Martedì 19 Gennaio 2021 | 09:33

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'emergenza
Covid, a Gallipoli paura per un focolaio in ospedale

Covid, a Gallipoli paura per un focolaio in ospedale

 
Foggianel Foggiano
Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

 
Barile indagini
Bari, inchiesta escort: in 5 rischiano processo per falsa testimonianza su serate con Berlusconi

Bari, inchiesta escort: in 5 rischiano processo per falsa testimonianza su serate con Berlusconi

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
Potenzala protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
MateraControlli della polizia
Pisticci, in auto con con la droga: arrestati due giovani pusher

Pisticci, in auto con la droga: arrestati due giovani pusher

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Potenza - Giornalisti accusati a vanvera

Due cronisti del "Corriere della Sera" erano accusati - con due magistrati del Tribunale di Potenza - di avere accesso ai dati informatici dell'inchiesta su Vittorio Emanuele. Tutto falso: accuse archiviate dal Tribunale di Catanzaro
Il Tribunale di Potenza ROMA - Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catanzaro Antonio Giglio, accogliendo la richiesta del Procuratore Mariano Lombardi, ha archiviato l'inchiesta relativa ad una presunta diffusione, tra alcuni giornalisti, di una password di accesso al sistema informatico della Procura della Repubblica di Potenza. Il decreto di archiviazione risale allo scorso mese di giugno, ma se ne è avuta notizia solo ora in ambienti di giustizia della Capitale.
Nel procedimento erano indagati, per abuso di ufficio e rivelazione di segreto, il giudice per le indagini preliminari potentino Alberto Iannuzzi, il Pubblico ministero Henry John Woodcock e due giornalisti del "Corriere della Sera", Giovanni Bianconi e Fiorenza Sarzanini.
L'indagine aveva avuto origine da una segnalazione del Prefetto di Potenza, Luciano Mauriello, al Ministero dell'Interno, fatta nel luglio dello scorso anno, pochi giorni dopo l'arresto - richiesto dal Pm Woodcock e disposto dal giudice Iannuzzi - del principe Vittorio Emanuele di Savoia e di altri coindagati. Nella segnalazione si sosteneva che la fuga di notizie sull'inchiesta, ed in particolare la rapida pubblicazione di intercettazioni telefoniche, era da ricondursi al fatto che alcuni giornalisti erano in possesso della chiave di accesso alla rete informatica della Procura di Potenza. Successivamente il Prefetto, sulla base di indicazioni ricevute dal Questore di Potenza, precisò che la chiave di accesso alla quale faceva riferimento era in realtà una "pen drive" (memoria informatica), mediante la quale poteva leggersi l'ordinanza di custodia cautelare, che comprendeva anche le intercettazioni telefoniche.
La notizia della presunta conoscenza da parte di alcuni giornalisti della password della Procura potentina ebbe particolare clamore, al punto che il Ministro dell'Interno Giuliano Amato, in un'audizione dell'11 luglio dello scorso anno alla Commissione affari costituzionali della Camera, si disse «esterrefatto» dei collegamenti tra Procure e giornali, e trasmise subito la nota del Prefetto di Potenza al Ministero della Giustizia, che mandò propri ispettori nel capoluogo lucano.
Dall'inchiesta giudiziaria della Procura di Catanzaro sulla vicenda - oggetto anche di indagini amministrative ed ispettive, tutte archiviate - è emerso, in primo luogo, l'inesistenza di una chiave di accesso ai sistemi informatici della Procura di Potenza. Inoltre, l'ipotesi del Prefetto - che alcuni giornalisti, attraverso la "pen drive", fossero in possesso di copia dell'ordinanza di custodia cautelare contro il principe Vittorio Emanuele ed altri indagati prima ancora della sua esecuzione - è stata definita dal giudice per le indagini preliminari «un'illazione», rimasta priva di riscontri.
Escluso qualsiasi comportamento illecito da parte dei due magistrati potentini che conducevano l'inchiesta, ed escluso anche che i due giornalisti del "Corriere della Sera" che pubblicarono le intercettazioni fossero a Potenza nei giorni immediatamente precedenti agli arresti, è stato deciso di archiviare l'inchiesta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie