Martedì 20 Agosto 2019 | 21:52

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, le prove sono finitemanca una identità definita

Bari, le prove sono finite manca una identità definita

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPolizia locale
Bari, sequestrati 70 chili di pesce e carne congelata in ristorante

Bari, sequestrati 70 chili di pesce e carne congelata in ristorante

 
PotenzaIl recupero
Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

Potenza, abbandonati in un sacco e gettati in canalone: la polizia salva 9 cuccioli

 
TarantoLa denuncia
ArcelorMittal, Usb: «A rischio crollo parte del tetto dell'Acciaieria1»

ArcelorMittal, Usb: «A rischio crollo parte del tetto dell'Acciaieria1»

 
LecceLo sbarco
Leuca, intercettata barca a vela: a bordo 70 migranti, di cui 19 minorenni

Leuca, intercettata barca a vela: a bordo 70 migranti, di cui 19 minorenni

 
FoggiaIl caso
Foggia, fiamme lungo i binari: traffico ferroviario sospeso e ritardi

Foggia, fiamme lungo i binari: traffico treni a singhiozzo. 
Uomo travolto da Lecce-Milano

 
BrindisiSu Instagram
Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

 
MateraNel Materano
Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

 
BatL'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 

i più letti

Prodi spinge la ricerca del petrolio in Basilicata

di MIMMO SAMMARTINO
POTENZA - Romano Prodi ragiona sulle opportunità che possono derivare dalle risorse che abbiamo. E che, al momento, non sono sfruttate come potrebbero. E ha fatto riferimento (anche) al petrolio lucano. A quello estraibile su terraferma e all’altro che si potrebbe estrarre sulle coste. Dinanzi alla necessità di reperire risorse per il Paese, davanti al disorientamento di chi non sa dove cercarle, l’ex presidente del Consiglio dice: per trovare i soldi che servono, dice lui, basterebbe mettersi a scavare
Prodi spinge la ricerca del petrolio in Basilicata
di Mimmo Sammartino

POTENZA - Romano Prodi ragiona sulle opportunità che possono derivare dalle risorse che abbiamo. E che, al momento, non sono sfruttate come potrebbero. E ha fatto riferimento (anche) al petrolio lucano. A quello estraibile su terraferma e all’altro che si potrebbe estrarre sulle coste. Dinanzi alla necessità di reperire risorse per il Paese, davanti al disorientamento di chi non sa dove cercarle, l’ex presidente del Consiglio dice: per trovare i soldi che servono, dice lui, basterebbe mettersi a scavare. Prodi si riferisce alle estrazioni petrolifere e cita, fra le realtà che potrebbero dare di più, Basilicata e regioni vicine. Fra giacimenti di terraferma e quelli in mare, dice, si potrebbe moltiplicare la produzione.Non ignora che molte perplessità riguardano sicurezza e protezione dell’ambiente («sono per tutti una priorità»). Né nega che «il principio di precauzione» debba avere «la precedenza su tutto». Purché però, aggiunge, tutto questo non significhi «impedimento a fare». Perché, sostiene tra l’altro Prodi, «il nostro Paese ha conoscenze, tecnologia, esperienza per riuscirvi e ha una delle più severe legislazioni a tutela dell’ambiente e della sicurezza dei territori».

A queste affermazioni è seguito un grande silenzio in Basilicata. Gli ha risposto solo il giovane presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza (Pd). «Meno male che lo stesso Prodi, dopo aver sottolineato che a suo parere occorre sfruttare tutte le risorse petrolifere disponibili, sostiene che “il principio di precauzione ha la precedenza su tutto” - dice Lacorazza. - È proprio per questo motivo che io sono fermamente contrario alle ricerche petrolifere (cioè alle trivellazioni) vicino alle coste. E poi voglio ricordare a me stesso, prima ancora che a Prodi, che con le risorse petrolifere la Basilicata contribuisce già quasi al 10% del fabbisogno energetico dell’Italia, e il completamento del programma dell’Eni, così come l’entrata in produzione del giacimento della Total, faranno lievitare a oltre il 15% il nostro contributo».

Lacorazza auspica che si possa ritrovare «lo spirito di collaborazione fra Istituzioni che proprio Prodi mostrò di avere a cuore con gli accordi del 1998, per verificare cosa non ha funzionato in questi anni e cosa possiamo fare di più (e meglio) innanzitutto per tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini. Ci vuole una nuova intesa istituzionale fra Governo e Regione, lo Stato deve realizzare infrastrutture fondamentali e le compagnie petrolifere devono fare in Basilicata investimenti produttivi veri. Il tutto va fatto con equilibrio, oltre che con il già citato principio di precauzione. Lavoro e sviluppo, ambiente e salute non sono parole buone solo per i convegni. Devono essere l’architrave della nuova intesa». Si resta in attesa delle mosse del Governo. Domani il presidente della Regione, Marcello Pittella, incontra il ministro dello Sviluppo economico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie