Sabato 25 Maggio 2019 | 13:26

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
La sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
La decisione
Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

Barletta, villette abusive: dissequestro e proprietari assolti

 
La sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
La bomba
Barletta, paura per ordigno bellico in mare

Barletta, paura per ordigno bellico in mare

 
Dopo la scossa
Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

Terremoto in Puglia, domani riaprono le scuole a Bisceglie

 
Sanità
Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

Andria, donazione multiorgano: il gesto di un 70enne

 
Sanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
L'indagine
Arresto Giancaspro, legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

Bancarotta, l'ex patron del Bari Giancaspro interrogato per 6 ore
Legale sindaco Trani: «Accuse infondate»

 
I danni
Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

Bat, maltempo distrugge ciliegie: controlli tecnici regionali

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
FoggiaL'avviso
Trinitapoli, Comune: stop a quel pesticida, è usato troppo

Trinitapoli, Comune: stop a quel pesticida, è usato troppo

 
TarantoDai carabinieri
Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

Marina di Ginosa, abusi edilizi: sequestrato un lido

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
LecceL'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
BrindisiDai Cc
Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

Ceglie Messapica, droga nella lavatrice: arrestato un 34enne

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

incuria

A Trani l’antico muraglione della villa comunale continua a sfaldarsi

mura lesionate a Trani

TRANI - Continua a sfaldarsi e a perdere pezzi l’antico muraglione di sostegno della villa comunale, che affonda nell’Adriatico le sue fondamenta. E’ purtroppo una situazione da anni segnalata, e che continua a peggiorare: le ultime foto, diffuse dall’associazione Guardia Ambientale Folgore, sono emblematiche. E il responsabile, Nunzio Di Lauro, si domanda: “Quanto è sicuro il muraglione della villa comunale?”

Nei giorni scorsi, infatti, i volontari dell'associazione hanno documentato la situazione di apparente precarietà in cui versa il muraglione della villa comunale. Le foto sono state effettuate all'interno del lido "Bella Venezia", al quale si accede com’è noto proprio dalla stessa villa comunale. In realtà numerosi cittadini hanno guardato e fotografato “il crescente stato di sgretolamento di quel tratto di costone, ma a quanto sembra non è stato posto in essere alcun intervento risolutivo.  Si attende forse l'eventuale e non auspicabile cedimento strutturale di una porzione del muraglione prima di intervenire per la verifica e successiva messa in sicurezza qualora ritenuta necessaria?  Con quali conseguenze?” chiede Di Lauro.

L'associazione Guardia ambientale Folgore domanda dunque “all'autorità marittima locale e all'amministrazione comunale di intervenire con la massima celerità per verificare la solidità del costone, in considerazione del fatto che siamo nel pieno della stagione balneare e che ci sono cittadini che sostano per ore proprio sotto al muraglione per fare il bagno e per pescare”.

Probabilmente un intervento del genere potrebbe fare parte delle opere da prevedere nel Piano delle Coste che il Comune di Trani, con una determina dirigenziale del 5 maggio scorso a firma del dirigente arch. Giacomo Losapio, dopo regolare richiesta di preventivi professionali, ha affidato all’ Francesco Fuzio dello Studio di Architettura Fuzio di Bari per un importo di 38mila euro. Si tratta di un incarico “profèssionale teso alla redazione del Piano Comunale delle Coste e della relativa Verifica di Assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica”, che dovrà essere espletato nel termine di mesi sei dalla data di sottoscrizione della convenzione di affidamento dell'incarico professionale.

Per la cronaca, quell’incarico (come si legge nella determina) era stato affidato nel dicembre 2013 all'lng. Maurizio Rocco Di Tommaso, di Bari “stante l'esigua dotazione di personale presso I'Area Urbanistica e risultando improcrastinabile I'adempimento per la gestione, il controllo ed il monitoraggio del territorio costiero comunale in termini di tutela del paesaggio, di salvaguardia dell'ambiente, di garanzia del diritto dei cittadini all'accesso ed alla libera fruizione del patrimonio naturale pubblico, nonché di disciplina del suo utilizzo eco-compatibile e soprattutto del Demanio Marittimo”.

Cosa è successo dall’epoca: “Constatato – si legge ancora nella determina - che, nonostante diversi incontri e soprattutto preso atto delle attività di analisi dello stato fattuale. con apposita istanza registrata al protocollo comunale, l’ ing. Maurizio Rocco Di Tommaso comunicava di essere impossibilitato a completare l’attività progettuale oggetto di incarico per problemi di salute e, di conseguenza rassegnava le proprie dimissioni”.

Di quei la necessità di procedere al nuovo affidamento del medesimo incarico ad altro soggetto, effettuato dunque con la determina del 5 maggio 2018, per adempiere a quanto prescritto dal Piano Regionale delle Coste risalente al 2006. “Another brick in the wall” cantavano i Pink Floyd.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400