Domenica 21 Aprile 2019 | 10:59

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
FoggiaUn 23enne
Cerignola, spacciatore ingoia dosi di coca: è in Rianimazione

Cerignola, spacciatore ingoia dosi di cocaina: finisce in Rianimazione

 
LecceInchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 
BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 

Psicosi tra gli olivicoltori

Stop alla xylella
nasce Save the Olives

L’associazione punta ad informare e sostenere la ricerca

Stop alla xylella nasce Save the Olives

di Gianpaolo Balsamo

ANDRIA - Xylella, una parola che genera preoccupazione anche tra gli agricoltori e le istituzioni della provincia di Bari e del Nord barese.   Dopo aver pesantemente danneggiato le piante in Salento, c'è preoccupazione per l'eventualità che il micidiale batterio possa espandersi ulteriormente. D’altra parte gli esperti confermano che la «Xylella fastidiosa» ha iniziato a risalire il territorio regionale, arrivando a ridosso della Terra di Bari. Certo, al momento non c’è alcun allarmismo, ma farsi trovare pronti appare indispensabile, per difendere un patrimonio olivicolo già duramente provato dalla gelata dello scorso febbraio che ha causato danni evidenti alle colture in tutto il Nord Barese, con la conseguente compromissione della produzione 2018.

Per questo, nei giorni scorsi, è stata ufficializzata la costituzione di «Save the Olives», un'organizzazione no profit nata per concentrare forze e iniziative nella lotta alla fitopatia. Presieduta da Agostino Petroni, giovane imprenditore di Andria, ne fanno parte agronomi, artisti, agricoltori, ingegneri, studenti, uomini d'affari, ricercatori e gente comune.

«Ho conosciuto Agostino poco tempo fa, ma la sua dedizione alla terra mi ha subito colpito. Abbiamo scelto di sostenere “Save The Olives” in quanto rispecchia in pieno i valori sui quali sono fondate le nostre aziende», spiega Beniamino Casillo del “Gruppo Casillo” e fondatore di Masseria Faraona, l’azienda che prende il nome da un’antica Masseria risalente al XIX secolo, ubicata all’interno del Parco Nazionale dell’Alta Murgia ed oggi splendida cantina produttrice di corposi vini rossi, aromatici bianchi e deliziosi rosati, nonché territorio di produzione dell’extravergine Masseria Faraona, da monocultivar Coratina, Nocellara, Peranzana, Picholine.

«Amore per la terra, per le tradizioni, per il lavoro qualificato e laborioso che ci ha permesso - continua Casillo - di essere la regione trainante in Italia per la produzione di olio d’oliva. Rimanere immobili davanti all’avanzata della xylella, attendendo gli eventi, significa per le nostre aziende andare verso il collasso. Per questo faccio appello alle aziende del comparto olivicolo, vitivinicolo e gastronomico del nostro territorio, per sostenere insieme a noi questa Onlus e aiutarci a salvaguardare non solo la nostra economia, ma anche la nostra storia e le nostre tradizioni. Per tale motivo, Masseria Faraona, desidera far parte di questo movimento: vogliamo accendere i riflettori su un flagello che può essere arginato attraverso la diffusione di conoscenza, notizie, rimedi e puntando a raccogliere fondi per una ricerca incessante».

Nei giorni scorsi, «Save The Olives» è stata presentata al pubblico attraverso un grande evento all’interno di un uliveto secolare a Le Matine, nella campagna tra Tricase e Tiggiano. «Purtroppo la Xylella è tutt'altro che un'invenzione», afferma Agostino Petroni, presidente della onlus «Save The Olives». «C’è bisogno dell’apporto di tutti per fronteggiare questo pericolo ma, soprattutto, occorre più informazione».

Dello stesso avviso è anche Benedetto Miscioscia, coordinatore dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio della Puglia. «Occorre - spiega - più informazione e responsabilità da parte di tutti. Ben vengano allora iniziative come questa. Più che la polemica italico si, italico no, agli olivicoltori interessa sapere quali provvedimenti la Regione e il nuovo Governo intendono adottare per contrastare efficacemente sia la diffusione della xylella che le difficoltà causate dalla gelata di febbraio, le cui conseguenze non sono state ancora sufficientemente considerate rispetto alla gravità della situazione vegetativa determinatesi nella maggior parte degli oliveti del Nord Barese che genererà gravi ripercussioni sia sotto il profilo produttivo che occupazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400