Mercoledì 22 Gennaio 2020 | 14:44

Il Biancorosso

Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari in notturna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa truffa
Bari, falsificarono fogli di presenza, indagati dipendenti Arif

Bari, falsificarono fogli di presenza, indagati dipendenti Arif

 
LecceL'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
PotenzaI finanziamenti
Potenza, in arrivo 7 milioni dalla Regione per il settore ortofrutticolo

Potenza, in arrivo 7 milioni dalla Regione per il settore ortofrutticolo

 
FoggiaLe ricerche
Pantera in azione nel Foggiano, trovata una capra sgozzata

Pantera in azione nel Foggiano, trovata una capra sgozzata

 
TarantoTragedia sfiorata
Taranto, ArcelorMittal, tre esplosioni in Acciaeria 2, nessun ferito

Taranto, ArcelorMittal, tre esplosioni in Acciaeria 2, nessun ferito

 
HomeIntimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 

i più letti

Basilicata, fioccano richieste di permessi delle compagnie petrolifere Manifestazione anti-trivelle

di PINO PERCIANTE
POTENZA - Cresce sempre di più l’attenzione delle compagnie petrolifere verso la Basilicata. Lo dimostra l’elevato numero di richieste di permessi: ce ne sarebbero almeno una ventina e riguardano l’intero territorio lucano, dal Potentino alla provincia di Matera. Le zone: si va da Montalbano a Senise; da Lagonegro a Spinoso, da Lauria a Brienza, da Abriola ad Atella, da San Fele ad Acerenza, a Genzano, Maschito, Palazzo, Venosa, Balvano, Baragiano e Pescopagano
L'elenco dei richiedenti
Trivelle, dopo l’ok di Guidi parte l’altolà della Puglia
Basilicata, fioccano richieste di permessi delle compagnie petrolifere Manifestazione anti-trivelle
di Pino Perciante

POTENZA - Alla vigilia dell’incontro previsto per il 4 giugno tra il presidente della Regione Marcello Pittella e il ministro Federica Guidi, durante il quale si parlerà del futuro delle estrazioni di greggio in Basilicata, cresce sempre di più l’attenzione delle compagnie petrolifere verso la Basilicata. Non è una percezione, lo dimostra l’elevato numero di richieste di permessi: ce ne sarebbero almeno una ventina e riguardano l’intero territorio lucano, dal Potentino alla provincia di Matera (si veda il box che pubblichiamo al lato).

Le zone: si va da Montalbano a Senise; da Lagonegro a Spinoso, da Lauria a Brienza, da Abriola ad Atella, da San Fele ad Acerenza, a Genzano, Maschito, Palazzo San Gervasio, Venosa, Balvano, Baragiano, Pescopagano e via dicendo. Eppure i 39 pozzi oggi attivi in val d’Agri dai quali vengono pompati 90 mila barili al giorno di greggio e circa 3, 5 milioni di metri cubi di gas incidono per meno del 4 per centro sulla bilancia energetica del paese e rappresentano solo il 6 per cento del fabbisogno nazionale. Ma si potrebbe produrre di più, dicono i petrolieri. Perché in Basilicata, sostengono, ci sono molte aree ancora tutte da investigare. E di questi tempi, con il prezzo che è destinato a salire, e con le riserve occidentali in progressivo esaurimento, non c'è da star lì a immaginare scenari di energie alternative che incideranno, forse, tra decenni. Perché nel frattempo il mondo gira alla velocità che conosciamo, e ciò che lo fa girare, piaccia o meno, è quel fossile che molti chiamano «oro nero». Dunque la parola d'ordine è: trivellare. Ovvero: abbiamo il petrolio, andiamo a prendercelo. Da qui il «boom» di richieste.

«Tra quelle già in essere e quelle che stanno per arrivare – dice Giuseppe Di Bello del movimento Liberiamo la Basilicata - il territorio lucano rischia di essere invaso dalle trivelle per oltre il 75 per cento. Un disastro. C’è il rischio che domani mi alzo e trovo un pozzo anche di fronte casa mia».

Dalla Regione Basilicata fanno sapere che verrà valutato caso per caso, con grande attenzione e rigore, alla luce della volontà politica più volte espressa dal presidente e dalla giunta di salvaguardare il territorio evitando di trasformare la Basilicata in una regione gruviera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie