Mercoledì 20 Marzo 2019 | 12:47

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoA Taranto
Ricostruzione mammella con il lipofilling: interventi riusciti

Ricostruzione mammella con il lipofilling: interventi riusciti

 
FoggiaDi Lucera
Operazione antidroga a Isernia: in carcere anche 3 foggiani

Operazione antidroga a Isernia: in carcere anche 3 foggiani

 
MateraNel Materano
Policoro, istituto falsificava diplomi di maturità: 21 persone indagate

Istituto falsificava diplomi di maturità nel Metapontino: 21 persone indagate

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
LecceI dati
Unisalento, rettore: «Immatricolazioni cresciute del 7,5%»

Unisalento, rettore: «Immatricolazioni cresciute del 7,5%»

 
BatCasa Leopold
Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

Un orfanotrofio per il Burundi: nel progetto una famiglia di Canosa

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

basket

Brindisi è salvezza domata Reggio Emilia

La squadra di basket mercoledì sera a Cantù finisce una stagione da incubo

basket Brindisi

BRINDISI - Inutile girarci attorno: vincere per non «morire». L'Happy Casa ha vissuto la settimana appena consegnata all'archivio con una certa apprensione. Era chiamata al match più difficile della stagione, soprattutto sotto il profilo della condizione psicologica. Quindi facilmente intuibile il «freno a mano» tirato da parte dei giocatori di Vitucci ad inizio gara. Anche vero, ad ogni modo, che con il trascorrere dei secondi la squadra si è «sciolta» e, al 7', aveva messo da parte già sei punti di vantaggio (15-9), poi aumentato (21-12) all'8'. Il primo quarto si chiudeva con la tripla di Markoshvili (22-17) che, ad ogni modo era del tutto incoraggiante.

Altrettanto l'avvio del secondo quarto. Con Suggs, Tepic e Mesicek i brindisini raggiungevano i 17 punti di vantaggio: 34-19 dopo una bella schiacciata a due mani di Suggs. Brindisi insisteva e al 15' (timeout di Vitucci) riusciva nell'intento di tenere sempre le mani sulla gara (38-26). C'è da dire, ad ogni modo, che Brindisi subiva le incursioni di Wright, bravo a tagliare la difesa. Fra l'altro Reggio Emilia alzava l'intensità difensiva e Brindisi pagava il dispendio di energia in chiave offensiva. Poco male, perchè a metà gara Brindisi conduceva con 14 punti di vantaggio (44-30) frutto del 58% al tiro contro il 38% dei reggiani, oltre ai 21 rimbalzi contro gli 11 degli avversari.

Secondi venti minuti. Che iniziavano con sei punti consecutivi di Brindisi (Lydeka 4 e Tepic). Tutto facile? Neanche per idea: bastava una piccola distrazione per essere infilzati da Wright e Della Valle (52-37 al 24') che con il 4/4 nei liberi di Reynolds al 26' portavano Reggio sul -12 (55-45). Momento negativo di Brindisi che si vedeva rosicchiare un po' di punti: sette 57-52 al 29'. Un minuto per chiudere il terzo quarto sul +6: 60-54.

Ultimo tempino. Il pubblico intuiva il momento ed alzava l'intensità dell'incitamento, ma Della Valle e White andavano a segno ed era, al 32', 62-60. Ultimo metà tempino, un solo punto divideva i due quintetti (66-65). L'adrenalina saliva vertiginosamente. La tripla di Suggs era ossigeno puro. Ad un minuto dal termine Brindisi doveva difendere il vantaggio di tre punti (75-72). Operazione riuscita, Brindisi in salvo. E mercoledì sera si chiuderà a Cantù.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400