Domenica 24 Gennaio 2021 | 14:12

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantocontrolli della ps
Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

 
LecceEconomia
Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

Lecce, sanità e assistenza sociale: è boom di imprese private (+77%)

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

Condannato sindaco potentino fannullone Assente 165 giorni per riunioni inesistenti

di GIOVANNI RIVELLI
Giuseppe Garzillo, ex primo cittadino di Banzi, è mancato 165 giorni dal lavoro senza averne diritto, poichè motivava la cosa con riunioni inesistenti, ed ha ottenuto una serie di indennità per missioni risultate «impossibili» poichè mentre risultava in trasferta contemporaneamente era in riunione al comune o in servizio al lavoro
Condannato sindaco potentino fannullone Assente 165 giorni per riunioni inesistenti
di GIOVANNI RIVELLI

POTENZA - Il «sindaco fannullone» deve pagare. Lo hanno stabilito i giudici della Corte dei Conti di Basilicata accogliendo in larghissima parte le richieste del procuratore Michele Oricchio e intimando all'ex sindaco di Banzi, Giuseppe Garzillo, di pagare 11mila euro alla Regione Ba silicata e 2mila 372 euro al suo Comune (oltre interessi) come risarcimento del danno, rispettivamente, per i giorni di lavoro non fatti adducendo a motivazione un presunto impegno come primo cittadino e per le indennità di trasferta ottenute se che ci fosse stato il viaggio. La decisione del collegio contabile (presidente Adriano Festa Ferrante, relatore Vincenzo Pergola e consigliere Giuseppe Tagliamonte) è molto articolata tanto che la sentenza è di una quarantina di pagine, cosa insolita per un pronunciamento della Corte dei Conti. I giudici, per quanto abbiano esaminato attentamente il caso (sono passati circa due mesi tra l'ultima udienza e la sentenza) sembra non abbiano avuto nessuna esitazione. Per quanto riguarda i contestati 174 giorni in cui Garzillo non si è recato al lavoro alla Regione dicendo di essere impegnato come sindaco, il collegio, con la corposa documentazione portata dalla difesa, è riuscito a giustificarne solo 9. Di conseguenza, nel 2003 l'ex amministratore ha fatto 103 giorni di assenza ingiustificata, nel primo semestre 2004, 63 giorni di «filone». I giudici hanno ritenuto di non dare credito ai brogliacci compilati dallo stesso sindaco che attestavano tutte le riunioni di giunta e commissione andate deserte, sia perchè verbalizzate su un «brogliaccio » informale diverso da quello delle sedute, sia per una serie di circostanze che «affievolivano», per così dire, la credibilità del documento.

«Il registro del 2003 - dicono i giudici - riferisce di 114 riunioni "dichiarate deserte", mentre quello dell'anno successivo (che riporta solo i dati del primo semestre, l'unico interessato dalle contestazioni) riferisce di 53 riunioni deserte, nessuna notizia ivi si rinviene circa le riunioni regolarmente tenutesi». Un numero di riunioni saltate «che deporrebbe per un marcato disinteresse degli altri amministratori e dei funzionari» osservano i giudici, ma che porterebbe il primo cittadino di Banzi grosso modo ad avere un impegno istituzionale pari a quello di Roma, atteso che tra appuntamenti effettuati e andati deserti, c'erano praticamente riunioni un giorno sì ed uno no, incluse domeniche Natale e Pasqua. C'era da farsi in quattro. Ma se a tanto il sindaco non arrivava, risultava contemporaneamente presente in due posti.

«Per citare solo alcuni dei molteplici esempi - dicono i giudici - il 5 maggio 2003 ils indaco Garzillo "verbalizza " che la riunione della commissione usi civici convocata per le 8.30 è dichiarata deserta alle 13.30, mentre per la stessa giornata chiede e ottiene la liquidazione di una missione dalle ore 8 alle ore 15 in località Riofreddo; il 27 giugno 2003 Garzillo "verbalizza " che un'imprecisata Commissione consiliare "è stata chiusa deserta sia nella mattina che nel pomeriggio" e contemporaneamente risulta in missione a Potenza dalle ore 9 alle ore 18; il 5 marzo 2004 Garzillo "verbalizza" una seduta andata deserta di altra imprecisata Commissione consiliare dopo aver atteso dalle 8.15 alle 13.30, ma è la stessa parte ad aver depositato agli atti di causa la documentazione comprovante l'intervento ad un convegno a Bologna». Così di ubiquità che, a volte, si intrecciano anche con il lavoro. «I giorni 24 febbraio, 3 marzo e 24 marzo - scrivono i giudici - Garzillo risulta presente al lavoro dalle ore 8 alle 14, ma nel primo risulta anche in missione proprio a Potenza (sede di lavoro) dalle 8 alle 15, il secondo giorno risulta in missione a Roma per tutta la giornata (fino alle 23) e il terzo giorno ancora in missione a Potenza». Logicamente si tratta di situazioni «impossibili» che sono fruttate la condanna a pagare. Ma la partita non è chiusa.

Le stesse vicende sono anche al centro di una inchiesta penale del Pm Woodcock che ha avviato allo stesso ex sindaco, a 5 componenti della sua giunta e tre dipendenti l'avviso di conclusione delle indagini. E questa prima sentenza non lascia spazio ad ottimismi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie