Domenica 21 Aprile 2019 | 10:39

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
FoggiaUn 23enne
Cerignola, spacciatore ingoia dosi di coca: è in Rianimazione

Cerignola, spacciatore ingoia dosi di cocaina: finisce in Rianimazione

 
LecceInchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 
BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 

il 3 ottobre 2011

Crollo di Barletta: confermate le 8 condanne, 6 le assoluzioni

In primo grado, nel dicembre 2015, i quattordici imputati - progettisti, costruttori, vigili urbani e funzionari del Comune - erano stati condannati a pene comprese fra i 5 anni e 6 mesi di reclusione

Crollo di Barletta, sei assoluzioni in appello

BARI - La Corte di Appello di Bari ha confermato 8 condanne (riducendo le pene) e ha assolto 6 imputati al termine del processo di secondo grado per il crollo della palazzina avvenuto in via Roma a Barletta il 3 ottobre 2011 in cui morirono cinque donne.
In primo grado, nel dicembre 2015, i quattordici imputati - progettisti, costruttori, vigili urbani e funzionari del Comune - erano stati condannati a pene comprese fra i 5 anni e 6 mesi di reclusione e i 4 mesi per i reati, a vario titolo contestati, di disastro colposo, omicidio colposo e lesioni colpose plurimi, omissione di atti d’ufficio e violazione di norme antinfortunistiche. Stando all’ipotesi accusatoria il crollo fu causato dai lavori di demolizione della palazzina adiacente a quella dov'è c'era l’opificio nel quale morirono 4 operaie e la figlia del titolare.

La sentenza di appello è arrivata nella serata di ieri e ha dichiarato in alcuni casi la insussistenza in altri la prescrizione delle contestate contravvenzione relative a violazioni edilizie e antinfortunistiche, confermando le responsabilità sulle ipotesi di crollo, omicidio e lesione per quasi tutti gli imputati. All’allora direttore dei lavori del cantiere, l’architetto Giovanni Paparella, i giudici dell’appello hanno ridotto la pena a 4 anni e 5 mesi di reclusione (da 6 anni), al geometra Vincenzo Zagaria a 3 anni e 10 mesi (da 4 anni e 6 mesi), a Cosimo Giannini, legale rappresentante dell’omonima società proprietaria del suolo in cui si stava lavorando, a 4 anni (da 5 anni e 3 mesi), ai fratelli Salvatore, Andrea e Giovanni Chiarulli, della impresa esecutrice dei lavori di demolizione, a 2 anni e 9 mesi (da 4 anni e 7 mesi). Confermata la condanna a 4 anni di reclusione per l’ingegnere comunale Rosario Palmitessa e ridotta a 1 anno e 4 mesi (da 3 anni e 6 mesi) la condanna inflitta nei confronti del maresciallo della polizia municipale Giovanni Andriolo.

Assolti da ogni accusa il progettista della ditta Giannini, Pietro Fortunato e altre cinque persone tra funzionari e tecnici comunali. Confermati i risarcimenti danni alle 50 parti civili, 43 familiari delle vittime e sette tra enti, associazioni e sindacati, fra i quali Regione Puglia e Comune di Barletta.(ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400