Domenica 24 Gennaio 2021 | 14:38

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantocontrolli della ps
Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

 
LecceEconomia
Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

100mln di euro non bastano ad attrarre imprese in Basilicata

di MASSIMO BRANCATI
Cento milioni di euro, messi a disposizione dei bandi Treviso e Valbasento, «congelati», restano in banca. In entrambi i casi l'obiettivo era quello di intercettare imprenditori da fuori regione (in particolare dal Nord), disposti a insediarsi in Basilicata dietro la promessa di contributi. La risposta? Zero
100mln di euro non bastano ad attrarre imprese in Basilicata
POTENZA - Cento milioni di euro «congelati», custoditi in chissà quale banca. Sono i fondi - euro più, euro meno - messi a disposizione dei bandi Treviso e Valbasento. In entrambi i casi l’obiettivo era quello di intercettare investitori da fuori regione (in particolare dal Nord-Est), imprenditori disposti a insediarsi in Basilicata dietro la promessa di contributi. La risposta? Zero, o quasi. Spesso solo «sterili» contatti. Neppure l’odore dei soldi, dunque, riesce ad attrarre il fiuto di operatori economici a cui, evidentemente, non basta trovarsi di fronte a incentivi, a una regione con un tasso di criminalità non elevato. Nonostante l’azione di marketing territoriale, le buone performance certificate dall’agenzia internazionale Moody’s, la promozione di un’immagine «patinata» e accattivante, la Basilicata, insomma, non riesce a far crescere il proprio «appeal» industriale. 

Lo dice anche la Svimez che colloca il territorio lucano agli ultimi posti in Italia per investimenti esterni, in particolare provenienti dai Paesi dell’Unione europea. Il tasso è appena dello 0,16%. E dire che quello dell’attrattività di fondi è considerato dalla giunta regionale un elemento fondamentale nelle strategie di sviluppo della Basilicata. Ma per riuscire a centrare l’obiettivo è necessario scrollarsi di dosso l’idea di puntare tutto su incentivi finanziari e pacchetti localizzativi. «Bisogna privilegiare - dice l’economista Franco Bitetti - interventi strutturali: una strategia di attrattività basata principalmente su fattori «di costo» (incentivi alla localizzazione) si rivela inadeguata e rischia di attrarre realtà a basso valore aggiunto. 

La riflessione sulla strategia di attrazione degli investimenti deve essere condotta in una logica progettuale come un insieme di azioni specifiche per territori specifici (biotecnologie o ricerca e produzione di fondi energetiche). È necessario intensificare l’azione di promozione per far conoscere ad aziende e organizzazioni esterne opportunità di investimento che potrebbero realizzarsi anche senza alcun intervento aggiuntivo della Regione. Non solo: far conoscere opportunità di sviluppo e «accompagnare» le aziende nella decisione di investimento presentando loro tutti i possibili benefici a cui possono accedere nel territorio». 

Sì, ma in attesa di un cambio di rotta cosa ne sarà di quei fondi, come i 100 milioni dei bandi Treviso e Valbasento, chiusi in un cassetto? Da Matera arriva l’idea di utilizzarli per rivitalizzare il disastrato comparto del mobile imbottito.
MASSIMO BRANCATI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie