Martedì 23 Aprile 2019 | 06:54

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

nuove regole

Impianti sportivi
cambia la gestione

Bisceglie, il nuovo indirizzo politico amministrativo

Impianti sportivi cambia la gestione

LUCA DE CEGLIA

BISCEGLIE - La gestione degli impianti sportivi comunali sarà affidata a terzi, in quanto la carenza di personale e l’indisponibilità, soprattutto, di risorse finanziarie, non consentono la gestione diretta di tali strutture con pregiudizio per la regolare tenuta e conservazione delle stesse.

Questo, con determinati criteri di affidamento, è l’indirizzo politico amministrativo deliberato sul finire del mandato dall’amministrazione comunale a Bisceglie. Ad agosto scorso fu adottato dal Consiglio comunale un atto preliminare e propedeutico, ovvero il Regolamento per l’uso e la gestione degli impianti sportivi e delle strutture di proprietà del Comune di Bisceglie, in cui si stabilì inoltre che la giunta deve individuare la suddivisione degli oneri gestionali tra il Comune e il Concessionario, con particolare riguardo alla suddivisione dei compiti di manutenzione ordinaria (a carico del gestore) e straordinaria (a carico del Comune).

Ma già nel 2006 con la legge regionale n. 33 “Norme per lo sviluppo dello sport per tutti” fu introdotta la Disciplina delle modalità di affidamento della gestione di impianti sportivi pubblici, che all’art. 19 recita: la gestione degli impianti sportivi è affidata dagli enti territoriali proprietari, in via preferenziale, favorendone l’aggregazione a federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate ed enti di promozione sportiva riconosciute dal CONI, società e associazioni sportive dilettantistiche aventi i requisiti. Gli impianti sportivi di proprietà comunale in “ballo” sono: stadio e pista “Gustavo Ventura”; campo sportivo “Francesco Di Liddo”; palazzetto dello sport “Paladolmen”; tensostruttura Palacosmai; campetto e pista pattinaggio (inagibile) nel rione “Salnitro”; campetti impianti in via Ugo La Malfa; palestre scolastiche. Invece altro percorso si è seguito per la piscina comunale, attualmente in carico a terzi.

Ai fini della gestione indiretta gli impianti sportivi si suddividono in quelli aventi o no rilevanza economica. Gli impianti sportivi suddetti sono stati considerati senza rilevanza economica, in quanto la gestione comunale non è in grado di sostenersi economicamente in modo autonomo, poiché non è infatti facilmente individuabile un margine di profitto sulla base di un’analisi dei seguenti fattori: tipologia impianto sportivo e attività praticabili con particolare riguardo all’attività sportiva scolastica; bacino e numerosità di utenza attesa; dimensione dell’impianto; costi del personale necessario alla sua gestione; tariffe da praticare all’utenza e ambito di esenzione (stabilite dal Comune tenendo conto della valenza sociale dell’impianto stesso); modalità di gestione (con particolare riguardo alla rilevante normativa in materia di sicurezza e manutenzione impianti tecnologici); assenza di possibilità di attività di auto-finanziamento in modo rilevante. Si procederà all’affidamento della gestione degli impianti suddetti a: Federazioni, Associazioni, Società Sportive, Enti di promozione sportiva, affiliati al Coni, attraverso la stipula di specifiche convenzioni, mediante gare ad evidenza pubblica.

Infine l’aggiudicazione sarà effettuata in favore dell’offerta economicamente più vantaggiosa in relazione a criteri tecnico – qualitativi e all’offerta economica, tra coloro che hanno aderito alla manifestazione di interesse. Nel caso di due o più concorrenti si procederà con adeguata procedura di gara pubblica. Il costo delle utenze (energia elettrica, acqua, metano, ecc.) è a carico dell’aggiudicataria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400