Sabato 16 Gennaio 2021 | 00:33

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Impianto Eni di Viggiano: «Un boato poi le fiamme»

di LUIGIA IERACE
Gli ambientalisti (dalla Ola alla Csail): «Davanti ai rischi di incidenti, i cittadini hanno diritto a una maggiore informazione e trasparenza». L’Eni: «È stata un’anomalia che ha fatto scattare i sistemi di sicurezza». Arpab: «I nostri controlli ci dicono di valori nella norma»
di LUIGIA IERACE

POTENZA - Una grossa fiamma sul centro oli di Viggiano. È accaduto giovedì quando, intorno alle 20.30, la fiammella che brucia costantemente sulla torcia dell’impianto dell’Eni in Val d’Agri si è improvvisamente levata in cielo. Il rumore delle fiamme, il rosso intenso nel cielo della Valle hanno allarmato i cittadini. Si è verificata quella che in gergo tecnico si chiama «sfiammata» e che parte quando scattano i sistemi di sicurezza. In sostanza, è una sorta di campanello di allarme quando c’è o ci potrebbe essere qualcosa che non va nell’impianto.

Per 15 minuti, così, la fiamma ha bruciato nel cielo di Viggiano. Diverse le reazioni ieri nella valle del petrolio. «È stato l’argomento del giorno», ripete il signor Paolo. Lui lavora in mezzo alla gente e di commenti ne ha sentiti tanti. «Ma come sempre si dividono in due: quelli del sì al petrolio e quelli del no. Chi sa che non è successo niente e che non c’è da preoccuparsi perché quella fiammella che brucia è un’operazione di sfogo con la quale si è abituati a convivere. Anche se ieri è stata più palese del solito. E chi, invece, è sempre pronto a gridare all’ennesimo disastro ambientale». La Ola (Organizzazione lucana ambientalista) evidenzia «la grande pericolosità del Centro Oli di Viggiano» e parla di «forte boato, fiamme alte fino a 40 metri e olio nebulizzato e gas sprigionatosi per diverso tempo dalle torce dell’impianto». Il Csail (il Comitato per lo sviluppo delle aree interne lucane), ripropone la necessità di «un adeguato piano di protezione civile in grado di garantire sicurezza a dipendenti, lavoratori e residenti dell’area industriale di Viggiano». 

«Il mio capannone - dice Pasquale Criscuolo - è a 200 metri dal Centro Oli. Sono sereno, anche in questo momento la fiamma è leggermente più alta del solito, quando brucia vuol dire che l’impianto funziona e siamo in sicurezza. Sono tranquillo io e le persone che lavorano con me». «Siamo stufi - replica, invece Giambattista Mele - occorre una forte informativa come cittadini di Viggiano dobbiamo sapere. Il piano di monitoraggio non esiste». 

Lo smentisce il direttore dell’Arbab, Vincenzo Sigillito. «In Basilicata ne abbiamo 11, per legge ne avremmo bisogno di 3. La centralina di monitoraggio è a 150 metri dal Centro Oli di Viggiano e rileva i dati continuamente. Lo ha fatto anche giovedì e sta continuando a farlo (il direttore ci legge i dati in diretta, ndr). Tra le 17 e le 18 si sono registrate leggere modifiche, poi i livelli di monossido di carbonio, biossido di azoto e anidride solforosa sono cominciati a salire. I valori massimi tra le 9 e le 13 di oggi (ieri, per chi legge) ma rientrano nei limiti massimi consentiti. Il monossido di carbonio di solito a 0,5 è salito a 0,9 microgrammi su mc (non dovrebbe superare i 10), l’anidride solforosa da 25 a 45 (tetto massimo 350), il biossido d’azoto da una media di 40-45 è passato a 90 (tetto massimo 200). Insomma anche se c’è stata una cuspide nei valori, gli episodi sono di gran lunga inferiori. L’orientamento dei venti a sud-ovest e la velocità di 15 km all’ora ha per di più facilitato la dispersione. E oggi un fisico validerà, cioè acquisirà i dati e li studierà per capire cosa è successo».

Questa la spiegazione dell’Eni: «Alle 20,30 circa si sono attivati i sistemi di sicurezza al Centro olio di Viggiano in seguito ad un’erronea segnalazione dei sistemi automatici di protezione. I dispositivi di sicurezza sono prontamenti intervenuti. Si è trattato di un’operazione di messa in sicurezza dell’impianto, senza creare situazioni di pericolo per le persone e cose. L'episodio è legato al sistema di controllo preventivo estremamente sofisticato adottato nell’impianto e dimostra il corretto funzionamento dei dispositivi di sicurezza». «Episodi che non comportano rischi per la popolazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie