Sabato 20 Aprile 2019 | 05:11

NEWS DALLA SEZIONE

È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 
I controlli
Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

Barletta, sequestrati 140 kg di pesce e bianchetto: dati in beneficenza alla Caritas

 
La tragedia nel 2016
Scontro treni Ferrotramviaria, oggi via al processo a Trani: 18 imputati

Scontro treni Andria, via al processo a Trani: 19 imputati
«Regione sia responsabile civile»

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

Cerignola, beccato mentre smontava delle auto: arrestato 41enne

 
LecceLa decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
BrindisiIl batterio killer
Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

Xylella, Cia annuncia: «in corso eradicazioni di 12 alberi nel Brindisino»

 
TarantoA grottaglie (Ta)
Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

Cinzella Festival: nella line-up anche gli Afterhours, oltre a Franz Ferdinand, Marlene Kuntz, White Lies

 
Materavittima un materano
Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

Compra iPhone 7 sul web a 200€, ma è una truffa: una denuncia

 
PotenzaL'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
BatÈ incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

la decisione

Agenzia delle dogane
chiude la sezione tranese

L’ufficio chiuderà il 30 giugno a beneficio di quello di Barletta

 Agenzia delle dogane chiude la sezione tranese

Nico Aurora

TRANI - Troppe due sezioni operative gemelle: Kessler chiude quella di Trani. L’accostamento alle famose soubrette tedesche sorge simpaticamente spontaneo, ma la chiusura dell’ufficio di via Porta Vassalla, a partire dal prossimo 30 giugno, a beneficio di quello di Barletta, decisa dal direttore generale nazionale dell’Agenzia delle dogane e monopoli, Giovanni Kessler, è un dato di fatto che priva Trani dell’ennesima istituzione, ultima goccia di un’emorragia di enti già di lunga data.

Peraltro, le motivazioni di tale provvedimento appaiono ineludibili. Infatti, lo scorso 8 febbraio la Direzione interregionale per la Puglia, Molise e Basilicata dell’Agenzia delle dogane ha proposto la soppressione della Sezione operativa territoriale di Trani, dipendente dall’Ufficio delle dogane di Bari, «in considerazione dell’esiguità delle attività doganali svolta presso la stessa - scrive Kessler -, in un trend decrescente negli ultimi cinque anni».

Obiettivo della chiusura, «razionalizzare e meglio utilizzare il relativo personale - si legge ancora nel provvedimento -, destinandolo ad altri uffici». Senza dimenticare che «da gennaio 2017 - richiama il provvedimento - la funzionalità della sezione è stata calibrata e ridotta con apertura a richiesta, e relativo personale spostato presso la vicina e più grande sezione di Barletta, che presenta maggiori traffici e operazioni doganali».

Le strutture centrali competenti, per gli ambiti di rispettiva competenza, non hanno rilevato motivi ostativi all’accoglimento della proposta di soppressione della sezione di Trani: pertanto, semaforo verde alla chiusura, che la Direzione interregionale di Puglia, Molise e Basilicata ha convenuto di fissare al 30 giugno prossimo, assicurandone l’informativa alle altre sezioni, alle organizzazioni sindacali territoriali, alle autorità locali ed operatori economici.

La notizia della chiusura della sezione di Trani dell’Agenzia delle dogane, in realtà, non arriva come un fulmine al ciel sereno, Infatti, un anno e mezzo fa, a novembre 2016, il segretario territoriale del sindacato Flp, Michele Giuliano, aveva lanciato l’allarme parlando di una questione che stava passando sotto traccia e nel silenzio più assordante .

Giuliano, informando del fatto che Trani include, anche, i comuni di Bisceglie e Corato, per un totale di 140000 abitanti, richiamava «il fitto tessuto economico che faceva capo alla sede di via Porta Vassalla, specializzatosi in particolare nella manifatture ed abbigliamento, oltre che dei tradizionali settori dell’industria del marmo e produzione ortofrutticola, che hanno sempre alimentato regolari traffici con l’estero, in particolare in esportazione».

E riferiva di non meno di 4500 pratiche annuali, transiti annuali sempre superiori ai 1500, esportazioni mai inferiori alle 2500, oltre 4.200 dichiarazioni telematiche «intra», sempre ogni anno. Senza dimenticare che, grazie alla vicinanza del porto (a Trani come a Bisceglie), l’ufficio doganale di Trani avesse sempre assicurato il veloce disbrigo delle formalità di approdo per le imbarcazioni da diporto, con conseguente beneficio per le attività turistiche del territorio di riferimento».

L’ufficio doganale di Trani era stato anche al centro di una polemica politica, sollevata sempre nel 2016 dal consigliere comunale di Trani a capo, Maria Grazia Cinquepalmi, che lamentava il fatto che l’Agenzia versasse al Comune di Trani un’indennità di occupazione di appena 150 euro mensili, comprensivi del consumo di acqua e oneri condominiali, manutenzione ordinaria e straordinaria. Il consigliere la riteneva irrisoria per quei locali ubicati nella porzione di palazzo Palmieri che si affaccia di fronte a Palazzo Gadaleta. Adesso il problema non si porrà più, ma si ribalta sullo stesso Comune, che dovrà emanare un avviso pubblico per trovare un nuovo inquilino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400