Giovedì 18 Aprile 2019 | 18:26

NEWS DALLA SEZIONE

Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 
Il punto
«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

«Ambiente, educare alla legalità»: la conferenza a Barletta

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

trani

Casa occupata dagli abusivi
l’89enne rinuncia a casa sua

Nico Aurora

TRANI - Al 41esimo giorno di occupazione della sua casa, ecco arrivare la notizia inattesa e, allo stesso tempo, sconcertante: l’89enne di via Olanda ha rinunciato all’alloggio popolare abusivamente occupato da una famiglia. Sarà ugualmente sgomberato, ma, a qual punto, riassegnato al primo degli aventi diritto nella graduatoria di Arca Puglia. E così, adesso, quell’uomo è formalmente fuori di casa sua, occupata abusivamente lo scorso 20 giugno durante la sua degenza in ospedale a causa di una caduta.

Troppo lunga è stata l’attesa per uno sgombero ancora non avvenuto, numerose le sofferenze, infiniti i disagi: alla fine i figli hanno scelto, concordemente con il legale che li assiste, di firmare la rinuncia all’assegnazione di quell’appartamento, contestualmente alla disdetta formale di acqua, luce e gas.

«Siamo stati costretti a farlo - confida uno di loro -, poiché nostro padre, anche a causa del braccio che quasi non muove più, non sarebbe più stato in grado di gestirsi da solo così come faceva prima. Di certo, se fosse rientrato subito in casa sua, dopo le dimissioni dall’ospedale, sarebbe stata un’altra storia. Ma i tempi si solo allungati, abbiamo aspettato invano, abbiamo smesso di sperare e non potevamo che arrivare a questa scelta».

La sistemazione del nonnetto a Margherita di Savoia, in una casa alloggio, a questo punto non sarà più provvisoria. Ha un costo notevole, superiore a quello della pensione che l’anziano percepisce, ma l’indennità di accompagnamento che i figli attendono dovrebbe servire per compensare entrate e uscite.

A comunicare la notizia della rinuncia all’alloggio è stato il sindaco, Amedeo Bottaro, durante le repliche agli interventi preliminari del consiglio comunale tenutosi ieri e, con riferimento al caso di via Olanda, al consigliere Anna Barresi: «Ho subito chiesto l’intervento del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica presso la Prefettura - ha esordito Bottaro -. A seguito della mia richiesta, oggi (ieri, ndr) è stato finalmente convocato dal prefetto. Infatti - spiega -, il vecchietto ha rinunciato formalmente all’immobile, ma io ho chiesto, anzi preteso, che lo stesso sia ugualmente ed immediatamente sgomberato, affinché sia riassegnato al primo degli aventi diritto, visto che quell’immobile tornerà nella disponibilità dell’Arca e, quindi, nella necessità di doverlo assegnare ad altro soggetto, che chiaramente sarà il primo in graduatoria».

Per questo motivo la Prefettura si è rimessa in movimento, «mentre la Procura della Repubblica - rivela ancora Bottaro -, sulla base di una denuncia sporta dal sottoscritto, ha posto sotto sequestro l’immobile. Tuttavia - spiega ancora il sindaco - poiché l’alloggio in questo momento è occupato da minori, una donna incinta ed un’anziana, ci stiamo occupando di collocare ciascuno di questi soggetti nelle apposite strutture. Infatti, come mi è stato detto oggi (ieri, ndr) al tavolo della sicurezza, io non posso lasciare per strada i minori, quindi ho l’obbligo di intervenire in tal senso prima ancora di fare operare lo sgombero. Queste sono le norme e le procedure, ma questo è anche il gran lavoro che quest’amministrazione sta compiendo su un tema veramente difficilissimo».

Di certo, nessuno avrebbe mai immaginato che, da una pur dolorosa a caduta, si sarebbe scatenata una valanga di conseguenze quasi del tutto imprevedibili, fra azioni di forza e forzature, fra la facilità quasi irrisoria di rovesciare lo stato di diritto e la difficoltà immane di ristabilirlo. La speranza è che, a breve, almeno un’altra famiglia in stato di bisogno, ma nel solco della legge e non della violenza, da questa dolorosa vicenda tragga un beneficio. Per il momento, per tutti, paga un anziano senza più casa. La sua bandiera bianca sventola alla vista di chi, a qualsiasi titolo, vorrà chiedersi se, davvero, avrà fatto per lui tutto quello che era nelle sue capacità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400