Domenica 17 Gennaio 2021 | 18:53

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, il centrocampista Maita torna negativo

Bari calcio, il centrocampista Maita torna negativo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'anniversario
Bari, auguri all’«Angiulli»: 115 anni di sport e di vita

Bari, auguri all’«Angiulli»: 115 anni di sport e di vita

 
PotenzaIl personaggio
Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

 
Foggianel foggiano
San Severo, aggredito blogger e incendiata la sua auto: indaga la polizia

San Severo, aggredito blogger e incendiata la sua auto: indaga la polizia

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

Agente di Potenza accusato di violenze sequestro e sfruttamento prostituzione

Brutta storia quella portata alla luce dal Reparto investigativo dei carabinieri di Ancona nell'ambito di un'operazione volta a stroncare una tratta di romene e viados brasiliani avviati alla prostituzione. I Cc hanno arrestato l'ispettore Domenico Gioia, 50 anni, originario di Potenza, accusato di sequestro di persona, lesioni personali gravi, favoreggiamento della prostituzione e rivelazione di segreto d'ufficio. Gioia era in servizio nella Squadra antiprostituzione alla Questura di Ancona
ANCONA – Due arresti – uno dei quali di un ispettore di polizia in servizio nella Squadra antiprostituzione alla Questura di Ancona – e un fermo sono il primo bilancio di un’operazione del Reparto investigativo dei carabinieri di Ancona volta a stroncare una tratta di esseri umani (ragazze romene e viados brasiliani) avviati alla prostituzione. Non si escludono nuovi sviluppi, e ulteriori provvedimenti cautelari. L'ispettore è già stato sospeso dal servizio, a scopo cautelativo, dal questore di Ancona Giorgio Iacobone. Condotta dal comandante del reparto tenente col. Luciano Ricciardi e da quello del Nucleo investigativo capitano Piero Pulzonetti, l’indagine è cominciata un anno fa e si è sviluppata in tre tronconi, conclusi, per ora, con due ordini di custodia cautelare in carcere per Guido Spinelli, 38 anni, di Ancona, accusato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, e per l’ispettore Domenico Gioia, 50 anni, originario di Potenza, accusato di sequestro di persona, lesioni personali gravi, favoreggiamento della prostituzione e rivelazione di segreto d’ufficio. Il fermato come indiziato di reato è Giuseppe Tibaudo, 40 anni, di Montemarciano, a cui vengono addebitati il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione. Tutto è partito da alcuni accertamenti a carico di Spinelli: già noto alla giustizia, l’uomo era stato notato a Falconara marittima e a Montemarciano (Ancona) mentre a bordo di un’auto contattava a più riprese ragazze romene (sei quelle individuate finora, tutte fra i 22 e i 27 anni) che esercitavano per strada. In seguito, i militari hanno scoperto che Spinelli aveva rapporti con alcuni romeni che facevano arrivare in Italia le ragazze (consapevoli di venire a prostituirsi), millantando contatti fra le forze di polizia che avrebbero consentito l'esercizio della prostituzione senza troppi problemi. Un secondo troncone dell’inchiesta è scaturito invece da una denuncia fatta ai carabinieri da Tibaudo, il quale, presentandosi come vittima dell’ispettore, ha sostenuto di essere stato picchiato da Gioia. I carabinieri hanno appurato che Tibaudo accompagnava con la propria auto i trans brasiliani a prostituirsi nella zona di Montemarciano, affittando loro anche alcuni suoi appartamenti. Altre e più approfondite indagini hanno condotto gli investigatori fino a Gioia: determinante la testimonianza delle ragazze romene: avrebbero detto di essere state sequestrate dall’ispettore, trattenute per la notte in Questura e rilasciate solo al mattino, in alcuni casi dopo essere state picchiate. Secondo i carabinieri, Gioia avrebbe anche informato alcuni suoi referenti quando vari locali notturni (per lo più frequentati dai trans) stavano per essere controllati, suggerendo inoltre gli spostamenti delle prostitute, per sottrarle alle retate. L’arresto dell’ispettore è stato eseguito dai colleghi della Squadra mobile della Questura di Ancona, presenti i carabinieri titolari dell’ordine di custodia cautelare in carcere. L’inchiesta è coordinata dal pm Rosario Lionello, mentre le ordinanze di custodia sono state firmate dai giudici Alberto Pallucchini e Francesca Grassi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie