Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 04:00

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

«Se volete l'acqua non sprecatela»

L'architetto Pietro Laureano, esperto Unesco nella lotta alla desertificazione, a Matera illustra le sue «Dieci regole» per un uso intelligente della risorsa idrica
MATERA - Uso intelligente dell'acqua, recupero di tecniche tradizionali, blocco della costruzione di grandi dighe, costruzione di sistemi di distribuzione per rendere autonomi gi edifici e divieto di pubblicizzare le acque minerali sono alcune delle «Dieci regole» per governi ed enti locali, messe a punto dall'architetto Pietro Laureano, esperto dell'Unesco nella lotta alla desertificazione.
Laureano è il fondatore della Banca mondiale per le conoscenze tradizionali delle Nazioni Unite, per un corretto uso dell'acqua e per combattere gli effetti procurati dai cambiamenti climatici, dalla siccità e dalla deserticazione. Il «decalogo» chiede di non fornire acqua potabile all'agricoltura, di dare alle abitazioni la quantità necessaria di «ottima» acqua bevibile e acque di «minore potabilità» per usi sanitari, di fornire a tutti gli organismi l'acqua necessaria alla vita. L'esperto invita a cambiare le abitudini di uso e consumo dell'acqua e per questo di vietare la pubblicità delle acque minerali, di rendere autosufficienti gli edifici tramite sistemi di raccolta dell'acqua piovana e il riciclaggio, di rendere autosufficiente l'agricoltura incentivando pratiche di raccolta di acque di superficie, tecniche drenanti e il riciclo.
Fra le richieste di Laureano vi sono il blocco della costruzione di grandi dighe, l'incentivo ai microbacini, la riapertura dei grandi invasi idreolettrici, di lasciare scorrere l' acqua negli alvei dei fiumi, di applicare tecniche tradizionali per la manutenzione dei ghiacciai e di abolire gli innevamenti artificiali. La decima regola suggerita per un corretto uso dell'acqua riguarda l'applicazione di una «urbanistica tridimensionale» basata sul ciclo dell'acqua - atmosfera, suolo, sottosuolo - e l'adattamento delle città ai cambiamenti climatici attraverso tetti-giardino, sistemi di raccolta in superficie e fasce drenanti di alimentazione delle falde sotterranee: «Sembrano - ha detto Laureano - misure drastiche o fantascientifiche e invece è il nostro futuro immediato e necessario in rapporto all'amministrazione di questo bene così diffuso e così prezioso. Se i consumi medi di un Paese occidentale come l'Italia diventassero quelli dei sei miliardi di abitanti della Terra - ha concluso l'esperto dell'Unesco - allora davvero il pianeta, su cui c'è acqua a sufficienza, non ne avrebbe più abbastanza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie