Mercoledì 18 Settembre 2019 | 00:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il personaggio
Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

 
L'iniziativa
Caro cancelleria, a Barletta il «quaderno sospeso»: la scuola è più umana

Caro cancelleria, a Barletta il «quaderno sospeso»: la scuola è più umana

 
Arrestato
Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

 
L'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
La lite
Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

Barletta, rissa tra ubriachi: uomo ferito con un fendente. Non è grave

 
La difesa
Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

Andria, ucciso per mancata precedenza, il presunto killer: «Si è scagliato e ha urtato il coltellino»

 
Nel nordbarese
Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

Barletta, 17enne con marijuana e cocaina in casa: arrestato

 
Nel Nordbarese
Andria, nega precedenza e viene accoltellato davanti a moglie e figlia: muore 28enne

Andria, nega precedenza, muore accoltellato davanti a moglie e figlio Fermato 50enne

 
Il campione
Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano che ha cambiato la storia della corsa

Mennea, a 40 anni dal record i numeri e le curiosità sul barlettano

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiDai Cc
Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

 
BatIl personaggio
Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
MateraSasso Caveoso
Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

 
BariPolis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 

i più letti

opera pubblica nuovissima Barletta

«Il sottovia Einaudi si allaga
per responsabilità del Comune»

L’impresa chiede che si completi il tronco fognario

 «Il sottovia Einaudi si allaga per responsabilità del Comune»

BARLETTA - «Sottovia carrabile e pedonale al km 592+875 della linea Foggia-Bari di collegamento tra Viale Giovanni XXIII e Viale Einaudi. In conseguenza delle copiose piogge verificatesi a Barletta negli ultimi mesi, il sottopasso di via Sandro Pertini, aperto al traffico nello scorso mese di maggio, ha riportato allagamenti che hanno costretto l’Amministrazione Comunale alla chiusura momentanea dello stesso sottovia al fine di garantire la sicurezza e l’incolumità della cittadinanza. Tale situazione ha “scatenato” soprattutto sui social network, una serie di considerazioni e di commenti che rendono indispensabile, da parte della Doronzo Infrastrutture S.r.l., Impresa Appaltatrice dei lavori per la soppressione dei passaggi a livello nel Comune di Barletta, fare chiarezza sull’accaduto». Così Michele Doronzo rappresentante dell’impresa.

E poi: «L’intervento per la realizzazione del sottopasso carrabile e pedonale alla linea ferroviaria Foggia – Bari in corrispondenza del Km 592+875, di collegamento tra Via Papa Giovanni XXIII e Via Einaudi, si compone di due differenti stralci funzionali, il primo dei quali interamente a carico di Rete Ferroviaria Italiana, mentre il secondo, viene realizzato a carico del Comune di Barletta. La scrivente Impresa Appaltatrice dei lavori in oggetto, ha realizzato soltanto il primo lotto, che prevedeva la costruzione di un sistema per la raccolta e il collettamento della acque meteoriche a gravità».

Doronzo specifica che: «Tale sistema di drenaggio a gravità è in grado di convogliare i contributi meteorici verso i recapiti finali costituiti dai collettori della rete di fognatura bianca comunale. Il secondo lotto invece, prevedeva la realizzazione di un nuovo tronco di fognatura bianca lungo via De Nicola per lo scarico delle portate meteoriche captate dalla rete di drenaggio dell’intervento oggetto dell’appalto, fino al recettore finale costituito dalla rete bianca esistente sotto il sedime della via Regina Margherita. La realizzazione di tale opera, esclusa dal suddetto appalto, non è stata ancora eseguita dal Comune di Barletta».

«La Doronzo Infrastrutture S.r.l. vuole precisare che la funzionalità idraulica del sottovia carrabile e pedonale al km 592+875 della linea Foggia-Bari di collegamento tra Viale Giovanni XXIII e Viale Einaudi, è subordinata alla realizzazione e messa in funzione del collettore di scarico al recettore finale di via Regina Margherita. Tale ultimo intervento, che risulta estraneo rispetto all’oggetto di cui al contratto di appalto stipulato tra la Committente RFI e l’Impresa Appaltatrice Doronzo Infrastrutture S.r.l., attiene esclusivamente alla competenza e connessa responsabilità del Comune di Barletta».

La conclusione: «Alla luce di tutto quanto sopra esposto e di quanto erroneamente riportato con toni diffamatori sui social network citati in precedenza, la Doronzo Infrastrutture S.r.l. si riserva sin d’ora la facoltà di querelare chiunque abbia tentato di compromettere la propria immagine fornendo una rappresentazione distorta dei fatti e delle cause che ne sono all’origine, nonché di adottare presso le sedi competenti tutte le azioni che si renderanno necessarie al fine di tutelare il diritto alla conservazione della propria integrità etica e professionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie