Domenica 21 Aprile 2019 | 22:08

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

trani

Ennesimo raid vandalico
contro la piccola cappella

Edifici storici «profanati» La scorsa notte è stata distrutta la vetrata. Terzo «sfregio» in 3 anni

 Ennesimo raid vandalico contro la piccola cappella

Nico Aurora

Trani - «L’accanimento contro il pesante vetro posto a “difesa“ della chiesetta di via del Serrone ha avuto il suo triste epilogo». Così il presidente della Commissione toponomastica, Franco Caffarella, commentando con amarezza le immagini dell’ennesimo sfregio - il terzo in tre anni - a quel piccolo luogo di culto situato nell’agro di Trani.

Una chiesetta senza pace, una piccola cappella rurale, cui non sembrano bastare le cure dei proprietari e le attenzioni di molti fedeli per preservarla dalla violenza di pochi, ma scellerati soggetti.

E così, l’altra notte, ignoti ne hanno distrutto la vetrata. Vi erano già riusciti nel novembre 2016, allorquando rubarono anche una statua della Madonna custodita all’interno, e parzialmente lo scorso 25 aprile, perché in quel caso il vetro resistette.

La chiesetta è situata sul ciglio della strada. Via del Serrone è una vicinale che collega via delle Tufare con via Duchessa d’Andria, a breve distanza dall’incrocio con quest’ultima. Sulla destra si affaccia questo piccolo edificio religioso, che precede una stradina trasversale che, a sua volta, conduce ad un’antica residenza rurale. I due immobili fanno parte dello stesso complesso, risalente ad un paio di secoli fa, e la chiesetta era stata restaurata nel 2015, nell’attesa di analoghi lavori nella casa, destinata ad essere trasformata in attività ricettiva.

La cappella è regolarmente consacrata e, per questo motivo, a maggior ragione, tali danneggiamenti non trovano alcuna spiegazione e lasciano profondamente amareggiati i proprietari e coloro che hanno sempre avevano avuto modo di sostare in quella cappella in preghiera, ammirandone anche la sobrietà degli arredi. Quella è, soprattutto, la chiesa degli agricoltori che lavorano in zona: al rientro a casa, uno sguardo, un segno di croce e via.

Tutto questo pone in risalto i rischi cui sono esposti gli edifici storici dell’agro di Trani, del valore spesso inestimabile.

Ci sono intere masserie già da tempo devastate dai vandali, ma, fino a pochi anni fa, almeno gli edifici religiosi sembrava fossero rimasti indenni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400