Sabato 16 Gennaio 2021 | 10:06

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materal'annuncio
Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

Pisticci, analisi tossicologiche saranno possibili nell'ospedale di Tinchi

 
PotenzaL'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 
Leccetragedia evitata
Porto Selvaggio, donna resta bloccata sulla scogliera: salvata dai vigili del fuoco

Porto Selvaggio, donna resta bloccata sulla scogliera: salvata dai vigili del fuoco

 
TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Inchiesta Vip - Soltanto «coccole», per Gregoraci e Sottile

Verso l'archiviazione l'accusa di concussione sessuale: nell'ufficio della presidenza del Consiglio nel Palazzo della Farnesina, la soubrette Elisabetta Gregoraci e Salvatore Sottile, ex portavoce dell'ex ministro degli esteri, Gianfranco Fini, si sarebbero scambiati soltanto affettuosità, non avrebbero fatto sesso. I pm però - che hanno stralciato dal fascicolo, giunto dalla procura di Potenza, la posizione di Sottile - l'hanno indagato per peculato per aver usato l'auto di Stato per motivi personali
ROMA - Soltanto «coccole», affettuosità scambiate con la soubrette Elisabetta Gregoraci nell'ufficio della presidenza del Consiglio nel Palazzo della Farnesina, da cui non sarebbe scaturito sesso, ma anche in questo caso, non sarebbe stata provata la concussione sessuale finalizzata, secondo le originarie accuse, a raccomandazioni per poter lavorare in Rai. Con questa motivazione i pm della procura di Roma, Giancarlo Amato e Maria Cristina Palaia si apprestano a chiedere l'archiviazione della posizione di Salvatore Sottile, ex portavoce dell'ex ministro degli esteri, Gianfranco Fini.
Analoga richiesta viene fatta per l'ex funzionario della Rai, Giuseppe Sangiovanni. I pm, tuttavia, hanno stralciato dal fascicolo, giunto dalla procura di Potenza, la posizione di Sottile e lo hanno indagato per peculato per aver usato l'auto della presidenza del consiglio a sua disposizione per motivi personali.
Uno di questi risale proprio al 10 marzo del 2005. In quella data Elisabetta Gregoraci - che negò di aver fatto sesso con Sottile durante l'interrogatorio svoltosi in gran segreto nel luglio scorso nel "bunker" di piazza Adriana a Roma (sede di un ufficio della procura) per scongiurare la presenza della stampa - si recò nell'ufficio di Sottile al ministero degli esteri venne accompagnata a destinazione dall'auto e dall'autista della presidenza del Consiglio (Sottile era portavoce di Fini, all'epoca vicepremier). I pm stanno esaminando anche altri episodi in cui l'auto di Palazzo Chigi sarebbe stata utilizzata per viaggi o spostamenti non attinenti a motivi di servizio.
Sottile, così come comunicato dalla Presidenza del Consiglio, era quale portavoce di Fini «incaricato di pubblico servizio». Qualifica che sarebbe stata necessaria per formalizzare la cosidetta concussione sessuale di cui però non c'è prova. Salvatore Sottile fu arrestato su disposizione del gip di Potenza Alberto Iannuzzi che accolse la richiesta del pm Henry John Woodcock, misura poi trasformata in arresti domiciliari revocati su disposizione del gup di Roma, Renato Laviola, quando gli atti dell'indagine passarono alla procura di Roma. Intanto prosegue l'inchiesta sulla presunta corruzione di funzionari dei Monopoli, che vede coinvolto Vittorio Emanuele. I pm Palaia e Amato hanno inviato agli indagati avviso di proroga delle indagini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie