Venerdì 22 Gennaio 2021 | 18:00

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
HomeCovid 19
Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
TarantoLa decisione
Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

 
HomeI dati
Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Accusati di plagio: 4 assolti a Matera

L'accusa sosteneva che - alla metà degli anni Novanta - avessero plagiato gli ospiti della comunità religiosa "Cuore Immacolato di Maria - Casa del divin fanciullo"
MATERA - Il Tribunale di Matera ha assolto quattro persone accusate alla metà degli anni Novanta di aver plagiato gli ospiti della comunità religiosa materana "Cuore Immacolato di Maria - Casa del divin fanciullo", fondata da Nicolina Taddonio nel '92 e attiva fino al '94 alla contrada Guirro del borgo La Martella.
Sono stati assolti perchè il fatto non sussiste i dipendenti dell'Ispettorato del Lavoro di Matera Rosa Loponte, di Ferrandina, e Angelo Fiorente, di Bari, e le collaboratrici di Taddonio Vincenza Volpe, di Matera, e Antonella Marolla, di Andria (Bari).
L'accusa nei loro confronti era di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro la persona, come l'aver procurato lo stato di incapacità di intendere e volere, mediante suggestione e captazione psicologica, nei confronti di frequentatori della comunità religiosa. Gli imputati sono stati assolti anche dall'accusa di sequestro di persona.
Il pubblico ministero Salvatore Colella aveva chiesto l'assoluzione per tutti i reati. La posizione della fondatrice Nicolina Taddonio, difesa dall'avvocato Damiano Pantaleo, era stata stralciata nei mesi scorsi, a causa delle sue precarie condizioni di salute.
L'inchiesta, condotta dai Carabinieri, era partita nel '94 dalle denunce di alcuni famigliari dei giovani che erano entrati a far parte della comunità. La fondatrice e le altre quattro persone erano state rinviate a giudizio nel 1996.
Il Tribunale di Matera ha condannato a sei mesi con la condizionale Loponte e Fiorente per concorso in rivelazione di segreto di ufficio. L'accusa aveva contestato loro di aver preannunciato nel 1994 a Taddonio una visita ispettiva presso il negozio di una delle adepte, per accertare la presenza di un giovane ospite della comunità assunto irregolarmente.
L'avvocato Michele Scalcione, difensore di uno degli indagati, insieme all'avvocato Maria Gurrado, ha preannunciato appello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie