Lunedì 18 Gennaio 2021 | 04:23

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

SCUOLA IN PUGLIA&BASILICATA/ Monta la protesta degli studenti

di MARISA INGROSSO
Gli studenti di Bari e Potenza sembrano non dare troppo peso alle parole del premier Silvio Berlusconi (che oggi ha aperto all'uso della Forza pubblica per sgomberare le Facoltà occupate). Nulla modifica il calendario della loro lotta contro i tagli all'Università. Martedì prossimo, «assemblea generale» concomitante nei due capoluoghi
corteo universitari bari BARI - Gli studenti di Bari e Potenza sembrano non dare troppo peso alle parole del premier Silvio Berlusconi (che oggi ha aperto all'uso della Forza pubblica per sgomberare le università occupate). Nulla modifica il calendario della loro lotta per il diritto allo studio; contro i tagli all'Università e la ventilata ipotesi di trasformare gli Atenei in Fondazioni. Tra le altre iniziative, nei due capoluoghi di Regione, martedì, scatteranno due mega-assemblee.

In entrambe le occasioni, c'è da giurarci, uno degli slogan più gettonati sarà il brillantissimo «E ora picchiateci tutti». Coniato dall'Unione degli universitari, è quasi un tributo al coraggio dei ragazzi calabresi che, dopo l'omicidio Fortugno, sfilarono contro la Mafia all'urlo di «E ora ammazzateci tutti». In questo caso, il riferimento è alle manganellate della Polizia che si sono viste a Milano contro gli studenti.

BARI
Per prima cosa - ad evitare che al movimento vengano applicate etichette politiche - tutte le sigle della rappresentanza studentesca si sono riunite sotto un unico «ombrello», chiamato «Coordinamento stop 133» (dal nome della legge che ha scatenato le loro ire, la «133/08»). E' stato il «Coordinamento» oggi a organizzare il funerale (con tanto di corteo funebre) all'Università pubblica. Ceri, scialli neri e pianti tra le aule e i corridoi delle facoltà di Lettere Scienze Politiche e Giurisprudenza. Nel pomeriggio poi assemblea nell'aula C dell'ateneo di Bari per discutere delle ripercussioni che la Finanziaria e il decreto Gelmini in particolare, avranno sull'Università (e c'erano anche i presidi delle facoltà di Lettere, Grazia Distaso, di Giurisprudenza, Mario Giovanni Garofalo, e di Scienze Politiche, Ennio Triggiani).

Del «Coordinamento», fa parte anche l'Unione degli universitari che sul suo sito (www.udubari.it) annuncia, per domani, due assemblee: la prima (con inizio alle 14) si svolgerà nell'aula IV del palazzo delle Aule di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturalie, ovviamente, coinvolgerà le facoltà di Scienze MM FF NN, Biotech e Farmacia; la seconda assemblea, prevista per le 16, riguarderà gli studenti di Lingue e Letterature Straniere (aula 14).

Gli studenti - è scritto nel sito - hanno anche intenzione di partecipare «al Consiglio comunale straordinario sulla situazione della scuola Pubblica», che si svolgerà domani (l'appuntamento è alle ore 17, presso l'isituto Maiorana, al quartiere S. Paolo).


Venerdì prossimo, invece, sarà la volta di una assemblea aperta anche a «ricercatori, dottorandi, personale amministrativo, docenti della Facoltà di Lettere e Filosofia».

Infine, martedì prossimo (28 ottobre) le iniziative culmineranno in una «assemblea generale» di studenti, dottorandi, ricercatori, docenti, lavoratori e cittadini. Tutti si vedranno - dice udubari.it - all'atrio di Giurisprudenza alle 9,30.
Gli studenti definiscono una «necessità» quella dell'«assemblea generale» al fine di unire «tutte le studentesse e gli studenti, i dottorandi, i ricercatori, i docenti».
Martedì - anticipa il sito - «si terrà una discussione comune sull'attacco che il Governo sta portando all'università pubblica italiana, sulle forme di lotta da intraprendere, su come coinvolgere tutti gli studenti, la comunità accademica e la cittadinanza, e soprattutto sull'università che vogliamo».

POTENZA
«Noi siamo molto impegnati innanzitutto nell'informare gli studenti - dice Giuseppe Sbrescia, rappresentante degli universitari per Udu Potenza - In un'aula, la XII, riceviamo gli studenti fino alle 10 di sera e li informiamo sulle conseguenze della legge».

«Oggi abbiamo ottenuto un buon risultato - continua Sbrescia - perché ci siamo riuniti in assemblea e c'erano 200 persone. Sono interevnuti anche docenti e personale tecnico amministrativo, perchè anche loro sono interessati dal provvedimento. E' un buon risultato perché all'Università Parthenope gli studenti difficilmente partecipano in massa alle iniziative che riguardano il livello nazionale. Invece oggi hanno abbandonato le lezioni andando, anche magari contro alcuni docenti che erano contrari».

Quanto alle prossime iniziative, il rappresentante annuncia che «il 28 ottobre si terrà una grande assemblea all'Università Parthenope. Si svolgerà in mattinata, verso mezzogiorno, nell'aula Consiglio degli studenti».
Marisa Ingrosso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie