Venerdì 26 Aprile 2019 | 08:12

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini nel giardino del palazzo Marchesale tra musica e parole

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre tra Sisto e Decaro

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
FoggiaOperazione dei Cc
Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

Cagnano Varano, pistola e cartucce in masserie e droga: tre arresti

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

opera pubblica nuovissima Barletta

«Il sottovia Einaudi si allaga
per responsabilità del Comune»

L’impresa chiede che si completi il tronco fognario

 «Il sottovia Einaudi si allaga per responsabilità del Comune»

BARLETTA - «Sottovia carrabile e pedonale al km 592+875 della linea Foggia-Bari di collegamento tra Viale Giovanni XXIII e Viale Einaudi. In conseguenza delle copiose piogge verificatesi a Barletta negli ultimi mesi, il sottopasso di via Sandro Pertini, aperto al traffico nello scorso mese di maggio, ha riportato allagamenti che hanno costretto l’Amministrazione Comunale alla chiusura momentanea dello stesso sottovia al fine di garantire la sicurezza e l’incolumità della cittadinanza. Tale situazione ha “scatenato” soprattutto sui social network, una serie di considerazioni e di commenti che rendono indispensabile, da parte della Doronzo Infrastrutture S.r.l., Impresa Appaltatrice dei lavori per la soppressione dei passaggi a livello nel Comune di Barletta, fare chiarezza sull’accaduto». Così Michele Doronzo rappresentante dell’impresa.

E poi: «L’intervento per la realizzazione del sottopasso carrabile e pedonale alla linea ferroviaria Foggia – Bari in corrispondenza del Km 592+875, di collegamento tra Via Papa Giovanni XXIII e Via Einaudi, si compone di due differenti stralci funzionali, il primo dei quali interamente a carico di Rete Ferroviaria Italiana, mentre il secondo, viene realizzato a carico del Comune di Barletta. La scrivente Impresa Appaltatrice dei lavori in oggetto, ha realizzato soltanto il primo lotto, che prevedeva la costruzione di un sistema per la raccolta e il collettamento della acque meteoriche a gravità».

Doronzo specifica che: «Tale sistema di drenaggio a gravità è in grado di convogliare i contributi meteorici verso i recapiti finali costituiti dai collettori della rete di fognatura bianca comunale. Il secondo lotto invece, prevedeva la realizzazione di un nuovo tronco di fognatura bianca lungo via De Nicola per lo scarico delle portate meteoriche captate dalla rete di drenaggio dell’intervento oggetto dell’appalto, fino al recettore finale costituito dalla rete bianca esistente sotto il sedime della via Regina Margherita. La realizzazione di tale opera, esclusa dal suddetto appalto, non è stata ancora eseguita dal Comune di Barletta».

«La Doronzo Infrastrutture S.r.l. vuole precisare che la funzionalità idraulica del sottovia carrabile e pedonale al km 592+875 della linea Foggia-Bari di collegamento tra Viale Giovanni XXIII e Viale Einaudi, è subordinata alla realizzazione e messa in funzione del collettore di scarico al recettore finale di via Regina Margherita. Tale ultimo intervento, che risulta estraneo rispetto all’oggetto di cui al contratto di appalto stipulato tra la Committente RFI e l’Impresa Appaltatrice Doronzo Infrastrutture S.r.l., attiene esclusivamente alla competenza e connessa responsabilità del Comune di Barletta».

La conclusione: «Alla luce di tutto quanto sopra esposto e di quanto erroneamente riportato con toni diffamatori sui social network citati in precedenza, la Doronzo Infrastrutture S.r.l. si riserva sin d’ora la facoltà di querelare chiunque abbia tentato di compromettere la propria immagine fornendo una rappresentazione distorta dei fatti e delle cause che ne sono all’origine, nonché di adottare presso le sedi competenti tutte le azioni che si renderanno necessarie al fine di tutelare il diritto alla conservazione della propria integrità etica e professionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400