Domenica 17 Gennaio 2021 | 01:58

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

La Madonna materana è una ma anche trina

di ANGELO LABBATE 
Durante il restauro s'è scoperto che la Madonna in trono della chiesetta dell'Annunziata di Accettura (Matera) era una sorta di matrioska: all'interno erano inserite altre due statue. Su una originaria scultura che si può ascrivere al XIII secolo, un'ulteriore sovrapposizione che risale alla prima metà del 1800
• La statua è anche oggetto di una tesi di laurea
madonna accetturaACCETTURA - La Madonna in trono, collocata nella chiesetta dell’Annunziata, è stata sempre oggetto di devozione. «Dopo il terremoto dell’80 - racconta il parroco, don Peppino Filardi - la statua fu acquisita dalla Soprintendenza ai beni artistici e storici della Basilicata e inclusa in un programma di conservazione. Due anni fa, per restituire la Madonna al culto popolare, la parrocchia si assunse gli oneri dei lavori di restauro, che furono affidati alla restauratrice Filomena Gianna Iozzi, sotto la direzione della dottoressa Agata Altavilla, soprintendente ai Beni artistici». 

Durante le operazioni è venuto fuori che nell’icona, come una matrioska, erano inserite altre due statue. Su una originaria scultura modellata su un tronco di pioppo, che si può ascrivere al XIII secolo, incastonata in un trono ligneo, è stato applicato un rivestimento di stoffa, dipinta ad acquerello e adorna di decorazioni floreali e inserti aurei. È la versione mariana che apparve al vescovo di Tricarico Giovanni Battista Santonio, che, nella relazione della visita pastorale del 1588, ne fa menzione come “statua Mariae Virginia coloribus et auro ornata”. 

Una ulteriore sovrapposizione risale alla prima metà del 1800, come si ricava dai fogli di cronache giudiziarie dell’epoca, utilizzati per la realizzazione della statua in cartapesta, che si presenta col bambinello in grembo. Riportata all’antico splendore con un paziente lavoro di restauro, la Madonna in trono è un interessante documento dell’evoluzione dei gusti e dei canoni, oggetto di curiosità e dell’attenzione degli studiosi di storia dell’arte, che arricchisce lo sconosciuto patrimonio artistico di una piccola comunità.
Angelo Labbate

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie