Sabato 16 Gennaio 2021 | 18:42

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
NewsweekLa novità
Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

Da Alberobello arriva il «Maradona dei fornelli»: convocato nella nazionale cuochi

 
LecceIl caso
L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

L'Alpino camminatore in giro per l'Italia fa tappa a Porto Cesareo: «Viaggio per sensibilizzare sulla sclerosi tuberosa»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Brindisiindagini dei CC
Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

Oria, vendono assicurazione online ma è una truffa: denunciati tre campani

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

i più letti

Presi ben due pedofili a Potenza

di GIOVANNI RIVELLI 
Uno, un cinquantenne con precedenti specifici, avrebbe abusato per mesi di un giovane studente potentino con problemi psichici. L'altro, operaio di 45 anni, con moglie e figli, avrebbe tentato di brutalizzare la figlia dei vicini (che va alle scuole medie). Il primo è ai domiciliari, l'altro è stato allontanato con divieto di dimora nel comune
Presi ben due pedofili a Potenza
POTENZA - Dai carabinieri per denunciare un caso di bullismo, ma la verità venuta fuori è ben altra: un aguzzino cinquantenne ha abusato per mesi di un giovane studente potentino con qualche problema psichico che aveva individuato come sua vittima proprio per la debolezza del ragazzo. Ieri mattina l’uomo è stato arrestato e messo ai domiciliari con l’accusa di pedofilia, su disposizione del Gip Luigi Barrella a cui il Pm Annagloria Piccininni aveva chiesto la misura. Un accusa non nuova per il cinquantenne che avrebbe già precedenti specifici. 

E quanto ha fatto negli ultimi mesi descrivono qualcosa di doppiamente abberrante: per quello che ha vissuto la sua giovane vittima, per quello che è stato capace di porre in essere l’aguzzino per almeno tre mesi, da settembre a novembre scorsi. L’arrestato, infatti, non conosceva la sua vittima e non era di Potenza, ma di un paese vicino. Nel capoluogo veniva appositamente per individuare una «preda» per le sue voglie insane. Così, a quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Potenza, guidati dal Capitano Pantaleone Grimaldi, si era appostato davanti la scuola del giovane, individuando il suo stato di particolare debolezza, e poi l’aveva avvicinato. Lo aveva, così, più volte costretto a seguirlo in una zona appartata, a denudarsi, a subire le insane attenzioni sessuali. E una volta, addirittura, lo aveva bendato e condotto nella sua abitazione, dove lo aveva brutalizzato. Un dramma vissuto in silenzio dal giovane. Nella sua situazione di difficoltà, l’unica forma di reazione era la volontà di non andare a scuola. 

I genitori avevano percepito questo suo malessere e avevano pensato che il loro figlio fosse vittima di episodi di bullismo. Per cui, nello scorso mese di novembre erano andati in caser ma. Lì, il comandante di stazione Domenico Buonomo ha capito che qualcosa non andava per il verso giusto. Ha iniziato a parlare col ragazzo, ne ha conquistato la fiducia e, in un momento in cui i genitori si erano allontanati, il ragazzo è scoppiato a piangere e ha raccontato il suo dramma. Sono così partite le indagini epr individuare l’aguzzino. Appostamenti, pedinamenti, riconoscimento di foto segnaletiche di persone con precedenti specifiche. Quando ha visto quella dell’uomo ora arrestato, è letteralmente saltato sulla sedia mostrandosi terrorizzato. È tornato a ripetere quel suo racconto e, anche davanti al Pm Piccininni (e prima al sostituto procuratore Claudia De Luca), ha ricostruito più volte l’accaduto, senza cadere mai in contraddizione. Un racconto agghiacciante, che ha imposto la necessità di intervenire subito. 

Ora l’aguzzino è ai domiciliari. Ma le indagini non sono finite e si cerca di capire se l’uomo abbia cercato di avvicinare anche altri ragazzi. Un dubbio suggerito dai suoi precedenti. Che ora, speriamo, non si ripeteranno più. 

45ENNE ABUSA DELLA FIGLIA DEI VICINI
Lui 45 anni, operaio, con moglie e figli, approfittando dell’assenza di altre persone, salta addosso alla figlia dei vicini, che va alle scuole medie, prova a baciarla e la tocca fino a quando la ragazza non riesce a scappare in strada a chiedere l’aiuto dei suoi amichetti che fermano una volante della polizia e raccontano tutto. Scenario anche di questa storia un quartiere periferico di Potenza da cui ieri il 45enne è stato allontanato con un provvedimento di divieto di dimora nel comune disposto dal Gip Luigi Barrella su richiesta del Pm Annagloria Piccininni e notificato ieri mattina da personale dipendente della Sezione Reati in pregiudizio di minori – Abusi sessuali della locale Squadra Mobile. 

A quanto ricostruito dagli agenti, già in passato l’uomo avrebbe fatto degli «ammiccamenti» , nei confronti della minore, approfittando dell’amicizia con la famiglia e del fatto di abitare vicino, poi, un giorno, approfittando del fatto che la ragazza era solo in casa, con una scusa si è introdotto nell’abitazione e ha tentato l’approccio sessuale. Una vicenda ripercorsa davanti a agenti, magistrati e assistenti sociali dalla stessa ragazzina, mentre i suoi amici coetanei del rione hanno testimoniato lo stato di agitazione della ragazza corsa in mezzo alla strada per sottrarsi a quelle attenzioni morbose. 
Un pericolo che ora, con l’uomo allontanato dalla città, la giovane sarà certa di non correre più.
GIOVANNI RIVELLI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie