Domenica 21 Aprile 2019 | 22:39

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

beni comunali

De Sanctis, sgombero
per la casa del custode

Trani, l’ex titolare in quiescenza non ne ha più diritto

 De Sanctis, sgombero per la casa del custode

Nico Aurora

Trani - «Il provvisorio diventa definitivo». Il vecchio adagio non sbaglia mai e si può fedelmente riproporre per sintetizzare, in maniera più che efficace, la vicenda della casa del custode del Liceo classico De Sanctis, in piazza D’Agostino, occupata dal 1995, «in via provvisoria - si legge testualmente - per la custodia dei plessi scolastici della scuola media Rocca e del Liceo classico De Sanctis».

È quanto si scorge sull’ennesima determinazione dirigenziale dell’ing. Giovanni Didonna, figura apicale dell’Area patrimonio del Comune di Trani, che ha emanato un’ordinanza di sgombero, a mezzo consegna spontanea, dell’alloggio custode di pertinenza del plesso scolastico De Sanctis.

Il plesso è di proprietà del Comune di Trani, sebbene gestito quasi per intero dalla provincia Bat con riferimento al Liceo classico, in quanto scuola superiore. Un’ala al piano terreno di quell’edificio è occupata da classi della scuola media Rocca, ed in quel caso la competenza è del Comune di Trani, proprietario dell’immobile.

Nell’unità immobiliare c’è anche l’alloggio-custode, regolarmente identificato nel catasto dei fabbricati. Il Comune, in una ricognizione del suo patrimonio immobiliare avvenuta il 4 ottobre 2013, focalizzò l’attenzione anche sulla casa del custode del De Sanctis e, acquisendo le relative informazioni, veniva a conoscenza della presenza al suo interno di una donna, ex dipendente del comune con profilo professionale di custode, che avrebbe dovuto giustificare la permanenza in quell’edificio pur avendo da tempo terminato il suo rapporto di lavoro.

Il suo avvocato presentava la relativa memoria difensiva, adducendo il fatto che la propria assistita, in virtù di una disposizione dirigenziale del 18 gennaio 1995, utilizzava l’alloggio sin dal 1° febbraio di quell’anno, in quanto incaricata, in via provvisoria, della custodia dei plessi scolastici della scuola media Giustina Rocca e del liceo De Sanctis.

In altre parole, il provvedimento fu firmato dalla Commissione straordinaria, formata dai prefetti Striccoli, Montanari e Minervini, che amministrò Palazzo di città dopo lo scioglimento del consiglio comunale, nel 1993, per presunte infiltrazioni mafiose, e prima dell’insediamento del sindaco Tamborrino. La ricognizione ha consentito, senza temi di smentita, di accertare che la dipendente è da tempo in quiescenza, non riveste più il profilo professionale di custode e non ha titolo ad occupare quell’immobile, insieme con il marito ed il figlio: pertanto, dovrà rilasciarlo spontaneamente entro novanta giorni dalla notifica del provvedimento. Diversamente si procederà a rientrare nel possesso dell’immobile tramite sgombero forzoso da persone e cose.

Con questo​ provvedimento​ il Comune di Trani cala il poker sul tavolo delle ordinanze nei confronti di occupanti senza titolo di case del custode: le precedenti avevano riguardato la scuola materna Fabiano, l’elementare Cezza e la media Bovio.

Per il momento tutti gli occupanti sono ancora all’interno degli immobili, non essendo trascorsi i termini disposti con i rispettivi provvedimenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400