Sabato 16 Gennaio 2021 | 12:06

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
PotenzaL'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

 
Materal'annuncio
Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
Leccetragedia evitata
Porto Selvaggio, donna resta bloccata sulla scogliera: salvata dai vigili del fuoco

Porto Selvaggio, donna resta bloccata sulla scogliera: salvata dai vigili del fuoco

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 

i più letti

Roma lascia ai lucani i veleni e tiene i soldi

di ANTONELLA INCISO 
I soldi che erano stati assegnati al programma straordinario nazionale per il recupero economico produttivo dei siti industriali inquinanti (provenienti dai Fondi Aree Sottoutilizzate 2007-2013) sono stati cancellati, trasferiti ad altro nell'ultima Finanziaria. Quindi la bonifica dei due siti industriali della Val Basento e di Tito Scalo non potrà essere realizzata
• Tito scalo: area "tossico-nociva"
• Acqua e mercurio in Val Basento
Roma lascia ai lucani i veleni e tiene i soldi
bonifica amianto a Tito scalo - FOTO TONY VECEPOTENZA - La notizia era nell’area già da un pò di tempo. Poi, la conferma ufficiale: il programma straordinario nazionale per il recupero economico produttivo dei siti industriali inquinanti non ha più fondi. O meglio i soldi che erano stati assegnati al progetto speciale provenienti dai Fondi Aree Sottoutilizzate 2007 - 2013 sono stati cancellati, trasferiti ad altro nell’ultima Finanziaria. Il che tradotto in pratica significa che la bonifica dei due siti industriali, quello della Val Basento e quello di Tito Scalo, che la comunità lucana attendeva da tempo non potranno essere realizzati. Almeno per diverso tempo. Con tutto ciò che questo significa in termini di rischio e di preoccupazione da parte delle popolazioni interessate. Già, perchè nella stessa relazione del Ministero per lo Sviluppo Economico è scritto che esistono «porzioni di territorio interessate da pesanti fenomeni di inquinamento e di deindustrializzaizone che fanno di queste aree un freno allo sviluppo e un vulnus alla qualità dello stesso». 

«Le regioni e gli enti locali - continua la relazione - non hanno strumenti, competenze e risorse sufficienti per affrontare e risolvere da soli tutte le complesse questioni che interessano i grandi agglomerati industriali che presentano fenomeni di deindustrializzazione ed elevati livelli di contaminazione ambientale e di rischio per la salute dei cittadini». 

Rischi concreti, dunque, che non sono stati sufficienti a far aprire le casse statali per erogare gli oltre 2 miliardi e 500mila euro stanziati dal Governo per il Mezzogiorno. Quei finanziamenti, infatti, sono stati destinati ad altro. A cosa di preciso non è dato sapere, ma è certo che al momento non sono disponibili neppure nella parte necessaria alla sistemazione di uno dei due siti come era stato ipotizzato in un primo momento. 

«La Basilicata ci contava e ci conta - commenta il presidente della Regione, Vito De Filippo - non ci siamo arresi. Questa è l’ulteriore dimostrazione che l’impianto finanziario dei Fas, per quanto abbiamo limitato i danni, è stato comunque ribaltato e i programmi speciali si sono persi». 

Potrebbero tornare di attualità con i fondi Regionali? Difficile, perché l’impegno finanziario è gravoso. «Si può anche ipotizzare la bonifica con nostri fondi - sottolinea il presidente De Filippo - ma va anche detto che già nel programma nazionale era prevista una quote di partecipazione da parte della Regione. In ogni caso, noi stiamo lavorando con il Governo per riavere i fondi».
ANTONELLA INCISO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie