Domenica 21 Aprile 2019 | 22:49

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Andria

Gestione della piscina
situazione in pieno caos

Per fare chiarezza intervengono i consiglieri comunali del 5Stelle

Gestione della piscina  situazione in pieno caos

La piscina comunale di Andria

ANDRIA – Il movimento Cinque stelle, gruppo consiliare guidato da Michele Coratella, interviene sulla questione relativa alla gestione della piscina comunale.

«Uno dei problemi che si trascinano da anni in questa città – scrive Coratella insieme agli altri consiglieri comunali Pietro Di Pilato, Vincenzo Coratella, Doriana Faraone, Donatello Loconte - Attalmente la situazione è in pieno caos, come tante altre cose dell’amministrazione Giorgino. Il comune ha chiesto la restituzione della piscina comunale al gestore privato, con un contratto scaduto da tempo, ma non riuscendo dallo stesso privato neanche ad incassare il credito vantato, che a detta dello stesso comune sarebbe di oltre 430mila euro. Nel contempo il comune di Andria sarebbe debitore, nei confronti del gestore, di una somma che lo stesso comune non ha ancora quantificato. Dulcis in fundo, la gara pubblica per avere un nuovo gestore, che doveva essere predisposta già qualche anno addietro, ancora stenta ad avviarsi. Tutta questa farsa – ripercorre il gruppo consiliare M5S - era già inziata a febbraio 2015, quando i revisori dei conti comunali evidenziavano all’amministrazione che la morositá del gestore ormai consisteva in alcune annualità».

E poi: «Da allora, in questi oltre tre anni, molta corrispondenza è rimpallata all’interno del comune tra i vari settori, sembra anche con conferenze di servizi richieste e mai tenutesi e con la ricerca di professionalità esterne in grado di espletare la nuova gara di affidamento della gestione di una piscina. Negli ultimi mesi di questa farsa amministrativa fortunatamente si è interessata la Procura della Corte dei Conti. Ma i nostri interrogativi restano – conclude Coratella - un gestore con il contratto scaduto, con la richiesta di restituzione dell’impianto e, sembra, anche una seria situazione di morosità, quale prospettiva di investimenti e quindi di qualità del servizio può dare agli utenti della piscina rispetto ad un gestore vincitore di una nuova gara pubblica fatta al tempo giusto? Perché e soprattutto per responsabilità di chi è avvenuto questo ennesimo scempio?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400