Martedì 26 Gennaio 2021 | 15:54

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariemergenza Covid
Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

 
PotenzaL'appello
Basilicata, riapertura scuole: «Sui trasporti serve massima attenzione»

Basilicata, riapertura scuole: «Sui trasporti serve massima attenzione»

 
FoggiaControlli dei CC
Rignano Garganico, 8 persone sorprese in bar sprovvisto di licenza: fioccano multe e sanzioni

Rignano Garganico, 8 persone sorprese in bar sprovvisto di licenza: fioccano multe e sanzioni

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto. Altre persone sotto le macerie: 4 feriti gravi

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Abigeato, sgominata banda nazionale

I 42 arresti sono stati effettuati tra le province di Foggia, Bari, Benevento, Perugia e Arezzo. L'indagine è iniziata nel 2006 nel Veronese • Coldiretti: il furto di bestiame fenomeno in crescita
Abigeato, sgominata banda nazionale
PecoreVERONA - I carabinieri di Verona hanno sgominato una organizzazione capeggiata da personaggi di spicco della malavita pugliese e campana specializzati in furti di bestiame che veniva macellato e poi venduto nel sud Italia. Dalle prime ore di stamane i militari dell'arma stanno eseguendo 42 provvedimenti restrittivi emessi dal gip scaligero Monica Sarti su richiesta del pm Carlo Villani ed eseguiti tra le province di Foggia, Bari, Benevento, Perugia e Arezzo.

L'indagine, denominata «Limousine», è iniziata il 12 maggio 2006 dopo il furto di 40 ovini da un allevamento di Nogara (Verona). I carabinieri scaligeri, con il supporto anche dei militari del Nas e del gruppo Noe di Treviso, attraverso intercettazioni telefoniche, riprese video, controlli e pedinamento degli indagati hanno accertato decine di casi di furti per centinaia di capi di bestiame (bovini, cavalli e maiali), per un valore di 2 milioni di euro. Furti che venivano commessi su tutto il territorio nazionale.

Dall'indagine è emerso che l'attività non era occasionale, anzi si trattava di sistematiche azioni predeterminate e compiute dal medesimo gruppo di persone che agiva soprattutto ai danni di allevamenti privi di sistema di allarme, scegliendo i bovini, nella maggior parte dei casi, già pronti per la macellazione, e prediligendo le razze Limousine e Charolaise. L'organizzazione era attrezzata con camion, falsa documentazione di accompagnamento, e contava sulla disponibilità di macelli che non effettuavano alcun controllo, soprattutto di tipo sanitario. Non è escluso infatti che il bestiame avesse qualche problema di carattere sanitario.
La svolta delle indagini quando, raccolte tutte le denunce di furto di bestiame del 2006 e fatte verifiche nell'archivio delle forze dell'ordine sulla presenza di auto nei giorni dei colpi nelle vicinanze degli allevamenti, è emerso il nome di due persone di San Severo (Foggia), controllate appunto nei pressi di alcune aziende agricole poi derubate. Tenendo sotto controllo i due, gli investigatori hanno potuto dare un nome alle persone che facevano parte dell'organizzazione, che agiva con lo stesso modus operandi a prescindere dalla 'squadrà che materialmente compiva il furto. Così le squadre formate da varie persone, hanno operato in Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia e Basilicata.
Prima dei furti venivano svolti sopralluoghi nella zona, e poi si preparavano i mezzi per il trasporto degli animali e la documentazione da esibire in caso di eventuali controlli da parte delle forze dell'ordine. Al momento di agire partiva dalla Puglia, il giorno stesso in cui il furto veniva commesso, un'auto che serviva da staffetta e l'autocarro su cui si caricavano gli animali, che poi venivano portati al sud in strutture di proprietà degli indagati. In tempi reali bovini, equini, ovini e suini venivano macellati clandestinamente.

Nella fase preliminare dell'indagine, a titolo probatorio, i carabinieri di Verona coadiuvati dai colleghi dei comandi provinciali di Padova, Venezia, Rovigo, Ancona, Perugia, Macerata, Siena, Salerno e Benevento hanno sequestrato 13 camion, restituito ai legittimi proprietari centinaia di capi di bestiame e arrestato in flagranza di reato 10 persone. Dalle indagini è anche emerso, grazie al lavoro dei carabinieri del Nas di Padova, Bari, Benevento, Perugia e Arezzo, che alcuni indagati non hanno esitato a macellare capi di bestiame che si sospetta fossero malati o trattati farmacologicamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie