Domenica 17 Gennaio 2021 | 01:27

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

A Potenza sventata guerra di mafia

E' questo lo scenario che la procura del capoluogo lucano ritiene di avere scongiurato con un'operazione scattata ieri pomeriggio, che ha portato all'arresto di sei persone
POTENZA - Una guerra di mafia a colpi di kalashnikov, per il controllo del mercato della droga in provincia di Potenza. E' questo lo scenario che la procura del capoluogo lucano ritiene di avere scongiurato con un'operazione scattata ieri pomeriggio, che ha portato all'arresto di sei persone (una settima è ancora latitante).
Gli arrestati appartengono alla cosca detta dei «Basilischi», legata alla 'ndrangheta e protagonista negli anni scorso di numerosi fatti di sangue, per i quali sono in corso diversi processi. L'operazione è stata coordinata dal sostituto procuratore antimafia Francesco Basentini e condotta congiuntamente dal comando provinciale dei carabinieri e dalla squadra mobile della questura. L'accusa per tutti gli arrestati è di associazione per delinquere di stampo mafioso.
Secondo gli inquirenti, all'interno dei Basilischi si erano formati di recente due gruppi rivali, che si stavano preparando ad una guerra per il predominio ed avevano perciò accumulato mitra, pistole e munizioni.
Uno dei gruppi ha base a Pignola, piccolo comune confinante con Potenza, ed è guidato da Saverio Riviezzi, 41 anni (l'unico sfuggito ieri alla cattura). L'altro gruppo ha base nel capoluogo ed è capeggiato da Antonio Cossidente, 41 anni. Riviezzi fino a poco tempo fa veniva considerato il capo dei Basilischi, ma il suo potere evidentemente stava per essere messo in discussione dal rivale.
Polizia e carabinieri di Potenza ritengono di avere prove certe che le due bande intendevano commettere omicidi per acquisire il controllo della piazza. I primi da eliminare sarebbero stati i rispettivi capi. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati due kalashnikov, un fucile a canne mozze, una carabina, quattro pistole e molte munizioni.
Gli arrestati, oltre a Cossidente, sono Domenico Riviezzi, 33 anni, di Pignola, Franco Raffaele Rufrano, 40, di Potenza, Nicola Sarli, 36, di Potenza, Leonardo Stolfi, 41, di Potenza e Pasquale Marino, 33, di Pignola. Saverio Riviezzi è ancora latitante.
«La apparente pax mafiosa - ha commentato il procuratore capo di Potenza, Giuseppe Galante - che da due o tre anni ad oggi ha alimentato da più parti la fallace e semplicistica visione di una Basilicata ormai purificata e tranquilla, è evidentemente crollata. Abbiamo impedito, con la esecuzione dei fermi, ben più gravi conseguenze».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie