Venerdì 22 Gennaio 2021 | 05:16

Il Biancorosso

Serie C
Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

 
Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

Frana a Tito, paura e sfollati

dal nostro inviato MASSIMO BRANCATI
In via san Vito, in pieno centro cittadino, a Tito, alle due di notte tra lunedì e martedì, una frana ha sconquassato la strada e il sonno degli inquilini, una quindicina in tutto, costretti a lasciare le proprie abitazioni sulla scia di un'ordinanza di evacuazione emessa dal sindaco del paese, Pasquale Scavone
• I testimoni: abbiamo avuto paura ma vogliamo tornare a casa
• Senise, nel 1986 i crolli
smottamento a TitoTITO - Occhi arrossati. Sul volto i segni di una notte di paura. Fermi, immobili davanti al crollo: se potessero rimetterebbero tutto a posto con le loro mani. Ma si sentono impotenti di fronte a quella strada sgretolata, al muro che è scivolato giù, all'impossibilità di tornare a casa. Siamo in via san Vito, in pieno centro cittadino, a Tito: qui, alle due di notte tra lunedì e martedì, una frana ha sconquassato la strada adiacente, la passerella di accesso a un edificio. E il sonno degli inquilini, una quindicina in tutto, costretti a lasciare le proprie abitazioni sulla scia di un'ordinanza di evacuazione emessa dal sindaco del paese, Pasquale Scavone. Sul posto, subito dopo l'accaduto, sono intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri e gli agenti della polizia municipale che hanno transennato l'area in attesa di ulteriori rilievi geologici. Sondaggi tecnici che dovranno stabilire le cause della frana e, soprattutto, se esistono pericoli per il palazzo che confina con quello interessato dallo smottamento. 

Sempre a scopo precauzionale il Comune ha emesso un’ordinanza di divieto di utilizzo di garage nella parte sovrastante: «Abbiamo deciso di sgomberare le sei famiglie – sottolinea il sindaco Scavone – solo per prevenire possibili problemi. Dobbiamo approfondire la questione. A prima vista, comunque, credo che il palazzo non abbia subìto danni. Lo scivolamento del terreno ha coinvolto soltanto un muro di contenimento che, ruotando, ha determinato una depressione tra i due edifici presenti nella zona. Al momento non possiamo escludere nulla. Saranno i geologi a dirci se ci dovranno essere ulteriori provvedimenti di sgombero». A tal proposito, ieri sono giunti in paese, allertati dallo stesso sindaco, tecnici della Protezione civile per supportare l'amministrazione comunale sulle valutazioni del caso. 

Esami più approfonditi diranno cosa bisogna fare per mettere in sicurezza l'edificio sgomberato: è stato escluso, almeno per ora, un coinvolgimento diretto degli edifici vicini nel movimento del terreno. «Il nostro primo pensiero – insiste il sindaco che si è recato sul posto pochi minuti dopo l'accaduto – è quello di tutelare gli abitanti». Già, i residenti. Se le loro case dovessero restare «off-limits», dove andranno a dormire? «I cittadini si sono già rivolti ad amici e parenti – conclude Scavone – ma l'amministazione comunale è pronta a scendere in campo qualora ce ne fosse bisogno. Chi vuole può trovare ospitalità in un albergo del paese, ma speriamo che l'allarme rientri al più presto». Inguaribile ottimista, il sindaco. 

I residenti, invece, temono che le criticità si amplifichino con il passare dei giorni: «Da queste parti le infiltrazioni d'acqua sono di casa. Spesso si è dovuto intervenire per ripristinare le condotte idriche: forse alla base di questo smottamento ci sono proprio le perdite d'acqua che hanno reso ancor più fragile il terreno. E le piogge di questi giorni non certo aiutano». Il maltempo, insomma, è lo spauracchio numero uno. D’altra parte Tito, che ha un territorio particolarmente esposto al rischio frana, ha già dovuto fare i conti in passato con smottamenti causati proprio da abbondanti precipitazioni. 

«Bisogna fare presto - tuonano i residenti - per avere un quadro completo e dettagliato della situazione. Pe rdere tempo sarebbe davvero imperdona - bile considerando la gravità del caso». I cittadini contano i minuti che li separano dal ritorno a casa. Un modo per esorcizzare la paura di un trasloco definitivo.
Massimo Brancati

• I testimoni: abbiamo avuto paura ma vogliamo tornare a casa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie