Martedì 20 Novembre 2018 | 22:41

NEWS DALLA SEZIONE

Sull'A14
Canosa, assalto con bande chiodate a portavalori di gioielli sull'A14

Canosa, assalto con bande chiodate a portavalori carico di gioielli 

 
I luoghi della cultura
Bat, musei aperti nei festivi? «Scarso personale, ma resta la protesta»

Bat, musei aperti nei festivi? «Scarso personale, ma resta la protesta»

 
Il caso
Trani, l'Osapp denuncia: «Agente aggredito in carcere da detenuto»

Trani, l'Osapp denuncia: «Agente aggredito in carcere da detenuto»

 
La vicenda
Barletta, ascensore fantasma in stazione: tanti i disagi per i disabili

Barletta, ascensore fantasma in stazione: tanti i disagi per i disabili

 
Ius soli
Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 stranieri

Margherita, la cittadinanza onoraria a 22 bimbi stranieri

 
Niente aperture festive
Trani, Castello svevo chiuso di domenica: risorse finite

Trani, Castello Svevo chiuso di domenica: risorse finite

 
L'indagine
Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

Casa ceduta per appuntamenti, denunciata coppia a Trani

 
Guardia Costiera in azione
Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

Cibo scaduto e congelato male: sequestri in locali a Bisceglie e Trani

 
A Barletta
Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

Un libro per aiutare Chiara, dopo l'incidente in Erasmus

 
La tragedia di Andria
Scontro treni, Ferrotramvia: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

Scontro treni, Ferrotramviaria: rispettate norme sicurezza, risarciti già 16 mln

 
Le indagini
Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

Andria, sequestrato patrimonio per oltre 500mila euro a due coniugi

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Indagine partita nel 2008

Truffa e usura nella Bat: assolti 5 ex dirigenti American Express

Per il Tribunale di Trani il fatto non sussiste

Truffa e usura nella Bat: assolti 5 ex dirigenti American Express

Il Tribunale di Trani ha assolto 'perché il fatto non sussiste' cinque ex dirigenti di American Express dalle accuse di truffa ed usura ai danni di cittadini della provincia di Barletta Andria Trani, in relazione all’elargizione di prestiti attraverso il rilascio di carte di credito del tipo revolving. Secondo l’accusa, sui prestiti realizzati attraverso la Gold Credit Card American Express, venivano applicati tassi di mora usurari. Ne dà notizia l'ufficio stampa di American Express in una nota.
Il Tribunale ha assolto Daniele Di Febo e Melissa Peretti, in qualità di dirigenti, all’epoca dei fatti, dell’area prodotti carte e area compliance di American Express, e gli allora manager della società Giglio Del Borgo, Massimo Quarra e Francesco Fontana.

L’inchiesta era stata avviata nel 2008 dopo la denuncia di un cittadino molfettese che, a fronte di un prestito di 2.600 euro, non avendo pagato una rata di 129,43 euro, si era visto recapitare una richiesta di 686,54 euro. Quest’ultima richiesta di pagamento era superiore di 5 volte la rata non pagata e calcolata ad un tasso di interesse di mora ritenuto dal pm inquirente Michele Ruggiero (ora alla Procura di Bari) superiore alla soglia fissata dalla legge antiusura.
Secondo l’accusa, i cinque imputati avevano piazzato sul mercato le carte revolving facendo sottoscrivere a clienti contratti con clausole poco chiare sugli interessi di mora.

«Come American Express ha sempre sostenuto, tutte le accuse si sono dimostrate infondate e i manager coinvolti all’epoca dei fatti hanno agito con professionalità, in buona fede e nel rispetto delle normative applicabili. Oggi il Tribunale di Trani ha riconosciuto la correttezza e la legittimità del loro operato». E’ la reazione di American Express che, «in attesa di leggere la motivazione della sentenza, accoglie con grande soddisfazione la decisione del Tribunale di Trani che ha assolto dall’accusa di truffa e usura» 5 suoi manager imputati nella vicenda delle carte di credito revolving.
«Questo lungo processo - rileva la società - è frutto di un equivoco circa la natura e le peculiarità delle carte revolving e circa la normativa applicabile in caso di inadempimento da parte di titolari di queste carte».

«Il risultato ottenuto oggi è di grande soddisfazione. È stata una vittoria sotto tutti i punti di vista». Lo afferma l’avvocato Bruno Assumma, che ha assistito, insieme ad altri penalisti, i 5 manager di American Express assolti oggi dal Tribunale di Trani dalle dalle accuse di truffa ed usura ai danni di cittadini della provincia di Barletta-Andria-Trani, in relazione all’elargizione di prestiti attraverso il rilascio di carte di credito del tipo revolving. "Si è trattato - afferma il legale - di un processo molto tecnico che ha visto impegnata la Procura della Repubblica di Trani nella persona del Sostituto Procuratore, il dott. Ruggiero, particolarmente preparato in questo tipo di reati»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400