Sabato 06 Marzo 2021 | 12:57

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

Calcio Bari, ridotta la squalifica di Bianco, ok con Potenza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCon la «Uno bianca»
Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

Criminalità, 69 rapine nel Barese in due anni: quattro condanne

 
Foggianel foggiano
Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

Coronavirus, assembramenti sul Gargano: multati 28 giovani

 
PotenzaIndustria
Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

Basilicata, Regione ferma Tempa Rossa: «L'attività sia in sicurezza»

 
LecceDia
Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

Lecce, droga dall'Albania da spacciare in tutta Italia: sequestrati beni per 900mila euro e 50kg di sostanze

 
TarantoLa storia
Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

Martina Franca, Graziana e il Covid sconfitto: «La malattia ci invita a riflettere»

 
Brindisiil blitz
Brindisi, riciclaggio e appropriazione indebita: 10 arresti all'alba

Ostuni, scacco a clan per riciclaggio e appropriazione indebita: 9 ordinanze Vd

 
MateraIl caso
Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

Migranti, nel Materano al via progetti per accoglienza lavoratori

 
BatL'emergenza
Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

Covid nella BAT, oltre 200 contagi tra bimbi e ragazzi in nove comuni

 

i più letti

Basilicata, l'affare delle acque minerali concessioni «regalate» a multinazionali

di ANTONELLA INCISO
Il mercato delle acque minerali è in crescita, le aziende del settore fanno fatturati da capogiro, la Basilicata (in particolare il Vulture) è ricca di questa risorsa ma tutto ciò che ci ricava è 30 centesimi di euro ogni mille litri di acqua imbottigliata. Il resto, ossia centinaia di volte il canone pagato, finisce tutto nei bilanci delle aziende del settore, sempre più di dimensione sovraregionale
• Rionero, la città dell'acqua
• Pochi i margini di guadagno
• LA LETTERA: Risorsa che non ci arricchisce
Basilicata, l'affare delle acque minerali concessioni «regalate» a multinazionali
bottigliedi ANTONELLA INCISO

POTENZA _ Oro nero e oro blu. Il primo, il petrolio business del XX secolo, il secondo, l'acqua, grande affare del XXI secolo. La Basilicata è ricca di entrambi gli elementi. Un dato che sulla carta lascia ben sperare per il futuro in termini di sviluppo e di crescita economica, soprattutto oggi con il federalismo fiscale alle porte. Grazie a quelle risorse sulla carta la Basilicata potrebbe dormire sonni più che tranquilli. Eppure, se per il petrolio le royalty vantano un peso non indifferente nei bilanci di Regione e comuni, lo stesso non avviene per le «bollicine». Anzi, i canoni che incassa la Regione per lo sfruttamento dell'acqua sono decisamente irrisori. Così come non sono elevati i numeri degli occupati nel settore a causa delle alte tecnologie utilizzate.

La legge regionale numero 21 del 1° marzo 2005 è l'ultima varata in materia. Composta di vari articoli prevede l'abolizione del divieto di trasferimento in concessione senza l'apposita autorizzazione regionale (art.7), la trasformazione del canone annuo della concessione da lire in euro, conservandone l'effettivo importo in 5, 16 euro per ogni ettaro oggetto di permesso (art. 42 comma 2) e un canone a carico del concessionario di 51,65 centesimi per le concessioni sfruttate per l'imbottigliamento e di 26 euro per le concessioni di acque termali e di acque minerali per le cure idrotermali (art. 42 comma 3). Inoltre, essa prevede un ulteriore ricavo per la Regione pari a 0,30 per ogni mille litri imbottigliati (art. 42 comma 7). Con l'art. 46 bis, poi, il contributo non viene più riferito all'emunto (la quantità prelevata sul contatore) ma alla qualità imbottigliata.

Numeri piccoli, anzi piccolissimi (basti pensare che se un cittadino dovesse imbottigliare mille litri di acqua dal rubinetto pagherebbe
63 centesimi) si considera che le aziende del settore ogni anno fatturano cifre con molti zeri. Cifre che da più parti hanno sollevato interrogati: com'è possibile che si è arrivati a questo? Com'è possibile che di fronte a un business in crescita come quello dell'acqua le concessioni siano rimaste così basse?
acqua
Innanzitutto, va detto che la normativa italiana prevede che l'acqua sia «un bene di pubblico interesse» che deve essere garantita a tutti. Questo fa si che i canoni di concessione non possano essere aumentati indiscriminatamente. Va anche detto, poi, che quelle lucane sono tra le tariffe più care se confrontate con quelle imposte dalle altre amministrazioni regionali italiane. In Emilia Romagna, infatti, il canone è di 10,22 euro per ettaro in concessione, in Liguria di
5,01, in Piemonte di 20,65, nelle Marche di 5,16, mentre in Lombardia di 25 euro per ettaro più 0,51 euro ogni metro cubo imbottigliato. Inoltre, non in tutte le discipline regionali il canone di concessione è proporzionale all'estensione dell'area, ma anche alla quantità imbottigliata.

Al di là dei confronti tra le diverse discipline, comunque, più di qualcuno chiede che la normativa venga rivista, e magari si arrivi ad una tariffa unica per l'intero territorio nazionale come auspicato sin dal 2006 dalla Conferenza delle Regioni. Come spiega il consigliere regionale di Rifondazione Comunista, Emilia Simonetti che sulla questione ha presentato anche un'interrogazione.
«La Giunta, in particolare l'assessore all'Ambiente, Vincenzo Santochirico, è stato impegnato dal consiglio Regionale a modificare tali cifre - commenta il consigliere Simonetti - ma l'impegno non è stato ancora mantenuto. Sulla questione esiste anche un documento di indirizzo dalla Conferenza delle Regioni che chiede la fissazione di linee di indirizzo. Si tratta, quindi, di adeguare urgentemente le tariffe per utilizzare i ricavati nell'opera di disinquinamento nelle zone di coltivazione delle acque minerali».

Alla Regione su questo aspetto stanno lavorando. Informalmente si sa che della questione si sta occupando l'assessore regionale all'Ambiente, Vincenzo Santochirico, che, però, non ha potuto spiegare a che punto è l'iter, trovandosi all'estero.

• Rionero, la città dell'acqua
• Pochi i margini di guadagno
• LA LETTERA: Una risorsa che non ci arricchisce

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie