è già rallentato. Così la giovane viene trasportata all’ospedale universitario di Terrassa per subire un intervento al cervello della durata di 5 ore. Un calvario inenarrabile. In ogni caso Nella giornata di ieri il papà Giacomo e mamma Michelina hanno fatto sapere che: «Sono passati 46 giorni trascorsi a Terrassa in Spagna. Terribili. Eppure ieri mi sono passate per la mente tutte le persone che ci hanno fatto del bene, per la loro generosità, sensibilità e disponibilità. Sono stati degli angeli. Hanno rappresentato la Provvidenza per noi. Vogliamo ringraziare tutti di cuore indistintamente. L'Italia che ci è sembrata un autentico miraggio per tutti questi giorni oggi è a portata di mano».

E poi: «Martedì mi ha telefonato un medico della Terapia Intensiva dell'ospedale Maggiore di Bologna e mi ha detto che c'era un posto per Chiara e la neurochirurgia era quella dei Neurochirurghi del Bellaria di Bologna. Per noi, naufraghi in un mare in tempesta, è stato come ricevere un salvagente. Abbiamo accettato perché abbiamo capito che il problema principale è soprattutto neurochirurgico, per via del liquido cerebro-rachidiano in eccesso che si forma nei casi di trauma cranico grave. Bologna è a metà strada tra casa ed Innsbruck, dove noi contiamo di poter far fare a Chiara la riabilitazione, in quanto uno dei migliori centri europei. Familiari, amiche e amici grazie grazie grazie per la vostra solidarietà, per il vostro affetto, per il vostro conforto, per le vostre preghiere. Oggi le preghiere non devono mancare da parte di tutti voi, affinché la nostra fede rimanga salda, ma soprattutto per Chiara, perché il viaggio verso l'Italia vada bene e vada bene anche il proseguo delle cure che la porteranno alla riabilitazione». E poi: «Il viaggio è andato bene. Chiara è stata per tutto il tempo con gli occhi aperti. Siamo al decimo piano dov'è la terapia intensiva, e siamo in attesa di Chiara, che sta facendo una Tac definita 0, cioè di partenza qui a Bologna. Continuiamo a pregare per Chiara». Chi volesse aiutare la famiglia di Chiara in questo percorso può far riferimento ai dati sottostanti. Una occasione per fare del bene da non sprecare. Sui social in tanti hanno condiviso l’appello. Si dia seguito con fatti concreti.

Coordinate bancarie Raccolta fondi e per sostenere il risveglio di Chiara. Beneficiario: PIAZZOLLA MICHELINA (la mamma di Chiara); IBAN: IT05X0329601601000064399956; Causale: Sempre FORZA CHIARA; Banca d'appoggio: BANCA FIDEURAM. Filiale di Milano. BIC: FIBKITMM

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400