Giovedì 04 Giugno 2020 | 13:19

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariTecnologia
«Immuni, applicazione pericolosa e inutile»

«Immuni, applicazione pericolosa e inutile», il parere dell'avvocato

 
Potenzafase 2
Dalla grande distribuzione ai villaggi turistici: l’obiettivo sono 1.250 test ogni giorno

Dalla grande distribuzione ai villaggi turistici: in Basilicata l’obiettivo sono 1.250 test al giorno

 
Tarantol'onorificenza
Beniamino Laterza

Taranto, un vigilante del «Moscati» ora è Cavaliere della Repubblica

 
Materadalla polizia
Matera, palpeggia 17enne che cammina per strada: arrestato 46enne

Matera, palpeggia 17enne che cammina per strada: arrestato 46enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

San Severo, in casa eroina e cocaina: giovane pusher ai domiciliari

 
BrindisiL'intimidazione
Ostuni, incendiata auto a ex sindaco

Ostuni, incendiata auto in pieno giorno: terzo attentato all' ex sindaco

 

i più letti

Nidi accoglienti per grifoni «lucani»

POTENZA – Sono quattro i siti di nidificazione del grifone attualmente monitorati tra le aree dei Parchi nazionale del Pollino e dell’Appennino lucano, di cui due a Civita (Cosenza), nell’area di rilascio, e due a San Martino d’Agri (Potenza). Il progetto di reintroduzione nel Parco nazionale del Pollino è cominciato nel 2002
Nidi accoglienti per grifoni «lucani»
POTENZA – Sono quattro i siti di nidificazione del grifone attualmente monitorati tra le aree dei Parchi nazionale del Pollino e dell’Appennino lucano, di cui due a Civita (Cosenza), nell’area di rilascio, e due a San Martino d’Agri (Potenza). Il progetto di reintroduzione nel Parco nazionale del Pollino, secondo quanto reso noto in un comunicato, è cominciato nel 2002 con l’arrivo del primo nucleo di grifoni provenienti dalla Spagna. Nel 2012 i ricercatori dell’Ufficio Conservazione del Parco hanno registrato le prime nidificazioni in due siti sulle pareti del Torrente Raganello, in un’area di Civita. Nello stesso anno, con l’utilizzo della radiotelemetria, sono stati monitorati i movimenti di grifoni tra l’area di rilascio e il Parco dell’Appennino Lucano.

Nel corso di questo anno, infine, è stata realizzata una collaborazione con alcuni ricercatori, che ha permesso di “indagare in modo più approfondito, sulle ormai sistematiche escursioni, circa 50 chilometri in linea d’aria, di alcuni individui nel Parco confinante. E’ proprio grazie a questa collaborazione – si precisa nella nota – che è stata accertata la presenza di quattro pulcini, due per area protetta (e attualmente in stadi di sviluppo diversi), in un ampio contesto ambientale, difficile da prevedere all’origine, ma apparentemente considerato da questi avvoltoi come un’unica area in cui alimentarsi e riprodursi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie